Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La banca centrale americana rischia di “volare alla cieca” – E24

La banca centrale americana rischia di “volare alla cieca” – E24

Un potenziale lockdown negli Stati Uniti potrebbe ritardare importanti dati sull’inflazione. — Potrebbe diventare difficile per la banca centrale prendere una decisione, afferma il capo economista.

Pubblicato: Pubblicato:

La banca centrale americana, la Federal Reserve, potrebbe trovarsi ad affrontare sfide alla prossima riunione sui tassi di interesse se il governo americano dovesse chiudere i battenti.

– Il blocco potrebbe comportare la mancata pubblicazione di alcune statistiche, dice a E24 il capo economista Knut Magnussen di DNB Markets.

Alla riunione sui tassi di interesse della scorsa settimana, la Fed ha mantenuto i tassi di interesse invariati. Il Comitato per i tassi di interesse ha detto che lo farà Prestare molta attenzione a Dati economici su occupazione e inflazione, tra gli altri.

– Potrebbe essere difficile per la banca centrale prendere una decisione a novembre se non ci saranno nuovi dati in ottobre, dice Magnussen.

Leggi anche

Gli Stati Uniti sono ancora una volta minacciati di chiusura

Le statistiche potrebbero subire ritardi

Il prossimo anno finanziario degli Stati Uniti inizierà il 1° ottobre, ma il governo fatica ad approvare il bilancio. Se non lo farà, il governo degli Stati Uniti potrebbe essere chiuso. Quindi statistiche importanti come i dati sull’inflazione possono essere rinviati.

READ  Giudici della Premier League, Premier League | Voci di Premier League giovedì

“Se lo shutdown continua per un mese o più, la Fed si ritroverà effettivamente confusa alla riunione di novembre”, ha scritto in una nota recente Aditya Bhave, economista della Bank of America. Secondo la CNBC.

Il prossimo incontro sui tassi di interesse negli Stati Uniti si terrà alla fine di ottobre e la decisione sui tassi di interesse sarà presentata il 1° novembre.

Dopo un lungo periodo di tassi di interesse in rialzo, molti analisti ritengono ora che un picco dei tassi di interesse sia proprio dietro l’angolo, sia qui in patria che negli Stati Uniti.

La Norges Bank prevede che per dicembre il tasso d’interesse raggiungerà un picco del 4,5%. Negli Stati Uniti il ​​tasso d’interesse di riferimento è salito nell’intervallo compreso tra il 5,25 e il 5,5%.

– Sei guidato dai dati?

Secondo il sito economico DNB, i dati sull’inflazione statunitense previsti per il 12 ottobre potrebbero essere a rischio in caso di un blocco prolungato. Il 6 ottobre saranno pubblicati anche i dati centrali sull’occupazione (libri paga non agricoli).

La Banca Centrale ora fa affidamento sui dati. Se non ricevono alcun dato, devono attendere che arrivino. Successivamente l’incontro sui tassi sarà probabilmente meno interessante, afferma Magnussen.

– Quindi può aiutare a ritardare il cambiamento?

– È probabile che ciò contribuisca a rinviare in una certa misura la decisione.

I tassi di interesse statunitensi sono importanti per l’economia globale, ma DNB ritiene che la Fed abbia finito di aumentare i tassi di interesse per ora. Pertanto, secondo Magnussen, l’andamento dei tassi di interesse in Norvegia non sarà influenzato in modo significativo da quello negli Stati Uniti.

READ  Marca: il Liverpool ha preso di mira il giocatore più offensivo del mondo

L’unica cosa che potrebbe avere importanza è se l’economia americana dovesse rallentare drasticamente a causa del blocco. Dice: Ma penso che sia improbabile.

Capo economista Knut Magnussen presso DNB Markets.

E’ già successo prima

I lockdown negli Stati Uniti hanno portato più volte al rinvio delle dichiarazioni ufficiali, scrive Il giornale di Wall Street.

Una chiusura di 21 giorni nel 1996 ha ritardato i dati sull’occupazione di due settimane. Una chiusura di 16 giorni nel 2013 ha ritardato di due settimane i dati sull’inflazione e sull’occupazione.

“Dovremo affrontare proprio questo”, ha detto il presidente della Fed Jerome Powell durante una conferenza stampa la scorsa settimana, quando gli è stato chiesto del potenziale ritardo nei dati pubblici.

– Qual è il rischio di chiusura adesso?

– Penso che sia relativamente grande. Magnussen afferma che gli Stati Uniti hanno 12 aree di bilancio su cui concordare, e su nessuna di esse è stato raggiunto un accordo.

Sottolinea che c’è un piccolo gruppo nel Partito repubblicano che sta pagando. Anche questo lo era Tanta confusione E tutti loro 15 turni di votazione Prima che il partito potesse eleggere Kevin McCarthy come presidente della Camera a gennaio.

L’economista della DNB afferma che la situazione del bilancio negli Stati Uniti può essere risolta adottando la cosiddetta “risoluzione continua”.

– Allora il bilancio esistente continuerà. Non sono troppo preoccupato per la situazione, penso che la cosa possa essere risolta senza troppe conseguenze. Ma la chiusura è uno dei tanti fattori che potrebbero portare in futuro a uno sviluppo leggermente più debole negli Stati Uniti, dice.

READ  9,7 milioni di clienti violati: l'azienda si rifiuta di pagare