Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La barca dell’oligarca è scomparsa senza lasciare traccia: è così che è scappato il miliardario

Secondo quanto riferito, uno yacht di lusso di proprietà dell’oligarca russo Dmitry Mazebin è scomparso da un porto dell’isola italiana della Sardegna senza lasciare traccia.

Scrive Custode.

Mazepin è un ricco oligarca bielorusso-russo con stretti legami con il presidente Vladimir Putin. A partire da marzo 2022, è stato sanzionato sia dall’Unione Europea che dalla Gran Bretagna.

L’oligarca è diventato miliardario grazie alla società russa di fertilizzanti minerali Uralchem, di cui possiede la maggioranza. Secondo Forbes, nel 2015 aveva un patrimonio netto di 1,3 miliardi di dollari.

Scomparso ore prima della conferma

Secondo The Guardian, la nave “Aldabra” lunga 22 metri ha un valore compreso tra 7,3 milioni e 10,3 milioni di corone norvegesi.

La nave sarebbe stata sequestrata nella città portuale sarda di Olbia nel marzo di quest’anno, dove sarebbe rimasta fino a giugno. I funzionari hanno faticato a confermare chi lo possedeva a causa della struttura aziendale poco chiara e dei molteplici intermediari, cosa non insolita per le proprietà di proprietà degli oligarchi.

Ore prima che fosse confermato che la nave apparteneva a Mazebin, ne fu data la scomparsa. Secondo Custode.

Secondo quanto riferito, Italian Ecocrime ha faticato a confermare chi fosse il vero proprietario dietro di esso:

“Mazepin sapeva di essere sulla lista (a cui apparteneva). Stavamo per confermare (la proprietà) quando è scomparsa”, ha detto una fonte di Italian Ecocrime, secondo The Guardian.

ha utilizzato la società come intermediario

Secondo la polizia sarda, Mazepin avrebbe assunto una compagnia straniera, che ha assunto un capitano sardo per spostare la nave dall’Italia. Non si sa dove sia stata scattata.

READ  Proprietario, direttore e direttore delle operazioni arrestati dopo un incidente con la funivia - NRK Urix - Notizie e documentari all'estero

Tuttavia, le indagini hanno rivelato che la nave ha fatto una breve sosta a Biserta, in Tunisia.

Secondo la polizia italiana, la compagnia che ha organizzato la crociera, la Masepin, e il capitano, che ha detto di non sapere che appartenesse all’oligarchia, sono stati condannati a una multa di 5,2 milioni di corone norvegesi per aver allontanato illegalmente la nave dall’Italia. , secondo il giornale.

Questo è il primo caso in Italia di un russo che elude le sanzioni Ue.

Si dice che anche la villa di Mazepin in Sardegna sia ghiacciata.