Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La Cina definisce la nuova indagine dell’OMS “arrogante” e “irrispettosa”

Lo stato è aggiornato.

Lo ha detto giovedì il viceministro della Commissione sanitaria del Paese, Zheng Yixin.

La scorsa settimana, l’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato che era troppo presto per escludere qualsiasi collegamento tra l’epidemia e la fuga di coronavirus da un laboratorio cinese.

La proposta per la seconda fase dell’indagine mostra che il capo dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus vuole supervisionare diversi laboratori e istituti di ricerca correlati che operavano a Wuhan quando è stato scoperto il primo caso di coronavirus nel dicembre 2019.

Buon senso

Cheng rifiuta la teoria che il virus provenga da un laboratorio e la chiama una reputazione che va contro la scienza e il buon senso.

Dice che il laboratorio di Wuhan non contiene virus che possono infettare direttamente gli esseri umani.

Ha anche affermato che la Cina ha condotto ripetute indagini e che le autorità del Paese non accettano il piano dell’Organizzazione mondiale della sanità di continuare le indagini.

conclusione originale

Un gruppo di esperti dell’OMS ha visitato Wuhan all’inizio di febbraio per indagare sulle accuse. All’epoca conclusero che la teoria che il virus fosse accidentalmente fuoriuscito dal laboratorio di virologia della città era “altamente improbabile”.

L’organizzazione aveva precedentemente messo in guardia contro la politicizzazione della ricerca sull’origine del virus.

L’affermazione che il virus provenisse da un laboratorio di Wuhan è stata, tra l’altro, promossa dall’ex presidente Donald Trump e a lungo considerata una teoria del complotto, promossa dalla destra negli Stati Uniti.

Tuttavia, l’Organizzazione mondiale della sanità ha chiesto un maggiore accesso ai dati grezzi dalla Cina, una richiesta a cui la Norvegia, tra gli altri paesi, ha aderito.

READ  Il mistero del loft risolto: la storia di Henning

pagaia

Il giornale ha scritto a maggio Il giornale di Wall StreetFacendo riferimento a un rapporto dell’intelligence statunitense, tre ricercatori in un laboratorio di Wuhan sono stati ricoverati in ospedale con sintomi di Covid-19 diverse settimane prima della scoperta del coronavirus e le autorità cinesi lo hanno segnalato all’Organizzazione mondiale della sanità.

Secondo il rapporto, i tre si sono ammalati dopo aver visitato una grotta con i pipistrelli nella provincia dello Yunnan. Le autorità cinesi lo negano, ma il presidente Joe Biden ha concesso all’intelligence Usa tre mesi per arrivare alla verità.

Gli esperti ritengono che il virus abbia avuto origine dai pipistrelli ferro di cavallo e che sia stato trasmesso all’uomo da un altro animale, forse un mollusco. Non sono sicuri che sia successo a Wuhan.

(© NTB)