Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La compagnia di energia eolica NBT dovrebbe raccogliere 1,4 miliardi prima di luglio – E24

La ricerca di capitale NBT continua negli straordinari dopo che Aker ha ritirato la sua miliardesima offerta a gennaio. Allo stesso tempo, quest’ultima sarà probabilmente costretta ad aumentare la propria partecipazione nella società eolica, che è sotto forte pressione.

Alla ricerca del lavoro straordinario: il presidente della NBT Joar Viken (a destra) Corona saluta il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nell’agosto 2020 in relazione al principale progetto eolico dell’azienda. Da allora, Aker ha ritirato l’offerta pubblica di acquisto per la società e NBT dovrebbe trovare altrove il capitale necessario.

NBT

Pubblicato: Pubblicato:

Il tempo stringe inesorabilmente per NBT dopo che Aker ha sorprendentemente abbandonato l’acquisizione annunciata della società di energia eolica per 3,1 miliardi di NOK a gennaio.

La scorsa settimana, il CEO di NBT Joar Viken ha convinto con successo i creditori ad accettare scadenze differite su due prestiti obbligazionari per un totale di 1,4 miliardi di NOK, da fine aprile a fine giugno.

NBT è alla ricerca di finanziamenti a lungo termine per il progetto eolico Zophia in Ucraina dall’agosto dello scorso anno e una delle principali banche statunitensi utilizza JP Morgan come consulente.

Le note ai conti annuali 2019 di NBT, pubblicate alla fine di giugno 2020, indicano che la società è in dialogo con un investitore industriale (Aker, ndr) che vuole acquistare una quota di maggioranza.

Se questa transazione prevista, o un trattamento simile, non viene realizzata per qualsiasi motivo, le condizioni preliminari per “continuare l’attività” (continuazione del processo, ndr) saranno gravemente minacciate e il gruppo potrebbe essere costretto a svalutare il valore dei suoi beni “, afferma il rapporto.

Il deficit totale per la NBT è di 1 miliardo di corone dal 2008.

Leggi anche

Aker attira miliardi di offerte per la società di energia eolica NBT

Al-Aker ha fornito un prestito di 122 milioni di corone danesi.

Aker possedeva già l’8,3% di NBT quando l’offerta è stata presentata la scorsa estate. Secondo Aker, è stato finalmente redatto dopo una “valutazione globale”.

Tra le condizioni c’erano il completamento del processo di due diligence, l’approvazione parlamentare di un nuovo sistema tariffario in Ucraina e il finanziamento del progetto Zovia.

Aker non ha voluto rivelare le condizioni che non si sono concretizzate.

– Non entrare e commentare i dettagli. Il direttore delle comunicazioni di Aker Atle Kigen ha dichiarato per l’E24 a gennaio che si basava su una valutazione approfondita.

L’offerta di Aker era di 70 NOK per azione. Anche se il gruppo industriale non vuole concludere l’affare, probabilmente dovrà presto aumentare la sua partecipazione in NBT alla stessa valutazione.

Quota di acquisizione: Aker, qui per il proprietario principale Kjell Inge Røkke.

Hanna Christine Hajardar / E24

Aker Onshore Wind, la società che avrebbe dovuto acquistare NBT, ha concesso a quest’ultima un prestito convertibile di 122,3 milioni prima di Natale dello scorso anno. Mostra i verbali del tabellone da NBT a cui è stato consentito l’accesso all’E24.

I grassi sono stati rimossi da parti del protocollo, quindi lo sfondo del prestito non viene menzionato.

Secondo il contratto di prestito, Aker Onshore Wind eserciterà il suo diritto di trasferimento entro e non oltre il 31 maggio 2021 o quando NBT avrà rimborsato i suoi altri debiti.

Se NBT non riceve finanziamenti alternativi entro poco più di un mese, Aker dovrebbe convertire il prestito in azioni, aumentando così la sua quota di partecipazione al 12,8%.

Il direttore delle comunicazioni di Aker Atle Kigen ha confermato a E24 che il prestito non è stato ancora trasferito, ma non desidera commentare ulteriormente la questione.

Leggi anche

Non lancerai ancora carte all’NBT: è così che Aker sta investendo miliardi in così tanti cavalli rinnovabili

Arctic Securities è uno dei principali proprietari

Il maggior proprietario di NBT, con il 24,5% delle azioni, è la società di intermediazione norvegese Arctic Securities.

Il più grande proprietario: Arctic Securities e il CEO Mads Syversen sono quotati con il 24,5% delle azioni di NBT, ma i veri proprietari della maggior parte di queste azioni sono molto probabilmente i clienti dell’intermediazione.

Knut Eric Knudsen

Tuttavia, i conti del 2019 di NBT mostrano che queste azioni sono state vendute con contratti futures, quindi non è chiaro cosa sia di proprietà della società di intermediazione stessa e cosa possieda i suoi clienti.

Il resto della lista degli azionisti è dominato anche da noti clienti artici, come l’erede di Block Wathne Lars Nilsen all’8,3%, Trond Meen al 2,9% e Karl Eric Krefting all’1,3%.

Arctic Securities non ha fornito informazioni dettagliate sull’entità della sua esposizione finanziaria a NBT dal 2013, quando è stato annunciato che la società aveva un investimento di capitale di circa 60 milioni di NOK.

Anche il capo dell’Artico Mads Severson non ha risposto alle domande dell’E24 via e-mail.

Né il presidente della NBT Joar Viken né il presidente della società Svein Sivertsen hanno risposto alle richieste E24 per telefono e SMS.

L’ultimo aggiornamento di notizie sul sito web NBT è del 7 aprile, che presenta immagini di “viste superbe” dalla cima di una turbina del parco eolico Syvash in Ucraina.

Costruzione in Ucraina: NBT avrà 63 turbine eoliche in funzione a Syvash Park in Ucraina nel mese di giugno.

NBT

È stato inoltre annunciato che tutte le 63 turbine del parco saranno operative nel mese di giugno, quando produrranno 246 megawatt di “energia pulita e rinnovabile”.

Il progetto Syvash ha comportato investimenti per oltre 4 miliardi di NOK ed è una collaborazione tra NBT e Total Eren.

Il progetto Zophia è più di tre volte la dimensione, con una capacità vicina a 800 megawatt, e si stima che genererà quasi 12 miliardi di corone norvegesi in investimenti stranieri in Ucraina, secondo il sito web NBT.

Pubblicato:

READ  - I rischi climatici devono governare - E24