Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Mel Marie Tricho ha mostrato il castello di Fritzuhuis

“L’idea a volte mi stordisce – è bello averne un po ‘da mantenere. Ma poi torno al fatto che sono così fortunato e mi vedo molto fortunato ad avere queste cose belle intorno a me.”

Mel Marie Trichaux (1954-2018)

26 settembre 2018 Castello di Fritzwehios

Castello di Fritzhus. Il castello di Larvik fu costruito nel 1863 in stile rinascimentale neo-italiano. Con 75 camere distribuite su una superficie di 2.300 metri quadrati, è la più grande casa di proprietà privata in Norvegia. Foto: Camilla Block

Mille-Marie Treschow ci dà il benvenuto a Fritzøehus Castle Square, la sua casa da oltre 30 anni. Da questo lato, vedi l’ala est con la sua caratteristica torre in stile Disney che conferisce alla casa un’ulteriore atmosfera da castello. Negli anni la famiglia ha vissuto in questa suite.

Non vado da queste parti tutti i giorni sorridendo quando chiediamo com’è vivere in una casa con 75 stanze.

Salone del giardino.  Una sala del castello che viene utilizzata per le grandi occasioni.

Salone del giardino. Una sala del castello che viene utilizzata per le grandi occasioni. Foto: Camilla Block / Buongiorno Norvegia

– Ma vago spesso. Non ultimo è andare in pattuglia e cercare perdite e rugiada sui vetri se succede qualcosa dopo i temporali. Ma è chiaro che la cucina, la biblioteca e la camera da letto sono le più utilizzate quotidianamente.

In qualità di unica erede dei formidabili possedimenti di Treschow, ha riflettuto a lungo su come consentire ad altri di condividere la ricchezza dei tesori culturali e della storia dell’arte che esiste. io Sui muri Mura e ovunque nel castello di Fritzøehus, senza dover trasformare la loro casa privata in un museo.

– Vorrei condividere ciò con cui sono molto fortunato a vivere con molte persone, senza dover aprire la casa. Lascerà il posto a un sacco di usura. Quindi, l’idea su cui ho lavorato nella mia mente per sei anni, e fisicamente per quattro anni, si sta finalmente avverando: un libro su Fritzweheus.

– Vorrei condividere ciò con cui sono molto fortunato a vivere con molte persone senza dover aprire la casa

Mel Marie Trichaux (1954-2018)

Il libro è diventato un enorme mattone. Mel Marie ha scritto tutti i testi da sola e ha lavorato a stretto contatto con la fotografa Esten Burgos per trovare immagini perfette che potessero raccontare la storia della casa. 350 pagine e 500 foto dopo, “Fritzuhhaus – The Four Seasons” era pronto per essere pubblicato.

Questo era il contesto che ha dato a Treschow la squadra Buongiorno Norvegia Tour personale all’interno del castello.

Una casa sta cambiando

Ci porta attraverso la hall, la reception e la hall del giardino dove dipingi dalle tende per rivelare la vista che ricorda una cartolina di Versailles.

La morte di Barkin Skagirak.  Fritzøehus è circondato da enormi parchi e foreste.

La morte di Barkin Skagirak. Fritzøehus è circondato da enormi giardini e foreste Foto: Camilla Blok / Good morning Norway

Ricca fauna selvatica.  Nel parco e nella foresta che circondano il castello, un branco di cervi mufloni e pecore vagano liberamente.

Ricca fauna selvatica. Nel parco e nella foresta che circondano il castello, un branco di cervi mufloni e pecore vagano liberamente. Foto: Esten Borgos / Fritzøehus – Le quattro stagioni.

– Da qui guardiamo fino a Svennør e al faro di Skagerrak, a quanto pare.

La famiglia Treschow arrivò dalla Danimarca attraverso lo Skagerrak.

Il nobile figlio danese Michael Trichaux, bisnonno di Mel Marie, fu mandato a Larvik per dare vita all’antica lavorazione del ferro del sito. Ha trasformato il progetto malato in un successo e ha costruito il castello di Fritzwehos con i soldi guadagnati. Il castello fu completato nel 1863.

Da allora, il primogenito della famiglia ha ereditato la casa – tradizione -.

Non c’è una decisione facile

Quando il padre di Mel Mary, Gerhard A. Trichaux, e la moglie Nana non volevano trasferirsi dalla loro casa nel centro di Larvik, l’eredità passò dai nonni direttamente a Mel Mary. Ma per la madre di un bambino piccolo e il suo allora marito, Andreas Stang, trasferirsi al castello non era un’opzione semplice.

- Soprattutto per occupare una casa così grande.  Mel Mary ha parlato delle difficoltà di vivere con una casa così grande, sia quando i bambini erano piccoli che in seguito, quando viveva qui da sola.  Per lo più la cucina, la camera da letto e la biblioteca sono state utilizzate nella parte privata della casa.

– Soprattutto per occupare una casa così grande. Mel Mary ha parlato delle difficoltà di vivere con una casa così grande, sia quando i bambini erano piccoli che in seguito, quando viveva qui da sola. Per lo più la cucina, la camera da letto e la biblioteca sono state utilizzate nella parte privata della casa. Foto: Esten Borgos

È un posto grande e unico di cui prendersi cura e in cui vivere. Con i bambini piccoli, dovevamo abituarci a guidarli tutto il tempo. Ammette che andare in bicicletta e andare a scuola e con gli amici è troppo lontano, quindi non è stata una decisione facile.

La casa doveva anche essere adattata alla vita di un bambino piccolo.

– Abbiamo pianificato bene la ristrutturazione – come viviamo a casa e dove c’è spazio per far giocare e aprire i bambini, dice.

La famiglia ha ristrutturato la residenza dell’ala est e si è trasferita nel 1989, quando il figlio Michael aveva un anno e la figlia Victoria era in viaggio.

Partecipa al restauro

Alcuni anni dopo, Mille-Marie iniziò un restauro su larga scala della casa e della proprietà per ripristinarlo come originariamente previsto.

Per garantire che il lavoro fosse svolto nel miglior modo possibile, l’economista ha imparato tutto ciò che poteva fare sui metodi e sul lavoro di restauro. Ha acquistato materiali e tessuti in negozi specializzati in patria e all’estero, ha fotografato e registrato ogni piccola cosa in casa con le sue stesse mani.

– Mi ero prefissato l’obiettivo di convincere gli artigiani locali a fare il lavoro, e l’ho gestito in larga misura. Mel Marie ha detto che ne sono davvero orgoglioso.

Voleva essere vicino ai bambini

Ha anche chiarito che è importante gestire la casa con il minimo aiuto.

– Quando la casa fu completata nel 1860, c’era una comunità separata all’interno dei bastioni qui: maestro giardiniere, sotto giardiniere, maestri di stalla con le loro famiglie. Dentro la casa c’erano un’amante, una cuoca e delle cameriere: era davvero una vita tutta sua.

Vicino a mia madre.  Mel Marie Tricho voleva crescere i suoi figli nel modo più naturale possibile, con il minimo aiuto da parte di estranei.  La figlia Victoria ricorda che hanno trascorso molto tempo in giardino.

Vicino a mia madre. Mel Marie Tricho voleva crescere i suoi figli nel modo più naturale possibile, con il minimo aiuto da parte di estranei. La figlia Victoria ricorda di aver passato molto tempo in giardino. Foto: privato

Ero pienamente consapevole che se avessimo dovuto vivere qui, i miei figli avrebbero goduto di un’educazione normale con i loro genitori vicini e con la minima assistenza possibile. È stato importante per me.

Nella vita di tutti i giorni, la famiglia viveva spesso nell’ala est, con la cucina, la biblioteca e le camere da letto le aree di utilizzo più importanti. Le grandi sale erano utilizzate per le occasioni cerimoniali. Mel Marie era una hostess dedicata ed era spesso invitata a eventi festivi. Durante il tour, ha spiegato come riceveva gli ospiti alla reception del castello.

Ricezione.  Mel Marie Tricho è nella stanza dove riceveva gli ospiti.  La maggior parte degli interni è italiana e francese

Ricezione. Mel Marie Tricho è nella stanza dove riceveva gli ospiti. La maggior parte degli interni è italiana e francese. Foto: Camilla Block / Buongiorno Norvegia.

– Alla reception mi alzo e saluto gli ospiti con un bicchiere di champagne, prima di andare oltre nel salone del giardino, dove è decorato con fiori freschi e candele e dove spesso abbiamo pianoforti e musica dal vivo per dare alla casa tanta vita quanto possibile.

– La stagione delle feste a Fritzøehus di solito inizia con la mia festa di compleanno in aprile e continua per tutta l’estate e l’autunno fino a Natale ed è un momento importante per festeggiare in famiglia.

I mesi invernali sono stati utilizzati principalmente per la manutenzione della casa e delle aree esterne.

Arte e giochi.  Il castello dispone di diverse aree di gioco e attività come una sala biliardo, una piscina e un campo da tennis.

Arte e giochi. Il castello dispone di diverse aree di gioco e attività come una sala biliardo, una piscina e un campo da tennis. Foto: Esten Borgos

– Guardo al mio ruolo di molestatore di un incredibile tesoro artistico. Ha detto che sento un forte “bisogno” in me di trasmetterlo agli altri.

– Entusiasta del feedback

Con questo in mente, è nata l’idea di scrivere un libro, un’opportunità per condividere i tesori artistici che ha ereditato con il resto del mondo.

Stava cercando di mostrare il libro a un pubblico più vasto.

– Ha detto che prima di lasciare il castello di Fritzøehus, sarebbe stato molto interessante vedere come è stato ricevuto il libro.

È morto improvvisamente e inaspettatamente

Il 29 settembre 2018, appena tre giorni dopo la nostra visita a Fritzøehus, Mille-Marie Treschow è morta improvvisamente e inaspettatamente.

Mi sono sentito così privilegiato.  Mel Marie Tricho ha voluto gestire con attenzione i tesori d'arte che ha ereditato e condividere l'esperienza con gli altri.  Non puoi mai vedere cosa pensa la gente del libro a cui lavora da quasi cinque anni.

Mi sono sentito così privilegiato. Mel Marie Tricho ha voluto gestire con attenzione i tesori d’arte che ha ereditato e condividere l’esperienza con gli altri. Non puoi mai vedere cosa pensa la gente del libro a cui lavora da quasi cinque anni. Foto: Camilla Block

I suoi figli, Michael e Victoria, ora parlano della causa della morte della madre: ha contratto un’infezione e si è ammalata, ed è riuscita a raggiungere l’ospedale, ma a quel punto era già troppo tardi. L’infezione si sviluppa in uno shock settico fatale – grave avvelenamento del sangue – che porta rapidamente all’insufficienza d’organo.

Non è mai riuscita a sperimentare la reazione delle persone al lavoro della sua vita, né il libro né il meraviglioso lavoro che ha svolto al Castello di Fritzweheus. Ma è riuscita a completare il libro, che ora i suoi figli pubblicheranno, per guadagnare un reddito per la ricerca sul cancro.

Ulteriori informazioni sul libro e su come acquistarlo sono disponibili su www.fritzoehus.no.

READ  Ritiri dopo accuse di bullismo - VG