Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La cooperazione con la Russia è stata più fredda durante la Guerra Fredda.

Tromsø (Khrono):Hanno 95 studenti e 52 dipendenti con cittadinanza russa. Oggi ci sarà una celebrazione della pace presso la UiT Arctic University of Norway. I ricercatori dell’università ritengono che il governo dovrebbe pensare attentamente a tagliare la ricerca e la cooperazione educativa con la Russia.

Difficile ma importante

– Penso che sia importante concentrarsi sulla scienza. Dobbiamo assicurarci che il nostro lavoro vada avanti e di certo non molliamo. Ho esperienza di cooperazione con la Russia dagli anni ’70. Anche negli anni peggiori della Guerra Fredda, abbiamo collaborato a progetti scientifici con la Russia. Penso che sia stato molto importante rimanere in contatto, anche se è stato difficile. Penso che questo sia altrettanto importante ora, afferma Laura Ganda, professoressa di linguistica russa all’UiT. Riceve il sostegno del suo collega, il professor Torey Nessett.

Nel fervore della battaglia, capisco che alcune persone pensano che dobbiamo dire molto chiaramente cosa pensiamo della guerra e del boicottaggio su tutti i fronti possibili. Ma è possibile che questo sia esattamente ciò che vuole il presidente Putin. Per isolare i ricercatori russi dall’influenza “dannosa” dell’Occidente, dice Tori Nessett.

È anche professore di linguistica russa.

“Non è affatto certo che Putin pensi che sia una perdita se le università occidentali interrompessero la cooperazione con le università occidentali”, ha detto Nessett.

– Ho esperienza di cooperazione con la Russia dagli anni ’70. Anche negli anni peggiori della Guerra Fredda, abbiamo collaborato a progetti scientifici con la Russia, afferma Laura Ganda, professoressa di linguistica russa all’UiT.

non posso andare avanti

Khrono ha parlato con tre ricercatori dell’UiT che hanno la Russia o il russo come campo di studio. Il terzo è Bjarge Schwenke Fors che dirige il Barents Institute di Kirkenes.

READ  Andreas Stubron-Smith - Infezione da corona a Östersund

Qual è il tuo consiglio al ministro della ricerca e dell’istruzione superiore Ola Burton Moe?

– Forse è importante pensare alla situazione esatta di oggi. Dobbiamo essere pronti a cambiare le cose. Quando prendiamo decisioni così drastiche, devono essere ben ponderate, afferma Force.

Pensava ancora che sarebbe successo qualcosa.

Do quasi per scontato che la cooperazione nella ricerca e nell’istruzione non possa continuare come è successo fino ad oggi. Ma è difficile immaginare che ciò sarebbe impossibile. Come dice Laura, c’è stata cooperazione anche nei periodi più freddi della Guerra Fredda, dice Force.

Bjarge Scwencke Fors, Presidente del Barents Institute afferma:

“Se raggiungiamo una nuova Guerra Fredda in cui i confini sono chiusi, lo scambio scientifico e l’interazione possono avere un significato importante per entrambe le parti come finestra sul mondo dell’altro”, afferma Bjarge Scwencke Fors, presidente del Barents Institute.

guarda dentro

Laura Janda sottolinea che la Russia è molto importante in termini di ricerca stessa.

Nella ricerca è importante avere diversi punti di vista e i dati possono essere ottenuti da diverse fonti. Se perdiamo la cooperazione, allora gran parte della base di ricerca andrà perduta, perché la Russia è importante. Poi perdiamo tutti, noi compresi, dice Laura Janda.

Fors pensa che non si tratti solo di progetti di ricerca.

Se raggiungiamo una nuova Guerra Fredda in cui i confini sono chiusi, lo scambio scientifico e l’interazione possono avere un significato importante per entrambe le parti come finestra sul mondo dell’altro. Questo era il caso durante la precedente Guerra Fredda. Forse fa male non pensare alle esperienze di quel periodo, dice il preside del Barents Institute.

Ci sono molti sentimenti difficili e penso che sia qui che dobbiamo dirigere i nostri sforzi.  Poi torniamo a idee più a lungo termine, afferma Tori Nesset, professoressa di linguistica russa all'UiT.

Ci sono molti sentimenti difficili e penso che sia qui che dobbiamo dirigere i nostri sforzi. Poi torniamo a idee più a lungo termine, afferma Tori Nesset, professoressa di linguistica russa all’UiT.

Il nostro compito più importante

Tore Nesset terrà gli occhi aperti.

READ  Non c'è posto nella nostra società per un'espressione di fede?

– Quando coopereremo in futuro, cosa che penso che faremo, dobbiamo pensare al quadro che sarà messo in atto. Ma la cosa più importante è probabilmente pensare che la scienza abbia un valore intrinseco e che il nostro lavoro come esseri umani sia quello di portare avanti la percezione e le idee. Penso che possiamo essere molto solenni quando ci sono domande così serie all’ordine del giorno, dice Tori Nessett.

Aggiunge che non si tratta della loro posizione sulla guerra.

“Noi tre abbiamo una lunga carriera quando si tratta di cooperazione scientifica con la Russia, e probabilmente siamo sconvolti da questa guerra come tutti gli altri”, dice Nessett.

In questi giorni, la vita di tutti i giorni ruota attorno a come prendersi cura di studenti e colleghi russi.

Qual è l’impressione di come i tuoi colleghi o studenti russi vivono questa situazione?

– Penso che si soffra di questo molto spiacevole. Questo vale per tutti, che tu sia norvegese, russo o ucraino, dice Bjarge Schwenke Fors.

Riferimento per un consiglio

Laura Janda spiega:

I compagni studenti russi e gli studenti in Norvegia ora temono di perdere i contatti con i loro parenti e amici a casa in Russia. Hanno paura di perdere l’accesso ai loro conti bancari e di inviare gli elementi necessari a parenti o amici. Hanno molta paura di questo. Laura Ganda dice che i colleghi russi in Russia con i quali sono ancora in contatto sono rimasti scioccati e molto spaventati da questa situazione.

Spiega che molti soffrono.

– Ho appena inviato un rinvio alla consulenza studentesca a molti dei nostri studenti russi, dice il professore.

READ  La Cina definisce la nuova indagine dell'OMS "arrogante" e "irrispettosa"

Tori Nessett sottolinea il lato umano.

Ci sono molti che hanno bisogno di un interlocutore professionale. Ci sono molte emozioni difficili e penso che sia qui che dobbiamo concentrare i nostri sforzi. Ora si tratta di questioni umanitarie e pratiche, quindi torneremo a idee più a lungo termine. È una discussione grande e importante, dice Nessett, ma ora dobbiamo occuparci di quelli qui.

lo status di rifugiato

Possiamo arrivare al punto in cui questo diventa così difficile per i loro colleghi o per gli studenti russi e ucraini che le università e i college devono mettersi in fila finanziariamente?

– Potrebbero esserci domande sui russi che sono qui in Norvegia possono ottenere lo status di rifugiato. Potrebbe essere correlato, credo. Laura Janda dice che la maggior parte delle persone qui vuole lavorare e prendersi cura di se stessa.

—Ma per problemi pratici, università e college potrebbero essere utili con soluzioni pratiche, afferma Tori Nessett.

Alcuni dipendenti sono arrivati ​​di recente in Norvegia. Si tratta di cose pratiche come lo scambio di denaro o l’organizzazione di questioni pratiche trasferendosi in Norvegia.

può colpire duramente

Il rettore ad interim Camilla Brik presso l’Università artica norvegese UiT ha dichiarato che l’università ha 95 studenti e 52 dipendenti con cittadinanza russa.

In termini di università e altre istituzioni, abbiamo un gran numero di accordi istituzionali (46) e progetti di collaborazione (72), quindi potremmo essere colpiti duramente se ci fossero forti restrizioni alla ricerca e alle collaborazioni educative, afferma Breck. È abbastanza chiara su quale carattere dovrebbe scegliere la Norvegia.

La guerra in Ucraina riguarda il sistema, non individui come i ricercatori con cui lavoriamo. Dobbiamo tenere a mente che le collaborazioni di ricerca hanno valore al di là della ricerca. E voglio sperare che possiamo perseguire tale cooperazione anche se i ponti finanziari vengono rotti, afferma il vicepresidente Camilla Brikki, che è rettore ad interim dell’UiT.