Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La decolonizzazione fornirà una scienza più potente

La decolonizzazione fornirà una scienza più potente

discussione

Siamo tutti colpiti da strutture sociali che escludono e segregano le persone. Nella scienza questo diventa chiaro quando si guarda chi professa di sapere e cosa studia, e in nome della scienza è giustificato porre domande critiche su questo argomento.

Immagine illustrativa. In seguito alla campagna “Rhodes Must Fall” del 2015, l’Università di Cambridge ha annunciato che stava studiando la sua storia.

In Articolo su Morgenbladet n. 9 Gunnar C. Akvaj si oppone alla decolonizzazione nel mondo accademico attaccando quella che chiama “teoria del punto di vista”. Ciò che chiama teoria del punto di vista sono teorie interessate a mostrare come la conoscenza viene generata in modo diverso attraverso pratiche e situazioni diverse nella società. Queste teorie sono sviluppate sulla base di prospettive analitiche critiche del potere che si collocano saldamente nella tradizione accademica femminista postcoloniale.

Quando Akvaj attacca La sua “teoria del punto di vista” cita alcuni filosofi famosi, come Donna Haraway e Sandra Harding, senza entrare in dialogo con loro. Ha scelto invece di attaccare una sezione del capitolo di un libro scritto da Frode Helland, in cui veniva analizzata la serie televisiva di Harald Ea Hjernevac.

Askvaad la pensa così “La teoria del punto di vista ha una serie di punti deboli” e “ha un debole fondamento accademico”. Quali saranno questi punti deboli rimane non dichiarato. Non supporta le sue argomentazioni. L'affermazione sulla “tendenza quasi cospiratoria a vedere l'oppressione ovunque” della teoria del punto di vista ricorda la retorica che mira a deridere il potere insito nella produzione di conoscenza piuttosto che discuterne seriamente.

Anche LEs: leader di Sayeh e Nuwairah

Se non rientri negli stereotipi, improvvisamente non esisti

Ecco perché vogliamo Concentrarsi su cosa comportano le visioni critiche del potere.

ricerca scientifica Riguarda la continua ricerca della conoscenza e si basa sulla costante espansione e sfida di metodi, quadri analitici e forme di interpretazione. La diversità metodologica e analitica che le prospettive critiche portano al potere non mina la scienza; Al contrario, contribuisce a rendere la scienza più potente.

READ  Uragano spaziale storico

Questo è il nocciolo della questione L'argomentazione di Sandra Harding su ciò che costituisce la vera oggettività scientifica, vale a dire che esiste una diversità di punti di vista teorici ed epistemologici che crea oggettività. Senza nuovi metodi e spiegazioni che mettano in discussione le “verità” consolidate, ciò che Thomas Kuhn chiamava rivoluzione scientifica o cambiamento di paradigma non potrà mai avvenire. Questi sono esattamente i nuovi modi di pensare di cui il mondo ha bisogno per affrontare le principali sfide che dobbiamo affrontare oggi, come il cambiamento climatico e la crisi ambientale. Possiamo raggiungere questo obiettivo al meglio attraverso programmi di ricerca più robusti che includano sia argomenti che epistemologie.

La decolonizzazione consiste nel mettere in discussione e problematizzare la comprensione, spesso implicita, secondo cui la formazione della teoria è qualcosa che avviene solo nelle università in Europa e Nord America.

Autori di post

Anche questo è importante Per sottolineare che la scienza si crea nelle pratiche. Filosofi della scienza e sociologi della scienza, come Bruno Latour e Isabelle Stengers, hanno mostrato come le pratiche scientifiche non siano indipendenti dal contesto sociale e materiale. Gli scienziati che lavorano nei laboratori discutono costantemente su come interpretare risultati e dati. Questo processo è dinamico e aiuta a formare i cosiddetti “fatti” oggettivi. Ciò non significa che questi fatti non esistano e che siano semplicemente “costruiti socialmente” e quindi “finzione”.

Il punto è quella realtà I fatti scientifici vengono creati attraverso varie pratiche. L’idea che esista una verità universale e oggettiva in attesa di essere trovata e scoperta è nella migliore delle ipotesi ingenua.

L'argomentazione di Akfaj È caratterizzato da una mancanza di comprensione di ciò che comporta la decolonizzazione nel mondo accademico. Riteniamo che ridurre il processo di decolonizzazione a politiche identitarie sia sbagliato e costituisca un vicolo cieco. La politica dell’identità riguarda la mobilitazione politica sulla base di un’identità condivisa e si basa sulle sfide di gruppi specifici.

READ  Siamo già in ginocchio, Kjerkul! - lettera

La decolonizzazione da parte sua Sfida le strutture di potere stabilite in epoca coloniale che non colpiscono un gruppo, ma tutti noi. Siamo tutti influenzati da strutture e relazioni nella società che limitano, escludono, rendono invisibili e separano persone, pratiche e idee. Nella produzione della conoscenza scientifica, ciò diventa chiaro quando si osserva da vicino ciò che è considerato conoscenza autorevole, la cui conoscenza è riconosciuta, cosa viene insegnato e come viene insegnato. In nome della scienza, è giustificato porre domande critiche su questo argomento.

Leggi anche

Studenti universitari britannici: sono prodotti del colonialismo

La decolonizzazione è in corso Non si tratta di includere gli autori nei curriculum e negli articoli di ricerca solo sulla base dell’origine geografica. Si tratta di molto di più e di almeno due cose: 1) di espandere la complessità del fenomeno in modo che la conoscenza del fenomeno diventi più solida e precisa. Facciamo un esempio: gli alunni e gli studenti norvegesi imparano molto sulla rivoluzione francese e industriale. Va tutto bene e va bene.

Tuttavia, imparano molto poco Riguardo, ad esempio, alla rivoluzione haitiana, sebbene questa sia stata importante anche al di fuori di Haiti. Ebbe conseguenze disastrose per il sistema di piantagioni su cui si basavano le economie dell’Europa e del Nord America. È una coincidenza?

Nel suo lavoro”Mettere a tacere il passato» Troilo spiega che ciò non è affatto casuale. Persino Eric Hobsbawm non ha menzionato la rivoluzione haitiana nel suo libro The Age of Revolutions, 1789-1843. Perché? Trouillot sottolinea che la rivoluzione haitiana non fu un evento significativo nella storiografia occidentale fino agli anni Cinquanta. La tesi di Trouillot è che la rivoluzione haitiana era inconcepibile per i pensatori e i politici dell'Europa e del Nord America dell'epoca. I politici francesi, i proprietari di piantagioni caraibiche e i filosofi occidentali semplicemente non potevano immaginare che gli schiavi neri avessero la capacità di organizzarsi politicamente. Una volta dimostrato di poterlo fare, questa rivoluzione storica è stata trascurata.

READ  Hoyle pensa che le reazioni al rapporto FIA siano state "appropriate"

Assenza di conoscenza La rivoluzione haitiana è una delle tante cose invisibili nella storia mondiale che è scritta solo da una prospettiva europea. Si possono tracciare molti parallelismi con la storiografia norvegese quando si tratta, ad esempio, di non vedere la storia coloniale interna della Norvegia in relazione ai Sami e ad altre minoranze, o a ciò che gli alunni e gli studenti norvegesi apprendono su come stava andando la Seconda Guerra Mondiale all'epoca. tempo. Colonie africane, in Cina e in America Latina.

La decolonizzazione è sull’orlo Mettere in discussione la comprensione spesso implicita secondo cui la formazione della teoria è qualcosa che avviene solo nelle università in Europa e Nord America. Si tratta di problematizzare la distinzione intrinseca secondo cui i dati vengono raccolti nel Sud, mentre la teoria viene prodotta in (alcuni centri del) Nord del mondo.

La decolonizzazione si riferisce a L'importanza di avere una comprensione riflessiva e informata di come viene prodotta la scienza, di come vengono progettati i progetti di ricerca, dei metodi utilizzati, di come collaborare con i partner sui progetti e di come vengono distribuite le risorse. Riguarda anche chi controlla i risultati della ricerca e come vengono pubblicati, chi è un coautore o il primo autore e in quale rivista vengono pubblicati, se ad accesso aperto o dietro un elevato paywall.

La decolonizzazione non indebolisce Principi scientifici. Al contrario, una prospettiva decolonizzante renderebbe la scienza più potente. Dobbiamo agli studenti insegnanti del futuro prospettive più ampie e complesse sul mondo, nonché una conoscenza e una comprensione precise della loro posizione nella produzione della conoscenza.

lavoro SAIH È un passo nella giusta direzione che accogliamo con favore.