Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La deforestazione in Amazzonia è aumentata del 22% in un anno – NRK Urix – Notizie e documentari stranieri

Nell’ultimo anno, la deforestazione in Amazzonia è aumentata del 22%. Il dato è tratto da un nuovo rapporto dell’Istituto brasiliano per la ricerca spaziale, INPE.

Nel periodo 2020-2021 sono stati persi in totale 13.235 chilometri quadrati. Questo è il numero più alto dal 2006, scrive BBC.

La foresta pluviale amazzonica è la più grande foresta pluviale del mondo. Qui vivono circa 3 milioni di specie di piante e animali e 1 milione sono autoctone. Le foreste pluviali sono un importante deposito di carbonio, rallentando il ritmo del riscaldamento globale.

Fino al 60 percento dell’Amazzonia fa parte del Brasile. Il Paese si è recentemente impegnato a fermare la deforestazione entro il 2030.

Foto: FLORIAN PLAUCHEUR / AFP

I numeri preoccupano la foresta pluviale. Il segretario generale Torres Jaeger non è sorpreso.

Non sorprende che i numeri siano più alti, ma è sorprendente che siano molto più alti.

È particolarmente preoccupato per l’aumento della deforestazione in nuove aree.

Secondo i loro partner in Brasile, la deforestazione è aumentata anche in aree precedentemente non rilevate.

– Questo ci rende molto ansiosi, dice Jæger.

Torres Jaeger, fondatore della foresta pluviale

Torres Jaeger, segretario generale del Rainforest Fund, afferma che le autorità brasiliane hanno una grande responsabilità nell’assicurare che la deforestazione continui in Amazzonia.

Foto: Fondo della foresta pluviale

Promesso di porre fine alla deforestazione durante il vertice sul clima

Queste cifre arrivano a meno di una settimana dalla fine del vertice sul clima delle Nazioni Unite a Glasgow.

Qui, il Brasile è stato uno dei tanti paesi che hanno firmato accordo globale porre fine alla deforestazione entro il 2030.

Secondo la BBC, i nuovi numeri erano pronti il ​​27 ottobre, poco meno di una settimana prima dell’accordo. Potrebbe sembrare che l’informazione sia tornata dopo il vertice sul clima, scrive l’emittente britannica.

Il Rainforest Fund sta reagendo al fatto che i numeri non siano stati forniti prima. Jæger ritiene che le autorità brasiliane abbiano un problema di credibilità.

Debole volontà di fare qualcosa per la massiccia deforestazione. Il governo brasiliano sta ora dimostrando chiaramente di non voler ridurre la deforestazione. Questa è la volontà che rappresenti. Se lo avessero voluto, dice Jæger, avrebbero avuto gli strumenti di cui avevano bisogno.

Pensa che il presidente dovrebbe assumersi la responsabilità

Il Rainforest Fund ritiene che il presidente del Brasile abbia una grande responsabilità per l’aumento della deforestazione.

Tra le altre cose, dice Jæger, Jair Bolsonaro ha incoraggiato l’agricoltura e l’estrazione mineraria nella foresta pluviale.

Bolsonaro è anche in conflitto con il suo istituto di ricerca spaziale, l’INPE, che monitora la deforestazione in Amazzonia. Nel 2019 li ha accusati di denigrare il Brasile.

Jair Bolsonaro

Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, ha dichiarato che porrà fine alla deforestazione in Amazzonia entro il 2028. È più ambizioso dell’accordo sul vertice sul clima di Glasgow. Ma il Rainforest Fund crede che Bolsonaro abbia un problema di credibilità.

Foto: EVARISTO SA / AFP

Oggi, il ministro dell’Ambiente brasiliano Joachim Leit ha affermato che i nuovi numeri sono una sfida. Ritiene inoltre che ciò indichi la necessità di un’azione rigorosa contro questo tipo di reato.

Dice anche che i dati non mostrano il quadro completo di come si è evoluto negli ultimi mesi, secondo la BBC.

Focus sulle popolazioni indigene

Gli interessi economici stanno guidando la deforestazione. Le foreste pluviali vengono disboscate per coltivare semi di soia, dedicarsi all’allevamento e all’estrazione mineraria, afferma Jæger.

– Questo accade perché è una politica deliberata in cui le autorità non interferiscono. Pertanto, consentono la deforestazione su larga scala.

Crede che il modo migliore per prendersi cura della foresta pluviale sia consentire alle popolazioni indigene e alle popolazioni locali di gestire le proprie aree. Jæger crede che sia importante contribuire a renderli più forti nella lotta alla deforestazione. Un modo è aiutarli a lavorare sulla preparazione dei piani di gestione della foresta pluviale.

Questo lavoro può continuare indipendentemente dalla politica. C’è ancora speranza e opportunità di lavorare in modo costruttivo.

READ  I documenti della difesa sono stati trovati a una fermata dell'autobus in Inghilterra