sabato, Luglio 13, 2024

La demenza può essere rilevata fino a nove anni prima della diagnosi

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Utilizzando un tipo speciale di risonanza magnetica, i ricercatori della Queen Mary University di Londra hanno scoperto che la demenza può essere identificata molto prima che si manifesti oggi, scrivono. Scienza illustrata.

La scansione stessa richiede solo dieci minuti. Ha una precisione dell’80% nell’identificare la demenza nove anni prima che la malattia venga diagnosticata.

Guarda il video: Mostrare la vita prima della diagnosi di demenza in una nuova campagna

I ricercatori si sono basati su scansioni MRI funzionali, che mostrano l’attività in aree specifiche del cervello. Le indagini sono state condotte su 1.100 persone.

– Il beneficio dei trattamenti può essere determinato

Il professore di neuroscienze cliniche Charles Marshall spera che il loro metodo possa aiutare a prevedere in modo più accurato se una persona è a rischio di sviluppare demenza.

– e quanto velocemente ciò accade, in modo da poter determinare se possono beneficiare di trattamenti futuri, afferma in un comunicato stampa.

L’articolo continua sotto l’annuncioL’articolo continua sotto l’annuncio

Con l’aiuto dell’intelligenza artificiale, i ricercatori avranno analizzato le scansioni cerebrali per valutare l’efficacia della comunicazione tra dieci parti del cervello. Queste dieci parti formano una speciale rete neurale e sono note per essere particolarmente vulnerabili alla malattia di Alzheimer.

Nell’80 per cento dei casi

I ricercatori hanno confrontato le scansioni cerebrali con i dati dei pazienti registrati, utilizzando analisi basate sull’intelligenza artificiale.

Hanno quindi concluso che nell’80% dei casi lo sviluppo della demenza poteva essere previsto nove anni prima della diagnosi vera e propria.

Tuttavia sono necessari ulteriori studi per confermare le osservazioni dei ricercatori britannici, scrive Illustrert Vitenskap.

READ  Marie Lundy Comment: La peggiore vacanza del mondo

More articles

Latest article