Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La disoccupazione è scesa più del previsto al 2,7 percento ad agosto – E24

Nav non ha riportato tassi di disoccupazione più bassi da prima della crisi di Corona. Questo sviluppo è più forte di quanto previsto dagli economisti e rafforza la fiducia in un imminente aumento dei tassi di interesse.

La disoccupazione è diminuita nelle ultime settimane.

Inserito:

A fine agosto, secondo Nav, 75.800 persone erano completamente disoccupate. Ciò equivale al 2,7% della forza lavoro, il valore più basso da febbraio 2020.

Il mercato del lavoro continuerà a migliorare ad agosto. Il numero di completamente disoccupati è ora al di sotto dei massimi durante il crollo del prezzo del petrolio 2015/16, ma il numero di parzialmente disoccupati rimane elevato, afferma l’amministratore della Marina Hans Christian Holt.

Un mese fa, i numeri erano 86.774 persone e il 3,1%. In anticipo, secondo Bloomberg, ci si aspettava un calo al 2,9%.

Alla fine di agosto, secondo le procedure del NAV, sono stati registrati un totale di 140.200 disoccupati e parzialmente disoccupati e persone in cerca di lavoro, che rappresentano il 5,0 per cento della forza lavoro. Si tratta di 11.500 in meno rispetto a fine luglio, al netto dei cambiamenti stagionali.

La disoccupazione è aumentata notevolmente, raggiungendo un picco di oltre il 10% all’inizio di aprile dello scorso anno. Compresi i parzialmente disoccupati e le persone sottoposte a procedure, Nav ha registrato più di 433.000 disoccupati, poco più del 15% della forza lavoro.

Nelle ultime settimane c’è stata una diminuzione della disoccupazione, secondo i precedenti aggiornamenti di Nav.

Meno licenziamenti

Tra i disoccupati totali, 11.500 sono stati licenziati, mentre lo stesso vale per 19.900 disoccupati parzialmente. I licenziati costituiscono l’1,1% della forza lavoro.

Gran parte del calo del numero di persone in cerca di lavoro negli ultimi mesi è dovuto a un minor numero di licenziamenti. Rispetto alla fine di marzo, il numero di persone in cerca di lavoro registrate con Nav è diminuito di 71.600, di cui 48.200 provengono da coloro che sono stati licenziati, afferma Holte.

C’è stata una diminuzione del numero di persone in cerca di lavoro in tutti i gruppi professionali da luglio ad agosto, ma le maggiori diminuzioni sono state nel turismo, nei trasporti, nelle occupazioni dei servizi e nel lavoro nei negozi.

Alla fine di agosto, la percentuale di disoccupati totali era più alta nel turismo e nei trasporti, con il 5,2 percento della forza lavoro, e più bassa nelle professioni accademiche, con lo 0,9 percento.

Comandante navale Hans Christian Holt.

Il calo più grande tra i giovani

Tutte le contee hanno meno persone in cerca di lavoro ad agosto. Il calo è stato maggiore a Viken (-11 per cento), Troms e Finnmark (-11 per cento).

Oslo ha la più alta percentuale di persone completamente disoccupate con il 3,5 percento, mentre Nordland è all’altra estremità della scala con l’1,9 percento.

Il calo del tasso di disoccupazione è stato il più grande tra i minori di 25 anni, calando del 12%.

Alla fine di agosto, la maggior parte delle persone era completamente disoccupata nella fascia di età 30-39 anni, con il 3,6 percento della forza lavoro, il più basso per gli under 20 è dell’1,4 percento.

Allo stesso tempo, c’è un’enorme domanda di lavoro. Ad agosto, Nav ha registrato 45.900 nuovi posti di lavoro vacanti, equivalenti a 1.800 al giorno, rispetto ai 1.500 al giorno di luglio. La maggior parte dei nuovi annunci riguardava salute, assistenza infermieristica e assistenza.

Leggi anche

L’occupazione è tornata ai livelli pre-crisi, ma la disoccupazione resta più alta

Il capo economista Kjetil Martinsen di Swedishbank.

Rafforza la fiducia nell’aumento dei tassi di interesse

Il capo economista Kjetil Martinsen di Swedishbank sottolinea che i numeri sono forti e indicano un miglioramento più rapido nel mercato del lavoro di quanto previsto da Norges.

– Riceviamo ancora una volta la conferma che la ripresa è più forte e veloce di quanto pensasse la banca. Il numero di posti vacanti rimane ad un livello elevato, il che dimostra che c’è una buona domanda di lavoro, nonostante ci siano alcuni effetti epidemiologici che si stanno verificando qui, ha detto a E24.

La Banca di Norvegia ha annunciato che il tasso di interesse sarà aumentato da un minimo storico dello zero per cento il 23 settembre, seguito da un altro graduale aumento nei prossimi anni.

In precedenza, avevamo una regola generale secondo cui il prime rate di solito aumenta quando la disoccupazione scende al di sotto del 3 per cento. Ora la situazione potrebbe essere leggermente diversa, ma il mercato del lavoro è e rimarrà uno degli indicatori più importanti della velocità e della forza dell’economia norvegese. E voglio credere che Olsen e il resto del comitato ora si sentano più fiduciosi che l’aumento dei tassi di settembre sia stato eseguito esattamente, continua Martinsen.

Sulla base dei recenti sviluppi, ritiene che il percorso dei tassi potrebbe essere ulteriormente adeguato alla riunione sui tassi di settembre, ma vede anche che c’è ancora incertezza associata alla pandemia.

Hanno indicato un aumento del tasso di un quarto l’anno prossimo, quindi hanno tutto il tempo per considerare un possibile percorso di tasso più alto entro la fine dell’anno.

Handelsbanken ritiene inoltre che i numeri di oggi rafforzino la fiducia in un rialzo dei tassi a breve termine.

– Come abbiamo già sottolineato più volte, siamo fiduciosi che Norges Bank aumenterà il tasso di riferimento non solo a settembre, ma anche a dicembre, ha scritto in un commento l’economista di Handelsbanken Marius Gonsholt Hov.

Leggi anche

Un po’ meno ottimismo nel settore ad agosto

READ  Salmar abbandona l'offerta per l'acquisto del salmone reale norvegese