Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Pubblicità e intrattenimento – Dagsavisen

Il giorno dell’occupazione, il 9 aprile 1940, i cinema erano aperti, ma quel giorno fu venduto un solo biglietto per una donna che voleva vedere Lydfilmavisen. Il giorno dopo ci fu il panico in città, il cinema fu chiuso ma solo temporaneamente.

Il direttore della fotografia di Oslo e politico laburista Christopher Amot voleva continuare il processo quando la Norvegia era occupata: «Il pubblico aveva bisogno di incoraggiamento e relax, e penso che i cinema ei teatri di Oslo fossero molto importanti per i nervi della gente in questi giorni.».

Per i nazisti, il cinema divenne un’importante arena di propaganda politica. Nel giugno 1940, la società americana 20th Century Fox fu chiusa. Nell’autunno del 1940, tutti i film britannici furono banditi. Invece, sono apparsi sullo schermo film svedesi, danesi, francesi e italiani, oltre a una sfilza di lungometraggi tedeschi, rapporti di guerra e riviste settimanali di propaganda.

Nonostante l'appello del governo di Londra per uno sciopero del cinema, la gente è andata al cinema come mai prima d'ora durante l'occupazione.  Persone in coda al cinema Garlin a Galgeberg ca.  1943

I film possono essere proiettati, importati e prodotti solo con l’autorizzazione del Ministero. La direzione del cinema è stata sostituita da fedeli membri di NS. Nell’autunno del 1940, Christopher Amot fu sostituito dal produttore e regista Leif Sending, che aveva vent’anni di esperienza cinematografica e otto lungometraggi alle spalle, tra cui De vergeløse. Sinding ha stabilito una stretta collaborazione con la Commissione nazionale tedesca e l’operazione del cinema municipale è stata posta sotto la guida del sindaco di NS, Fritz Jensen.

READ  David Duchovny: - Non sono mai arrivato al traguardo
Il regista di NS per i direttori della fotografia di Oslo, Leif Sending, è tornato alla regia dopo un anno sulla sua sedia.  Un'immagine dalle riprese del suo film The Song of Life nel 1943 dopo un'opera teatrale di Johann Buger.

I cinema erano sale ideali per riunioni di massa e al Colosseo e al cinema Klingenberg si tenevano grandi parate naziste. Alcuni cinema furono chiusi durante la guerra, mentre Eldorado, Scala, Sentrum e Verdensteateret furono usati come cinema per i soldati tedeschi.

I soldati tedeschi hanno dovuto guardare film divertenti per mantenere il morale. Hanno ottenuto la metà del prezzo dei biglietti e sono venuti davanti ai norvegesi in coda, il che ha portato a così tanti combattimenti e rumore che sono state create linee separate di soldati tedeschi e norvegesi.

I cinema come il Colosseo e Klingenberg sono stati utilizzati per grandi raduni nazisti.  Le persone si mettono in fila per ascoltare Quisling parlare a una riunione al Cinema Colosseum l'8 aprile 1941.

All’inizio del 1941, il governo di Londra e la stampa illegale indissero uno sciopero del cinema. La chiamata era inizialmente per i film tedeschi, ma presto la gente è stata chiamata per uno sciopero del cinema a tutto campo. Il quotidiano illegale Bulletin sostenne nel marzo 1943 che il boicottaggio era necessario perché i leader del film erano nazisti, come Sinding: «Quindi il loro prodotto è qualcosa che il norvegese di certo non dovrebbe pagare per vedere per un momento, perché in questo modo il norvegese sostiene indirettamente il partito affiliato e il nemico che mette in campo tutto».

READ  George Clooney ammette di uno "stupido" errore paterno con il suo gemello

Lo sciopero non ha avuto successo nella lotta di posizioni. La gente si accalcava alle proiezioni di film. Ma sebbene le persone siano andate al cinema, hanno mostrato il loro atteggiamento verso il pubblico. Fu la propaganda nazista in particolare nei settimanali norvegesi e tedeschi a provocare i disordini. Nel giugno 1942, il capo della polizia di Oslo e Akershus diede istruzioni su come incontrare la polizia «Respiro sibilante, grida, tosse, starnuti, calpestio, risate o applausi». L’ispettore capo doveva spegnere le luci al segnale della polizia e, se la manifestazione fosse continuata, lo spettacolo sarebbe stato interrotto. Nonostante gli arresti e la cancellazione degli spettacoli, l’hosting continuò fino alla liberazione.

A Oslo, quattro dei venti film più popolari erano tedeschi. La commedia leggera ha battuto il dramma pesante, ma nonostante il suo romanticismo e il tono innocente, molti film avevano un messaggio nazista tanto centrale quanto la difesa dell’eutanasia. Film antisemiti come “Rothschild, Blood and Gold” furono proiettati per la prima volta a Oslo nel 1941.

Leif Juster nella commedia

Nel 1941, il film “Den forsvunne pølsemaker” con Leif Juster ed Ernst Diesen fu un enorme successo al cinema. La commedia ruota attorno al detective di Oslo Stein Rusk dopo il crimine di esecuzione di Rokkampoli Pedersen. Il film ha fatto infuriare i teorici di NS che si sono lamentati del Norsk Kinoblad nonostante il fatto che dietro il film ci fosse A/S Merkur-Film di Leif Sinding: ha preso il primo posto ». Il film è stato riproposto nei cinema norvegesi fino al 1967.

READ  Angelina Jolie diventa virale con il suo primo post su Instagram - VG

Risorse: Archivi della città di Oslo, Oslo Filmmakers and Commission of Inquiry 1945, Nils Peter Thiessen, Oslo durante la seconda guerra mondiale, 2015. Sigurd Evensmo, Great Fun Exhibition, Film and Film in Norway, 1992, Thomas VH Hagen, Between Modernization and Nazism. Operazioni cinematografiche in Norvegia 1940-1945, 2019. Øivind Hanche, Oslo Film Program durante la seconda guerra mondiale, 1991.