Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La crisi climatica è reale

Espressione

Se c’è qualcosa che manca di una base scientifica, scrive Peter Carrall, è la pubblicazione infondata.

Il 31 agosto 2021 Universitetsavisa ha pubblicato una pubblicazione di un mal scritto dal titolo “La crisi climatica manca di basi scientifiche”. Se c’è qualcosa che manca di fondamento nella scienza, è piuttosto una funzione del bene, poiché si basa solo su ciò che lui stesso pensa sia logico e realistico. Di seguito, considero i suoi punti uno per uno.

La prima affermazione di Hassan è che la crisi climatica non è reale. Il motivo è che la parola “crisi climatica” non è stata utilizzata nel rapporto sul clima delle Nazioni Unite. L’uso della parola crisi indica una distinzione tra scienza e politica. La scienza descrive ciò che accade e la politica si occupa delle conseguenze di ciò che la scienza descrive. Che il rapporto sul clima non usi la parola crisi è ciò che dovrebbe essere. Usarlo come argomento per affermare che non c’è crisi è strano nel migliore dei casi.

Peter Karal qui è d’accordo con le opinioni di Non-Hassan sulle questioni climatiche.

La seconda affermazione di Hasnes è che la svolta verde non avverrà. Ha basato questo sui propri calcoli che costerebbe $ 6,8 trilioni all’anno se tutta l’energia fosse fornita dall’eolico offshore. Poi dichiara che questo non è realistico. La società di consulenza Enerdata ha stimato la spesa energetica mondiale a $ 6,4 trilioni per il 2010, e il numero è probabilmente molto più alto ora. Sebbene il numero non sia direttamente confrontabile (include vettori energetici diversi dall’elettricità), è dello stesso ordine di grandezza di Hasnes. I numeri di Hasense corrispondono a un costo energetico dell’8,4% del PIL mondiale, che in realtà è abbastanza realizzabile se necessario. Molti paesi sono già intorno a quel livello oggi. È lecito chiedersi se si debba salire all’8,4%, perché i calcoli di Hassan non tengono conto che l’energia solare in molte parti del mondo è molto più economica dell’eolico offshore, che i costi di tutte le energie rinnovabili stanno diminuendo rapidamente, e molte altre sviluppi come andare a favore della tecnologia verde.

Il terzo punto di Hassanis è quello che lui chiama “false affermazioni sulla crisi climatica”. Il succo è che non importa se il 97% dei ricercatori nel mondo è d’accordo, quando sbaglia (Hassan lo sa). Il suo primo esempio è un uomo di pura paglia: questi record di temperatura sarebbero usati per dimostrare il cambiamento climatico. Questo non è il modo in cui viene presentato il rapporto delle Nazioni Unite, e i media potrebbero utilizzare i record di temperatura per illustrare il cambiamento climatico piuttosto che dimostrarlo. Ci sono poi alcuni pareri sulla ricerca della commissione Onu, conditi con termini precisi come “teoria scientifica” e “falsificata”. Quasi tutte le ricerche possono essere rese sospette in questo modo. Se l’allarme antincendio si attiva e si sente odore di bruciato, allora si può filosoficamente affermare che non è stato dimostrato che stia bruciando – è abbastanza giusto. Ma quando Hansen va da lì per affermare che non c’è motivo di sfrattare, l’abuso della filosofia della scienza è grossolano.

Poi arriviamo a uno strano argomento: c’erano più foreste. Cosa ha a che fare con il caso? Il problema del clima è che carbonio e metano vengono estratti dai sedimenti nella crosta terrestre e rilasciati nell’atmosfera. Più foresta va bene, ma non risolve il problema e non indica che non è presente.

Il punto successivo personale di Hassan: non è d’accordo con la copertura mediatica, e quindi la chiama “propaganda incessante, stupida e ingenua”. Cita un esempio in cui i media hanno scambiato i suoi occhi per aver riportato una scoperta scientifica. Qui, la “facciata del mondo” si rompe un po’, perché non si fa un vero argomento, solo indignazione ed etichette.

Infine arriva la soluzione di Hasnes: che NTNU dovrebbe avere una materia, preferibilmente di prima elementare, che dovrebbe insegnare “critica delle fonti, retorica, formazione di concetti, tecniche di giudizio, metodo scientifico, teoria della scienza e storia della scienza”. Questo tema esiste già, sotto diverse icone di temi. L’ho seguito l’anno scorso come “Corso introduttivo in Ingegneria INGG1001”. Tra le altre cose, abbiamo appreso dell’effetto Dunning-Kruger. Spiega perché le persone con scarsa competenza in un’area disciplinare sopravvalutano le proprie conoscenze in quell’area. Penso che sia utile capire come un professore associato di sviluppo di sistemi e innovazione sia convinto di comprendere meglio la ricerca sul clima dal 97% dei ricercatori mondiali sul clima.

Segui UA su Sito di social network Facebooke Twitter e Instagram.

Leggi altri dati qui.

READ  Gli utenti NICFI si muovono per ridurre e invertire le perdite delle foreste tropicali