Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– La gente pensa che la mia famiglia litighi. Questo è proprio quello che siamo – Dagsavisen

La polizia e l’assistenza all’infanzia devono capire che siamo un popolo rumoroso. Molte persone ci fraintendono per questo.

Sunita Lakatosova (39 anni) racconta Dagsavisen. All’inizio di ottobre la Corte di Cassazione l’ha accolta perché discriminata dalla polizia in base alla sua razza. “I funzionari l’hanno descritta come ‘zingara’ e hanno reso l’origine etnica della donna generalmente rilevante, in un caso che riguardava principalmente qualcos’altro”, Corte scrive.

Lakatosova è sposata e ha sei figli. Inoltre, la figlia maggiore ha figli, sua madre, cinque fratelli e tre sorelle spesso le fanno visita.

La gente pensa che la mia famiglia stia litigando o stia litigando. È solo quello che siamo e il modo in cui parliamo, dice.

Una notte, la polizia si è avvicinata alla porta della sua casa di Oslo. Hanno ricevuto lettere dai vicini che pensavano di aver visto attraverso la finestra che c’era una lite nell’appartamento di Lakatosova.

– Era assurdo. Non è successo niente, non siamo stati coinvolti in una lite o in una lite. All’inizio ho iniziato a ridere, dicendo che dovevano solo venire a vedere. Ma mi hanno subito accusato, rifiutandosi di ascoltare quello che ho detto, dice Lakatosova.

Ho chiesto alla polizia se erano sicuri di essere nell’appartamento giusto, la polizia ha chiamato il cassone ribaltabile e ha avuto conferma della loro presenza. Lakatosova è stata minacciata di una multa se la polizia dovesse tornare, con il messaggio che se la calma non si fosse calmata nell’appartamento dopo le 21:00, avrebbe potuto essere denunciata e detenuta, e segnalata al servizio di assistenza all’infanzia. Informazioni confermate da La Corte di Cassazione.

Quando il caso è stato portato in tribunale, la polizia ha riconosciuto che non c’era alcuna base legale per l’ordine, ma non ha accettato che ci fosse stata una violazione delle regole di discriminazione.

Lakatosova si descrive come una persona raramente intimidita. È abituata a difendere se stessa e contro la discriminazione. Ma questa volta aveva paura. L’ho spaventata che la polizia fosse molto severa di fronte ai suoi figli.

– Sono una madre di sei figli e ho tre giovani nel mio appartamento. Se stanno discutendo su un caricabatterie o un iPad, cosa devo fare? Sono giovani.

L’incidente ha costretto Lakatosova a trasferirsi da Oslo a Lorenskog.

Potrebbe essere correlato ad altri problemi

Il caso di Lakatosova è la prima corte d’appello ad occuparsi di discriminazione nello spazio, ed è stato accolto. Potrebbe essere importante in casi simili in futuro, secondo il tribunale.

READ  Il palcoscenico temporaneo del Teatro Nazionale di Ukkern potrebbe finire

La decisione in un caso ha spesso un significato al di là del caso specifico, nel senso che ci si può aspettare che casi simili abbiano lo stesso risultato. La decisione potrebbe anche cambiare una pratica illegale in generale, quando verrà a conoscenza del pubblico, dice a Dagsavisen il direttore della Corte di cassazione, Ashan Nishantha.

Finora, la Corte di Cassazione ha ricevuto parecchi casi di discriminazione contro le Camere. Dalla sua istituzione nel 2018, ci sono stati solo otto casi che hanno affrontato questo problema. Ciò costituisce il 2,5% dei casi nella categoria “presunta discriminazione razziale”, che ammonta a 326 casi dal 2018.

Ashan Nishantha incoraggia chiunque subisca discriminazione a utilizzare l’offerta di ricorso in tribunale e informa che è gratuita, facoltativa se si desidera assumere un avvocato e che l’intero processo può essere svolto in digitale.

mancanza di conoscenza

Con i capelli rosso vivo, Sunita Lakatosova è pronta all’ingresso quando arriva Dagzavisen. Per 12 anni ha lavorato come costruttore di ponti presso il Centro Romano per la Cultura e le Risorse di Oslo, che fa parte della missione della chiesa in città. Qui ho lavorato nelle stanze di ampliamento.

Esistiamo per rendere le stanze più inclusive negli spazi pubblici e per insegnare loro i loro diritti. Qui le persone si riuniscono e condividono esperienze. Ci sono molti che hanno bisogno di aiuto, dice Lakatosova.

Ora è responsabile del caffè e della formazione del personale. All’inizio di quest’anno, il Centro per la cultura e le risorse di Roma ha acquisito un nuovo edificio: una grande casa sul Reno a Oslo. La casa che chiamano Romano Kher, che significa casa romana.

Lakatosova ci trascina avidamente per la casa. Lungo la strada, grido alcune parole nella lingua dello spazio in lettere romane a chiunque passiamo. Nella casa hanno una stanza dei giochi per bambini, uno studio musicale per i giovani e una grande stanza con un tema di Peter Pan: una foresta magica e avventurosa piena di posti dove nascondersi.

Nel portico si trova una carovana, simbolo del viaggio dei romani. I romani in Norvegia finalmente trovarono il loro posto. Qui vengono per restare.

READ  Come trasmettere l'orrore - dopo dieci anni

– Siamo molto orgogliosi di ricevere questa casa, dice Lakatosova.

– Come ti senti quando senti parlare della Corte di Cassazione?

– Mi sento orgoglioso. Consiglio a tutti di segnalare episodi simili.

Dice che la polizia ha contattato Romano Kher con l’obiettivo di saperne di più sui romani e sulla loro cultura. Lakatosova e il suo collega terranno una conferenza alla polizia.

Conoscerci richiede molto lavoro. Ma lei dice che ne è valsa la pena.

Testa che c’è una significativa mancanza di conoscenza sui Rom tra la popolazione norvegese e crede che questo porti al pregiudizio. Lakatosova elenca le domande e i pregiudizi più comuni che incontra, come “Preghi per strada?”.

– Allora rispondo loro che sono romani anche loro, ma visitatori. Li rispettiamo, li salutiamo, parliamo con loro, sono la nostra gente e parlano la nostra lingua, ma non vivono qui, dice Lakatosova.

Si tende anche a sottolineare che molti zingari in Norvegia sono nati e cresciuti qui, hanno figli che vanno a scuola e lavorano qui. Lei stessa è nata e cresciuta in Svezia. All’età di 18 anni si è trasferita in Norvegia e si è sposata.

Dice che i suoi figli lottano molto con i pregiudizi che devono affrontare gli zingari. Spesso le chiedono: mamma, da dove veniamo? chi siamo noi?

– Cosa rispondi allora?

– Rispondo che siamo romani. Siamo un popolo diffuso in tutto il mondo. Non abbiamo un paese, ma parliamo la stessa lingua.

Un gruppo molto distinto

La missione della chiesa in città spiega che in Norvegia ci sono sia zingari norvegesi, che sono nel Paese da generazioni e hanno lo status di minoranza nazionale, sia zingari in visita, dove la maggioranza proviene dalla Romania. Molti di loro viaggiano da disagio sociale, grave discriminazione ed emarginazione nel loro paese d’origine.

Alcune stanze di visita forniscono entrate da attività di strada come l’accattonaggio, acclamazioni in bottiglia, vendita di riviste o musica di strada, e molte non hanno una residenza permanente in Norvegia. Altri sono più affermati e hanno lavoro e alloggio in Norvegia.

Mary Selsker è un avvocato e lavora nella sezione dei visitatori poveri della Church City Mission. Nel suo lavoro incontra principalmente zingari che non sono residenti permanenti in Norvegia.

È un gruppo che soffre di gravi discriminazioni, povertà ed esclusione, dice Selskjaer a Dagsavisen.

READ  Dibattito norvegese, orgoglio | Orgoglio: non si tratta più di amore

occupazione Lo studio di Favo Dal 2019 sembra che le persone di origine zingara siano il gruppo verso il quale la maggior parte dei norvegesi ha atteggiamenti negativi. Il 38% afferma di non preferire i rom come vicini di casa. Selsker crede che i pregiudizi contro i romani siano così radicati nella cultura europea che spesso non li riconosciamo come razzisti.

Negli ultimi anni, le questioni sul razzismo hanno ricevuto molta attenzione, ma non si è detto molto sul razzismo anti-zingaro, nonostante sia molto diffuso. I campanelli d’allarme della pubblicità negativa e tendenziosa non suonano allo stesso modo di altre minoranze, afferma Selsker, che crede che si stia facendo poco per contrastare la discriminazione contro i rom in Norvegia.

Mary Selsker, un avvocato, lavora con i visitatori poveri della Mission Church in città.

sgradito

Lakatosova ha molti esempi in cui crede che il trattamento che lei e la sua famiglia hanno ricevuto ruotavano attorno agli atteggiamenti verso lo spazio come gruppo. Alcuni anni fa, Lakatosova e la sua famiglia hanno dovuto trasferirsi in un appartamento a Oslo. Il contratto è stato firmato, ma poi ha ricevuto una lettera dal proprietario. Non poteva affittarla comunque, perché qualcuno alla lavagna vide attraverso la finestra che Lakatosova era una stanza, o “zingara”, come diceva la lettera. Ha detto che il consiglio ha deciso di non consentire l’affitto di “zingari”.

Lakatosova ha ricevuto le lettere ricevute dal proprietario dal consiglio di amministrazione e ha segnalato l’incidente.

– Questa è stata la prima causa che ho vinto in Commissione di Cassazione (Quella che allora si chiamava Corte di Parità e Discriminazione ed era un’antesignana dell’attuale rivista della Corte di Cassazione.)

È comune che ai romani venga negato l’accesso ai luoghi pubblici, afferma Lakatosova.

Voglio che le persone capiscano che siamo persone normali. Se alcuni romani hanno fatto qualcosa di sbagliato, non significa che io sia come loro.

Lakatosova è preoccupata per il futuro dei bambini. Speri che non subiscano troppe discriminazioni e vuoi che siano orgogliosi di chi sono e da dove vengono.

– Se i norvegesi avessero visto i romani attraverso i tuoi occhi, cosa avrebbero visto allora?

– Hanno visto un’immagine completamente diversa di noi. Penso che fossero felici, sorpresi e interessati.

Tieniti informato. Ricevi una newsletter quotidiana da Dagsavisen