Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La guerra è arrivata a una fase di stallo – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

La guerra è arrivata a una fase di stallo – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

La tecnologia militare significa che la guerra ha raggiunto una situazione di stallo. Ciò potrebbe portare a una guerra del lavoro a lungo termine. Una guerra del genere potrebbe indebolire lo Stato ucraino, Valery Zalozny dice all’Economist.

Ce l’ha anche Zalozny Ha scritto un articolo per la pubblicazione. Lì discute di ciò che è necessario affinché l’Ucraina vinca.

Quest’estate gli ucraini hanno lanciato una grande offensiva. Cinque mesi dopo, raggiunsero il punto più profondo di dieci chilometri. I russi impiegarono dieci mesi per catturare Bakhmut.

Ora, nelle ultime settimane, i russi hanno lanciato una nuova offensiva. Il bersaglio è la città di Avdijivka. I russi subirono pesanti perdite, ma non furono in grado di avere un impatto sul fronte ucraino.

– Molto probabilmente non ci sarà una penetrazione profonda e bella, dice Zalozny.

Non ho potuto accedere: Una foto dall’inizio dell’attacco ucraino. Le mine e le armi anticarro russe hanno distrutto numerosi veicoli corazzati e carri armati che l’Ucraina aveva ricevuto nei mesi precedenti.

Foto: Romod

Avrebbe dovuto essere in Crimea

Zalozny dice che il piano originale dell’attacco prevedeva che avanzassero di 30 chilometri al giorno. Raggiungeranno rapidamente la Crimea. Non è andata così.

Estesi campi minati e artiglieria russa fermarono le forze ucraine. Inoltre, i droni russi hanno reso difficili i progressi.

– Vediamo tutto ciò che fa il nemico. Il nemico vede tutto ciò che facciamo, dice Zalozny.

Caschi ucraini con sangue

Non c’è niente di sbagliato nei soldati: il ministro della Difesa ucraino ritiene che i soldati ucraini abbiano combattuto più duramente che potevano, ma la tecnologia e i metodi che utilizzano sono obsoleti.

Fotografia: Anatoly Stepanov/AFP

Ho provato di tutto

Quando l’attacco si è fermato, il ministro della Difesa inizialmente ha creduto che fosse dovuto alla scarsa leadership. Ha sostituito i comandanti militari. ma inutilmente.

– Allora ho pensato che riguardasse i soldati. “Mi sono spostato da un dipartimento all’altro, ma neanche questo ha aiutato”, dice Zalozny.

Ha anche espresso la convinzione che i russi si arrenderebbero a causa delle pesanti perdite. Non l’hanno fatto.

– Ho pensato male. Furono uccisi almeno 150.000 soldati russi. In qualsiasi altro paese, dice Zalozny, tali perdite avrebbero fermato la guerra.

Foto d'archivio: Il presidente russo Putin incontra i soldati che partecipano al conflitto russo-ucraino a Mosca

Non si arrese: il ministro della Difesa ucraino credeva che la guerra potesse essere vinta uccidendo così tanti soldati russi che la Russia si arrendesse. Ammette di aver pensato male.

Fotografia: Sputnik/Reuters

Hai bisogno di qualcosa di nuovo

Crede che l’Ucraina debba ottenere la superiorità aerea per vincere sul terreno. Per raggiungere questo obiettivo, l’aeronautica militare deve essere modernizzata. Inoltre, deve essercene molto.

– Per poterci muovere sulla Terra, dobbiamo procurarci qualcosa di nuovo. Proprio come la polvere da sparo era nuova, dice Zalozny.

Il capo della Difesa ritiene che debbano esserci nuove tecnologie. Cita i droni, la guerra elettronica, lo sminamento e la robotica.

Un soldato ispeziona il drone Shark prima che venga lanciato nella regione di Kharkiv

Nuove tecnologie: i droni svolgono un ruolo importante nella guerra. Il ministro della Difesa ucraino chiede nuove tecnologie che possano essere utilizzate per combattere i droni nemici.

Fotografia: Alina Smutko/Reuters

– È importante capire che questa guerra non può essere vinta con le armi delle generazioni precedenti e con metodi obsoleti. Zalozny dice: Ciò porterà inevitabilmente a un ritardo, e con ciò alla sconfitta.

Aggiunge che le innovazioni necessarie non sembrano essere nemmeno lontanamente all’orizzonte.

Un soldato ucraino dice addio alla moglie

Non ci sono abbastanza persone: finora l’Ucraina ha subito pesanti perdite militari durante la guerra. Il ministro della Difesa ucraino ritiene che vi sia il rischio che si ritrovino in una situazione in cui non ci sono abbastanza persone per continuare a combattere.

Fotografia: Genia Savelov/AFP

Pericolo per l’Ucraina

-Dobbiamo trovare questa nuova “polvere da sparo”. Dobbiamo padroneggiarlo rapidamente e usarlo per ottenere una vittoria rapida”, afferma Zalozny.

Si ritiene che la guerra di posizione potrebbe continuare per molti anni e che porterà all’esaurimento dello Stato ucraino.

-Dobbiamo vincere velocemente. “Perché prima o poi non avremo abbastanza uomini per continuare la guerra”, dice il ministro della Difesa.

Si ritiene che l’attacco sia stato un disastro

Il post di Zaluzhny ha ricevuto molto spazio nei media ucraini.

Il generale non è uno qualunque. Gode ​​di grande rispetto da parte degli ucraini e degli analisti militari. Molti credono che il fatto che le forze russe abbiano dovuto rinunciare alla cattura della capitale Kiev, nel febbraio 2022, possa essere dovuto specificamente a Zalozhny.

Ma ci sono anche altre voci in Ucraina che mettono in dubbio l’attacco.

Critiche

Uno di quelli che ha mosso forti critiche è Aleksej Aristovich. In precedenza è stato consigliere del presidente Volodymyr Zelenskyj.

Si è dimesso dopo aver incolpato l’aeronautica ucraina di parte della responsabilità per i danni a un condominio nella città di Dnipro durante un attacco russo nel gennaio di quest’anno.

Aristovich

Critico: Aristovich poiché era consigliere del presidente ucraino.

Foto: Ufficio presidenziale dell’UKR

Aristovich è una figura ben nota ma controversa in Ucraina. Ha un gran numero di follower. Ci sono molti ucraini che ascoltano quello che dice. Più di 1,7 milioni di follower Canale Youtube Dove commenta quotidianamente l’andamento della guerra.

disastro

In ottobre, Aristovich aveva affermato che l’attacco ucraino era stato un disastro.

Si ritiene, tra le altre cose, che Zelenskyj e i leader militari abbiano fallito nella loro strategia quando non sono riusciti a sfondare le linee di difesa russe.

Aristovich afferma che le forze ucraine avrebbero dovuto concentrarsi sulla parte meridionale del fronte, ma invece furono coinvolte nella battaglia per la città di Bakhmut nell’Ucraina orientale.

Crede che l’Ucraina sia ormai arrivata a un vicolo cieco. I russi non possono batterci e noi non possiamo battere loro, dice Aristovich.

Bisogna spiegarne il motivo

Ritiene inoltre inconcepibile che l’Ucraina possa ripristinare i suoi confini dal 1991.

Si ritiene che una delle opzioni che gli ucraini dovrebbero prendere in considerazione sia la possibilità di cedere i territori occupati alla Russia, in cambio dell’adesione dell’Ucraina alla NATO.

È uscito questa settimana e ha detto che vuole candidarsi Candidato presidenziale Alle prossime elezioni.

La forte critica ad Aristovich non è comune nella lingua ucraina.

Il presidente Zelenskyj insiste sul fatto che l’Ucraina vincerà la guerra sul campo di battaglia e che i negoziati con la Russia sono fuori discussione.

La stragrande maggioranza degli ucraini è d’accordo, circa l’80% ritiene che sia fuori questione rinunciare alle regioni per raggiungere la pace, scrive. Posta di Kiev.


READ  - Può essere considerata un'arma politica - NRK Urix - Notizie e documentari esteri