Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Monna Lisa, Leonardo da Vinci

Monna Lisa, Leonardo da Vinci

Ricevi notifiche sulle ultime novità: scarica l’app Nettavisen i phone E Androide Qui!

Utilizzando i raggi X, gli scienziati hanno analizzato la struttura chimica di un piccolo frammento della famosa opera d’arte.

Questa analisi ha fornito nuove informazioni sulle tecniche utilizzate da Vinci per dipingere il suo famoso ritratto di una donna con un sorriso elegante ed enigmatico.

Gli studiosi ritengono che quando Da Vinci iniziò a lavorare sulla Gioconda all’inizio del XVI secolo, fosse noto per la sua elevata conoscenza, curiosità e inventiva.

La ricetta della pittura ad olio utilizzata da Vinci come base per il pannello in legno di pioppo ha una firma chimica davvero unica.

– Da Vinci amava sperimentare e ciascuno dei suoi dipinti era tecnicamente completamente diverso, afferma Victor González, autore principale dello studio e chimico presso il principale organismo di ricerca francese, il CNRS.

Una tecnica davvero speciale

Gonzalez ha analizzato le composizioni chimiche di decine di opere di Da Vinci, Rembrandt e altri artisti.

– È interessante notare che Leonardo ha utilizzato una tecnica speciale quando ha gettato le basi per il ritratto della Gioconda, ha detto Gonzalez all’agenzia di stampa AP.

Fatti su “Mona Lisa”.

  • Leonardo da Vinci è stato un pittore, scultore, ingegnere e scienziato italiano nato il 15 aprile 1452 e morto il 2 maggio 1519.
  • Dipinse “Mona Lisa” negli anni 1503-1507
  • Potrebbe trattarsi del ritratto della fiorentina Lisa Gherardini, che sposò Francesco del Giocondo.
  • Una delle opere d’arte più famose al mondo, è di proprietà del governo francese ed è permanentemente esposta al Musée du Louvre di Parigi.
  • Il dipinto fu rubato dalla Galleria nel 1911, ma fu recuperato a Firenze nel 1913.
  • Nel 1956 fu attaccato dall’acido e la parte inferiore dell’immagine fu danneggiata.
  • L’immagine ora è appesa dietro un vetro antiproiettile ed è sorvegliata da diverse guardie.
READ  Vende una casa per dieci corone

Fonte: SNL

In particolare, i ricercatori hanno trovato un composto raro e altamente tossico chiamato flambonacrite nel primo strato di pittura di Leonardo.

La scoperta confermò per la prima volta ciò che gli storici dell’arte avevano precedentemente ipotizzato: Leonardo potrebbe aver utilizzato polvere di ossido di piombo per addensare e asciugare la vernice quando iniziò a lavorare sulla “Gioconda”. Il famoso dipinto è oggi esposto dietro un vetro protettivo nel Museo del Louvre a Parigi.

– Messaggio molto importante

Carmen Baumbach, esperta di arte italiana e curatrice del Metropolitan Museum of Art di New York, non coinvolta nello studio, definisce la scoperta “molto emozionante”.

– Crede che qualsiasi approfondimento sulle tecniche pittoriche di Leonardo sia una notizia molto importante per il mondo dell’arte.

– La scoperta della flambonacrite nel dipinto dimostra l’appassionata e costante sperimentazione di Leonardo come pittore. Ciò lo rende moderno e senza tempo, scrive Baumbach in un’e-mail all’AP.

– Tutto ciò che Leonardo ha fatto è stato molto interessante. Era un artista, un chimico e un fisico: aveva molte idee e faceva molti esperimenti, afferma Gilles Wallace, professore all’Università della Sorbona di Parigi e uno dei ricercatori dietro il nuovo studio. CNN.

Per saperne di più: Quando la Gioconda scomparve: la frode artistica è troppo brillante per essere vera?

Non visibile

La parte di vernice dello strato di base analizzato non è visibile ad occhio nudo. Non è più grande del diametro di un capello umano e ha origine dal bordo superiore destro del dipinto.

I ricercatori hanno esaminato la struttura atomica utilizzando i raggi X di un sincrotrone, una macchina enorme che accelera le particelle quasi alla velocità della luce. Questo processo è stato in grado di rivelare la composizione chimica della macchia.

READ  N.R.K. Urix - Notizie e documentari stranieri - Vorrei dare un calcio al pacchetto alimentare norvegese

La calce plumbon è un sottoprodotto dell’ossido di piombo. Quindi i ricercatori sono convinti che Leonardo da Vinci abbia utilizzato la polvere nella sua ricetta di pittura.

– Plumbonakritt mostra davvero l’impronta digitale della sua ricetta. “Questa è la prima volta che lo confermiamo chimicamente”, afferma Gonzalez.

Per saperne di più: Tom scopre un tesoro unico in una cantina. Ora viene venduto per la cifra segreta di un milione

– è stato tramandato per secoli

E il maestro olandese Rembrandt potrebbe aver usato una ricetta simile quando dipinse i suoi quadri nel XVII secolo; Anche Gonzalez e altri ricercatori hanno identificato la flambonacrite nel suo lavoro.

– Ci racconta che queste ricette sono state tramandate nei secoli. Gonzalez dice che è una buona ricetta.

Si ritiene che Leonardo abbia sciolto polvere di ossido di piombo di colore arancione in olio di semi di lino o di noci e abbia riscaldato la miscela fino a formare una pasta densa e ad asciugatura rapida.

– Quello che ottieni è un olio dal bel colore dorato. E ha una consistenza simile al miele, dice Gonzalez.

Leggi anche: Micro borsa venduta per 700.000 NOK

Un sacco di mistero

La “Gioconda”, che il Louvre definisce il ritratto di Lisa Gherardini, moglie di un commerciante di seta fiorentino, ha sempre suscitato speculazioni a causa del suo sorriso insidioso e dello sguardo insondabile.

Sebbene i ricercatori scoprano costantemente nuovi segreti sul lavoro, esso racchiude ancora molto mistero.

– Ci sono molte, molte altre cose da scoprire, ovviamente. Raschiamo appena la superficie, dice Gonzalez.

(©NTB)