Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La guerra sta divorando le scorte di armi della Russia.  Ma l’Occidente ora è nei guai.

La guerra sta divorando le scorte di armi della Russia. Ma l’Occidente ora è nei guai.

Per quale guerra dovremmo prepararci? I pianificatori in Occidente devono riflettere attentamente, afferma Michael Jerstad, analista della difesa presso l’International Institute for Strategic Studies.

La devastante artiglieria russa viene esposta nel centro di Kiev in agosto. La Russia utilizza enormi quantità di materiale in Ucraina. Ha conseguenze per il resto d’Europa.

La versione breve

Il pendolo oscillò improvvisamente e violentemente. Dalle piccole operazioni speciali “chirurgiche” all’estero, l’attenzione in Occidente ritorna alla vecchia guerra industriale utilizzando carri armati e artiglieria.

Molti paesi in Europa hanno ora l’obiettivo di rafforzare la difesa e l’industria della difesa. Il motivo è la guerra di invasione russa su larga scala in Ucraina. La Norvegia non fa eccezione.

Voci critiche avvertono che le cose stanno richiedendo troppo tempo. La Russia ha dimostrato di essere una vera minaccia. La carenza di munizioni per l’artiglieria, ad esempio, è piena di pericoli. Le scorte si esauriscono più velocemente di quanto possano essere ricostituite.

Ma a quale tipo di guerra dovrebbe prepararsi l’Europa?

Mangia dalle vecchie scorte di armi

Michael Gerstad è analista della difesa presso il think tank dell’Istituto internazionale per gli studi strategici (IISS) di Berlino. Il suo focus è sulla potenza militare e di terra russa nella regione nordica.

La guerra in Ucraina non ha solo eroso le scorte di armi ucraine e occidentali. Anche la Russia ne risente, secondo Jerstad.

– Più dura la guerra, peggio sarà per la Russia, dice all’Aftenposten.

Almeno finché l’Occidente continuerà a sostenere l’Ucraina, afferma.

– Direi che le forze russe ora, così come nei prossimi anni, sono disarmate: non hanno abbastanza carri armati. Non hanno abbastanza veicoli corazzati da combattimento.

Le forze russe sono state attaccate vicino al villaggio di Kuzmin a Luhansk, nell'Ucraina orientale.  L'immagine proviene da un video condiviso il 17 agosto.

Le forze russe sono state attaccate vicino al villaggio di Kuzmin a Luhansk, nell’Ucraina orientale. L’immagine proviene da un video condiviso il 17 agosto.

La Russia sta sfruttando le sue vecchie scorte di armi dell’era sovietica:

  • Le immagini satellitari mostrano la scomparsa di grandi quantità di carri armati e sistemi di artiglieria dai magazzini, senza essere riforniti.
  • I veicoli corazzati nell’inventario potrebbero non avere pezzi di ricambio. C’è una lunga fila davanti alle fabbriche dove vengono ammodernate.
  • Secondo i media russi, il settore della difesa soffre di una carenza di centinaia di migliaia di lavoratori.

– Indica che stanno avendo problemi a mantenere intatti i propri punti di forza. Ci si può chiedere se in futuro ci sarà una ricostruzione, dice Gerstad.

Tuttavia mette in guardia dal sottovalutare la Russia.

Putin riceve aiuto dall’Iran e dalla Corea del Nord

Innanzitutto, il paese ha una grande industria della difesa. In secondo luogo, il Paese riceve assistenza anche dagli alleati. Dall’Iran, la Russia ha ricevuto droni economici che hanno svolto un ruolo importante negli attacchi aerei contro le infrastrutture ucraine.

Recentemente, il leader nordcoreano Kim Jong Un e il presidente Vladimir Putin hanno visitato la Russia. Non hanno risposto se avevano concluso un accordo sulle armi. Ma le voci si sono diffuse.

Le autorità statunitensi hanno riferito venerdì che nelle ultime settimane sono stati consegnati alla Russia circa un migliaio di container di munizioni e altro equipaggiamento militare nordcoreano. La questione è stata discussa prima Washington Post.

La minaccia russa ha portato ad un diffuso riarmo in Europa. In Norvegia, il governo intende aumentare il bilancio della difesa per il prossimo anno di 15 miliardi di corone norvegesi, per raggiungere oltre 91 miliardi di corone norvegesi.

– Nel 2024, la priorità sarà data all’aumento del personale delle forze armate, al rafforzamento delle scorte di emergenza, al rafforzamento della Guardia nazionale, all’acquisizione di alleati e alla consapevolezza della situazione nel Nord, ha dichiarato il ministro della Difesa Björn Arild Gramm in una conferenza stampa. comunicato stampa Quando la proposta è stata presentata all’inizio di ottobre.

Ma per quale tipo di conflitto dovremmo prepararci?

Trovarsi in un difficile dilemma

– Il problema della Russia è che anche se volesse attaccare la NATO, non ha la capacità di farlo adesso, dice Gerstad.

E aggiunge: “Penso che le minacce più realistiche attualmente per la NATO, o almeno per i paesi scandinavi, siano minacce ibride”.

Le minacce ibride possono essere spionaggio, sabotaggio, attacchi informatici e disinformazione. Il rischio è evidenziato nelle valutazioni delle minacce sia per il PST che per il servizio elettronico. Nei paesi nordici la preoccupazione è rivolta, tra l’altro, agli atti di sabotaggio contro le infrastrutture energetiche, i cavi e le condutture sul fondo del mare.

Nel mese di ottobre, ad esempio, è stato danneggiato un oleodotto finlandese. Non è ancora chiaro se si sia trattato di un atto di sabotaggio e chi ci fosse dietro.

L’11 ottobre una nave della Guardia costiera finlandese ha pattugliato l’area in cui l’oleodotto è stato danneggiato nel Golfo di Finlandia.

L’11 ottobre una nave della Guardia costiera finlandese ha pattugliato l’area in cui l’oleodotto è stato danneggiato nel Golfo di Finlandia.

Ma ciò pone un dilemma per la difesa e le autorità.

Ti stai preparando per la guerra più realistica o per quella che potrebbe avere le maggiori conseguenze? chiede Gerstad.

E’ tempo di pensarci

Poco dopo l’invasione russa dell’Ucraina, l’Europa sembra aver accettato importanti cambiamenti nella sua politica di difesa. Ma molti credono che le cose si siano mosse troppo lentamente. Alcuni hanno ribattezzato la svolta tedesca “zeitenwende” in “zeitlupenwende”, che significa cambiamento lento.

In Norvegia, Knut Storberget, presidente del comitato di difesa, ha criticato l’uso del tempo da parte del governo.

Michael Jerstad concorda sul fatto che ci è voluto del tempo per cambiare la situazione in Europa. Ad esempio, la carenza di personale di difesa è un grave problema in molti paesi.

Allo stesso tempo, può avere alcuni vantaggi che i processi richiedano tempo. Soprattutto perché ora molte cose indicano che la guerra in Ucraina continuerà per molto tempo e che molti elementi della guerra stanno cambiando. Secondo Jerstad, ciò offre ai pianificatori occidentali l’opportunità di rivedere i loro piani.

– Ma penso che il pericolo, e questo è particolarmente evidente in Germania, è che questa riflessione sulla natura della guerra possa essere vista anche come una riconciliazione con la situazione. Ti senti come se avessi tutto sotto controllo, dice Gerstad.

READ  Gli Stati Uniti e la Cina si impegnano a favore della cooperazione sul clima - E24