Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La guerra tra Hamas e Israele

La guerra tra Hamas e Israele

Gerusalemme (Dagbladet): – Non vedo alcuna luce alla fine del tunnel. “Questo paese è in guerra da anni e penso che continuerà per molti altri anni”, dice Anwar Mona (33 anni) a Dagbladet.

– Penso che alla fine si calmerà, ma è come dare antidolorifici a un malato di cancro. Non migliorerà presto.

-100 a 0

Il palestinese di Gerusalemme Est siede accanto ai suoi due piccoli negozi nel labirinto che costituisce gran parte della Città Vecchia. Di solito qui c’è un’attività vivace, con i commercianti che cercano di fare concorrenza a vicenda per attirare i turisti, ma ora, nel mezzo della guerra in corso tra Israele e Hamas, la situazione è diventata notevolmente tranquilla.

Una rapida scansione indica che più della metà dei negozi sono chiusi.

Chiuso: la maggior parte dei negozi nella Città Vecchia sono chiusi a causa della guerra. Foto: Magnus Baus/Dagbladet
Mostra di più

– È passato da 100 a 0. Questa doveva essere l’alta stagione, quella che aspettiamo tutto l’anno. Ma a causa della guerra tutto cambiò; Il turismo non esiste e questa è la nostra unica fonte di reddito, afferma il 33enne e aggiunge:

-Ma non abbiamo nulla di cui lamentarci. Sono solo soldi, c’è gente che soffre molto più di noi.

“Se ci arrendiamo, spazzeranno via l’intero paese. O noi o loro.”
Eyal, un ebreo israeliano

Il cambiamento più pericoloso derivante dalla guerra tra Israele e Hamas è “emotivo”, afferma Anwar.

Lo sentiamo quando camminiamo per le strade e non sappiamo se torneremo a casa sani e salvi oppure no. Per la prima volta sento che c’è distanza.

Accoltellamento e sparatoria

Lunedì, la zona della città sacra alle tre religioni del mondo era quasi in stato di emergenza dopo che un poliziotto è stato accoltellato da un uomo che si dice fosse residente a Gerusalemme Est.

Gerusalemme: Lunedì mattina è arrivata la notizia di un attacco con coltello a Gerusalemme. Reporter: Ralph Lofstad. Video: Magnus Baus
Mostra di più

Dugbladet ha sentito una serie di spari alle 11, prima che le sirene di un gran numero di veicoli di emergenza riempissero l’aria.

L’uomo accoltellato, ventenne, della polizia di frontiera israeliana, è stato portato in ospedale con ferite gravi, mentre il sospetto autore dell’attacco è stato “neutralizzato” dalla polizia, secondo quanto riportato dai media israeliani. notizie i24.

Non sono note le condizioni del sospettato, ma un video lo mostra disteso immobile a terra dopo la sparatoria. secondo Posta di Gerusalemme La polizia sospetta che l’attacco sia stato un atto terroristico.

Sul posto, tra la fermata del tram Shifti e la Porta di Damasco, c’era una forte presenza di polizia quando Dagbladet è arrivato pochi minuti dopo. Una vasta area è stata transennata e si è radunata una folla di curiosi, la maggior parte dei quali ebrei ortodossi.

Pensavo che fossero al sicuro

Pensavo che fossero al sicuro


Poco dopo Dagbladet ha assistito al brutale arresto di un uomo in una stazione del tram. Non è chiaro quale fosse il contesto, ma sembra che non fosse armato.

– Picchiare senza motivo

L’attività della polizia è stata intensa per un lungo periodo dopo l’incidente. Secondo i media palestinesi, l’accesso alla Città Vecchia e al Monte del Tempio è stato limitato per un periodo di tempo.

Anwar conferma che c’è stata una maggiore attività della polizia dopo l’attacco, ma dice che la grande differenza è prima e dopo l’inizio della guerra, il 7 ottobre.

-Ora abbiamo più problemi con la polizia. Potresti essere picchiato o perquisito senza motivo e, a seconda del poliziotto che hai di fronte, è lui che fa e fa rispettare la legge. Stanno compiendo la loro aggressione contro di noi, sostiene il 33enne.

Arrestato: quest'uomo è stato arrestato alla stazione del tram di Shifti poco dopo l'attacco con coltello nelle vicinanze.  Il motivo dell'arresto è incerto.  Foto: Ralf Lövstad/Dagbladet

Arrestato: quest’uomo è stato arrestato alla stazione del tram di Shifti poco dopo l’attacco con coltello nelle vicinanze. Il motivo dell’arresto è incerto. Foto: Ralf Lövstad/Dagbladet
Mostra di più

– Com’è il rapporto tra ebrei, musulmani e cristiani in questa città?

– Ad essere onesti: questa è Gerusalemme, questo è il centro del conflitto. È sempre nervoso e ora lo è dieci volte di più. Ma non si tratta di ebrei e musulmani, e non si tratta di religione.

Anwar spiega:

– Non siamo contro la religione e non siamo contro gli ebrei. Siamo contro Israele, siamo contro il sionismo. Non mi interessa chi preghi. Musulmani e cristiani sono fratelli per sempre.

Amici ebrei

Il 33enne afferma di considerare fratelli anche alcuni ebrei, cioè coloro che accettano come fratelli i musulmani.

- Vanno di porta in porta

– Vanno di porta in porta


– Ma siamo contrari al modo in cui lo Stato di Israele tratta noi e il nostro popolo.

-Hai amici ebrei?

-Anch’io lavoravo con loro, ma ora dicono che non sono più il benvenuto a lavorare.

Il 33enne sottolinea inoltre che il settore edile e della ristorazione, in cui gli arabi tipicamente ricoprono molte posizioni, ora non sono più aperti al gruppo.

– Molti adesso sono disoccupati, quindi puoi capire che la situazione è tesa, dice.

“doppio standard”

– Cosa pensi della guerra a Gaza?

Triste: Anwar descrive la guerra a Gaza come...

– Triste: Anwar descrive la guerra a Gaza come una “triste realtà”. Foto: Magnus Baus/Dagbladet
Mostra di più

– È una realtà molto triste, e ciò che è reso ancora più triste dal modo in cui i media la raccontano.

Anwar ritiene che la copertura mediatica rinforzi quella che definisce “la dualità della situazione”.

Confrontare i nostri figli con i loro figli è triste e lo troviamo molto deprimente, dice riferendosi al bilancio delle vittime.

– C’è qualche sostegno ad Hamas qui a Gerusalemme?

-Non supportiamo gli individui. Sosteniamo le persone che lottano per la libertà: questo è quello che abbiamo sempre fatto. Come ho detto: il nostro conflitto non è tra un popolo e un popolo, ma piuttosto tra noi e lo Stato che non ci tratta bene.

Piccola attività: adesso doveva essere alta stagione per i negozi del centro storico.  Foto: Magnus Baus/Dagbladet

Piccola attività: adesso doveva essere alta stagione per i negozi del centro storico. Foto: Magnus Baus/Dagbladet
Mostra di più

Il 33enne continua:

– Sì, le persone li sostengono, anche se commettono atti con cui alcuni non sono d’accordo, e lo capisco anche io.

Massacro della bocca

Anwar evidenzia ciò che chiama “doppia governance”.

– Quando in Israele viene ucciso un bambino, tutti piangono per lui. Ho capito: è un ragazzino. Ma quando a Gaza vengono sepolti mille bambini, non sono certamente dello stesso sangue. Sono sicuramente creati diversamente.

Gaza chiede: - Non può continuare

Gaza chiede: – Non può continuare


A questo punto dell’intervista, una donna ebrea di passaggio ha cominciato ad esprimere una forte opposizione alle affermazioni di Anwar. Il tutto si sviluppa in un potente vetriolo, con entrambe le parti che contestano con veemenza i presunti fatti sulla guerra.

Non ha importanza che ai nostri figli venga tagliata la gola? La donna quasi urla.

– Dove trovi le prove per questo? è la risposta entusiasta di Anwar.

– Furono condannati come gli ebrei

Un quarto d’ora dopo, in un centro commerciale fuori dalle mura che circondano la Città Vecchia, Dagbladet incontra Eyal, un uomo di mezza età dal comportamento educato e gentile.

Una questione di esistenza: per Eyal la guerra riguarda l'esistenza stessa di Israele.  Foto: Magnus Baus/Dagbladet

Una questione di esistenza: per Eyal la guerra riguarda l’esistenza stessa di Israele. Foto: Magnus Baus/Dagbladet
Mostra di più

– Dice che mio figlio è stato arruolato nell’esercito e mandato nel nord.

-Sei preoccupata per lui?

– Certo che sono preoccupato.

Eyal ha una visione leggermente diversa del rapporto tra i gruppi etnici rispetto ad Anwar. Per lui, Israele è il partito più basso, circondato da paesi e gruppi arabi ostili. La guerra riguarda l’esistenza stessa di Israele.

-Siamo governati dagli ebrei. Se ci arrendiamo un po’, spazzeranno via l’intero Paese, dice e aggiunge:

-O noi o loro.

READ  Stato di scomparsa: - Assente da 14 anni: