Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La maggioranza ritiene che dovrebbe esserci spazio per osservazioni dispregiative

Nuovo rapporto sulla libertà di espressione in Norvegia.

La stragrande maggioranza della popolazione ritiene che ci debba essere spazio per dichiarazioni pubbliche che i singoli gruppi potrebbero trovare offensive, spiega A. Nuovo rapporto Dal Dipartimento di Ricerca Sociale.

Il rapporto fa parte di Il progetto Freight Ord Screen Informazioni sullo stato della libertà di espressione in Norvegia 2020-2021.

Questo studio fornisce una migliore comprensione dei limiti che i residenti pongono alle espressioni accettabili, come testano la loro libertà di espressione e in che misura i diversi gruppi sperimentano la serenità, afferma il ricercatore. Kjersti Thorbjørnsrud In un comunicato stampa del Frit Ord.

Correzione politica

Si scopre anche che molti credono che la correttezza politica sia un grave problema in Norvegia. Il 22% ha risposto e quasi la metà è parzialmente d’accordo con l’affermazione.

Tuttavia, secondo il rapporto, ci sono differenze significative tra gli elettori dei vari partiti su questa questione.

Una netta maggioranza di coloro che votano per il Progresso e il Partito conservatore concordano in tutto o in parte sul fatto che la correttezza politica è un problema, mentre una minoranza di elettori di SV e Rødt risponde lo stesso, afferma il ricercatore. Udon Vladmo.

Il termine “correzione politica” è usato – principalmente in senso peggiorativo – per vari tentativi di cambiare forme di espressione o dichiarazioni di censura che alcuni potrebbero considerare offensive o discriminatorie, secondo Negozio Norsk Lexicon.

È stata accolta con commenti spiacevoli

Inoltre, circa tre su dieci hanno risposto che il clima politico in Norvegia rende loro difficile dire quello che pensano. Il 26% ha affermato di aver ricevuto commenti spiacevoli o condiscendenti dopo aver parlato, mentre il 5% ha dichiarato di aver ricevuto minacce.

Rispetto al 2015, vediamo che la percentuale di coloro che affermano di essere stati esposti a commenti o minacce spiacevoli è pressoché invariata, mentre aumenta la percentuale di coloro che hanno visto altri essere esposti ad esso, afferma Vladmo.

Inoltre, una netta maggioranza ritiene che dovrebbe esserci spazio per termini generici che vari gruppi potrebbero considerare offensivi. Ciò vale anche per i dati diretti a minoranze come le persone LGBT e i musulmani.

Critica alla religione

Finché la violenza non è incoraggiata, uno su quattro crede che sia giusto esprimere opinioni razziste in pubblico.

Più di uno su tre risponde che dovrebbero essere consentiti discorsi che prendono in giro la religione, mentre meno di due su tre credono che dovrebbero essere consentiti i discorsi che criticano la religione.

Il 13% ritiene che le caricature non dovrebbero essere pubblicate se considerate offensive. Il 37% afferma che i media dovrebbero essere limitati con tale pubblicazione.

2.000 persone hanno partecipato al sondaggio, condotto nell’autunno del 2015 e del 2020.

READ  KMD ha raggruppato l'intero universo in cinque stanze