Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La norvegese Pauline Voss si è assicurata l’ultimo posto nella “Lennon Competition” internazionale – VG

Artista: Paulin Voss, cantante, cantautore e violoncellista.

Paulin Voss (50) è stato selezionato tra i primi dieci su 1.600 partecipanti al concorso internazionale Song For Kindness a Liverpool.

Inserito:

Il 9 ottobre ti esibirai davanti a una giuria al leggendario The Cavern Club, noto per aver reso famosi i Beatles.

– Non devo vincere, perché mi sento già come se l’avessi fatto, dice Voss a VG.

Artisti e cantautori di 18 paesi hanno inviato canzoni a Concorso internazionale della canzone per la gentilezza di Liverpoolche è stato lanciato lo scorso anno. L’iniziativa nasce in memoria di John Lennon, che lo scorso anno avrebbe compiuto 80 anni se fosse stato vivo.

L’obiettivo è concentrarsi sulla salute mentale dei musicisti in un momento che ha particolarmente eroso il settore.

irlandesi indipendente Scrive della ricerca di un nuovo “inno mondiale” dopo “Imagine” di Lennon e che i sindaci di Liverpool e New York annunceranno il vincitore della finale, anche il giorno del compleanno di Lennon.

era sorpreso

La competizione creerà un aspetto positivo per un settore che ha attraversato un periodo incredibilmente difficile per quasi due anni, afferma Voss.

Ha un background come violoncellista classico e ha partecipato come cantante e violoncellista a oltre 90 dischi norvegesi e stranieri. Ha pubblicato quattro album suoi.

Voss ha quasi dimenticato di aver eseguito la sua canzone, “River”, quando all’inizio di quest’anno le è stato detto che era in semifinale, una Top 50. Nella tarda serata di lunedì, le è stato detto che ora era Nella top ten e occupa l’ultimo posto.

READ  L'Italia del Roca vince l'Eurovision - La Norvegia è caduta troppo in là

– Quando ho ricevuto la lettera, mi sono sentito un po’ stordito, sì. Mi sembra quasi di avere 14 anni. Mi porteranno in Inghilterra per la finale – io, che non mi sono mosso sotto le mie ali o sono stato fuori per molto tempo, ride.

Lunga carriera: Pauline Voss è un’artista da quasi 30 anni.

La fondazione di beneficenza di TUFF.EARTH, The Unity of Faith Foundation, è dietro la competizione, con sostenitori come il Paul McCartney Institute for the Performing Arts (LIPA) di Liverpool.

La canzone della figlia

Voss dice che si è messa a sedere e ha arricciato le dita quando ha scoperto della competizione tramite un portale online per musicisti.

– “The River” che canto con l’artista FIBC Sojstad E la mia bellissima sorella Scogland Voss è nel mio ultimo album. Penso che il messaggio di testo sia appropriato. La canzone è scritta per mia figlia e parla di gentilezza, amore e desiderio di proteggere i propri figli durante la vita, dice Voss.

Il cinquantenne spera di portare la sorella e la figlia diciassettenne allo spettacolo finale. Saugestad si trova negli Stati Uniti e non è autorizzato a partecipare.

Forse non ci sono soldi per me in questo, ma è bello essere coinvolti in una buona causa e sostenerla – e creare impegno e gioia. mi sento orgoglioso. Inoltre, è un riconoscimento per me come cantautore, dice Voss.

Madre e figlia: Pauline Voss, qui con sua figlia Veronica, che è nel video musicale di “River”.

Spero di aiutare l’orchestra

Il concorso promette un ampio marketing e una nuova registrazione della canzone per il vincitore. La canzone sarà mixata e masterizzata al Motor Museum da Daniel Xander di Music R3volution.

READ  Lindsay Lohan recita in Netflix - VG

– In realtà, sono contento della versione che ho segnato io stesso, ma se vinci, probabilmente sarai in grado di farlo di nuovo. Magari con una sala orchestra? Non dico di no, ride Voss.

– Ma non ci penso nemmeno finché non diventa rilevante.

Non è tesa.

– No, non vedo l’ora di eseguire la canzone. Forse i nervi vengono quando mi trovo di fronte alla giuria, dice Voss, che vive a Drobak.

Ha un centro del 50% a Frogn Kulturskole, che si dice sia stato un vero toccasana durante la pandemia. L’artista e cantautrice è tra l’altro metà svedese e metà tedesca, ma vive in Norvegia da quando aveva sette anni.

– IO egli è Norsk. Presto mi assicurerò di essere anch’io sulla carta, dice e sorride.