Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

È esposto ai rischi dell’alto costo del petrolio e del gas dopo la “massiccia carenza di investimenti” – E24

Il CEO di Aker ritiene che i bassi investimenti e l’elevata domanda di petrolio e gas possano contribuire all’aumento dei prezzi. Un po’ di trivellazioni petrolifere potrebbe “spremere” avverte il capo Barreto.

Vedi i rischi di prezzo: CEO di Aker, Øyvind Eriksen.

Inserito: Inserito:

Una transizione green caratterizza la Pareto Conference di quest’anno, dove circa la metà di tutte le aziende si è presentata a professionisti del settore e investitori con l’obiettivo di trasformare l’energia.

Leggi anche

Il presidente Pareto prevede una nuova fase nel boom del mercato azionario verde: – Stiamo entrando nella fase di industrializzazione

Ma il passaggio dall’energia fossile all’energia rinnovabile insieme ai minori investimenti nel petrolio negli ultimi anni crea anche il rischio di rialzi dei prezzi, osserva Aker Øyvind Eriksen e il CEO di Pareto Christian Jomaas.

Enorme investitore

C’è il rischio che i costi energetici di petrolio e gas a causa della mancanza di investimenti aumentino in modo significativo dalla crisi petrolifera del 2014, Eriksen dice a E24.

– e la tendenza continua – allo stesso tempo che la domanda di petrolio e gas è tornata ai massimi storici, dice.

Nel suo discorso durante la conferenza, ha espresso preoccupazione per l’aumento dei costi energetici.

Il CEO di Aker osserva inoltre che l’aumento dei prezzi dell’anidride carbonica, l’inflazione e le maggiori esigenze di investimento nelle energie rinnovabili potrebbero contribuire a un’ulteriore pressione sui prezzi dell’energia.

Leggi anche

All’industria petrolifera viene chiesto di utilizzare il flusso di cassa per ristrutturare: – Un’opportunità d’oro

Negli ultimi anni la Conferenza di Pareto ha cambiato nome e carattere, da “Conferenza Petrolio e Mare” alla più ampia “Conferenza sull’energia” segnata da una transizione verde.

Il grande argomento che Pareto ha sollevato alla conferenza di quest’anno è che la produzione della transizione verde è in corso.

Leggi anche

Il gigante petrolifero Chevron avverte di nuove misure climatiche

Eriksen è affiancato dal presidente di Pareto Gumas.

La domanda globale di energia è in aumento dopo Corona. Ciò significa che c’è una percentuale sempre crescente che deve rivolgersi alle fonti energetiche rinnovabili. La domanda è quanto velocemente possiamo passare dalle fonti energetiche fossili alle fonti energetiche rinnovabili, afferma il direttore Pareto.

– Ora c’è un po’ di ricerca del petrolio. Questo potrebbe metterci nei guai ad un certo punto, dice.

Il capo di Pareto Christian Gomas (a destra), nella foto qui con il commentatore e conduttore di E24, Cinder Heyerdahl.

Produttori sotto pressione

I prezzi del petrolio sono rimbalzati in modo significativo dopo il forte calo dello scorso anno. Al suo minimo, il petrolio del Mare del Nord era sotto i 20 dollari al barile, ma ora è di nuovo scambiato a oltre 70 dollari al barile.

I prezzi del gas sono aumentati drasticamente nell’ultimo anno e i prezzi in Europa hanno recentemente stabilito diversi nuovi record.

L’analista del petrolio di Pareto Nadia Wiggin stima che i prezzi del petrolio rimarranno negli anni settanta nei prossimi tre anni, a seguito dell’aumento della domanda di Corona, il petrolio dell’OPEC si muoverà per controllare il mercato e ridurre gli investimenti, secondo un rapporto di questa settimana.

Leggi anche

Forte balzo del petrolio anche per Exxon e Chevron: – È arrivato il turno degli azionisti

Nota che lo “shock del prezzo del petrolio” dello scorso anno, le aspettative di una transizione dal petrolio ad altre fonti energetiche e “mandati di investimento senza fossili” hanno portato a una riduzione dei finanziamenti per la futura produzione di petrolio.

“I produttori sono sotto pressione da parte degli investitori per fornire un elevato ritorno sul capitale nel più breve tempo possibile, preferibilmente contemporaneamente al pagamento dei dividendi agli azionisti e in alcuni casi agli investimenti nella tecnologia di trasmissione dell’energia e alla diversificazione in fonti di energia più pulite rispetto al petrolio”, ha affermato. scrive.

L’analista petrolifera Nadia Wiggin a Pareto.

L’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA), tra le altre cose, rileva l’impatto dello sviluppo degli investimenti sulle forniture di petrolio nel suo ultimo rapporto di mercato di settembre.

Quando il prezzo del petrolio è crollato di nuovo nel 2014, molte compagnie petrolifere hanno risposto tagliando gli investimenti, e la stessa cosa è successa quando la pandemia ha colpito il mondo un anno e mezzo fa.

“È sempre più chiaro che gli investimenti deboli, causati dalla pandemia e dall’incertezza sulla futura crescita della domanda di petrolio, stanno già influenzando l’offerta globale”, ha scritto l’AIE nel rapporto.

READ  Ecco come è caduta la Premier League: - Il dramma dietro le quinte: