Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La Norvegia chiede sostegno: – L’ultima volta che è scoppiata una guerra

In un’intervista con Dagbladet, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha chiesto alla Norvegia di sostenere l’adesione dell’Ucraina alla NATO.

Dice che una “Ucraina forte” è nell’interesse della Norvegia e dell’Occidente e avverte che un ulteriore coinvolgimento russo in Ucraina potrebbe avere “serie conseguenze” per la Norvegia.

– Se la Russia decidesse di intensificare la sua aggressione contro l’Ucraina, le conseguenze potrebbero essere molto gravi per la Norvegia e per l’intera cooperazione euro-atlantica, afferma il ministro degli Esteri Koleba Ldagbladet.

Polo Nord: La Russia e Vladimir Putin stanno investendo pesantemente nel controllo dell’Artico settentrionale. Video: CNN
Mostra di più

Apertura della piattaforma politica

Kuleba può essere intervistato da Dagbladet in merito all’installazione del cosiddetto Piattaforma della Crimea. I rappresentanti di oltre 40 paesi, tra cui la Norvegia, si sono incontrati lunedì la scorsa settimana per un vertice nella capitale ucraina di Kiev.

Lì, hanno deciso di lavorare insieme per una fine pacifica dell’occupazione russa della Crimea, che la Russia ha annesso nel 2014.

In un’intervista a Dagbladet, il ministro degli Esteri Kuleba ha elogiato la Norvegia per il sostegno che l’Ucraina ha ricevuto dalla Norvegia, ma non nasconde nemmeno il fatto che il Paese vuole più sostegno, materiale, finanziario o no-profit.

Nello stesso periodo in cui la Russia annetteva la Crimea, scoppiò la guerra nella regione del Donbass, nell’Ucraina orientale. I separatisti filorussi stanno combattendo le autorità ucraine in una guerra nel marzo dello scorso anno che ha ucciso più di 13.000 persone, Secondo le Nazioni Unite.

Richiedi supporto: Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba vuole entrare nella NATO con l’aiuto della Norvegia. Foto: Reuters/NTB
Mostra di più

Preghiera norvegese in Ucraina

L’Occidente e l’Ucraina accusano la Russia di sostenere i separatisti. Quando scoppiò la guerra nel Donbass, La NATO dice che ci sono più di 1.000 soldati russi in Ucraina. Nel 2015 ha ammesso Il presidente russo Vladimir Putin Che gli ufficiali dell’intelligence dell’esercito russo lavoravano all’interno dell’Ucraina.

“La Russia non intende porre fine alla sua guerra contro l’Ucraina fino a quando non comprenderà l’inutilità e l’alto costo associati ai suoi sforzi per soggiogare l’Ucraina”, ha detto Kuleba a Dagbladet.

Tuttavia, Kuleba non si riferisce solo alla guerra in Donbass e all’annessione della Crimea quando sostiene perché la Norvegia dovrebbe sostenere l’adesione dell’Ucraina alla NATO.

READ  I genitori si sono riuniti al figlio 24 anni dopo la sua scomparsa

C’è motivo di aspettarsi un deterioramento della situazione della sicurezza in Europa, una politica russa più aggressiva negli Stati baltici, provocazioni russe più pericolose nel nord e un aumento della militarizzazione russa nell’Artico. Per questi motivi, crediamo fermamente che la Norvegia abbia interesse nella resilienza dell’Ucraina, e in particolare un interesse a sostenere l’adesione dell’Ucraina alla NATO, afferma Kuleba.

sciocco: Mercoledì il presidente russo Vladimir Putin ha paragonato le sanzioni dopo la tempesta al Campidoglio alla persecuzione dei dissidenti da parte della Russia. Sembra che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden sia “ridicolo”. Video: AP
Mostra di più

L’ultima volta che c’è stata una guerra

Fondamentalmente, la NATO è aperta a tutti i paesi o paesi europei purché soddisfino una serie di requisiti. Ciò include, tra le altre cose, che il paese ha un sistema di governo democratico e la capacità di contribuire all’alleanza di difesa.

Oggi gli esperti si chiedono se l’Ucraina soddisfi i requisiti specificati e notano, tra le altre cose, controversie sui confini irrisolte e l’economia ucraina, che è un’economia relativamente piccola e non ci sono prospettive di crescita significativa nel prossimo futuro.

Se l’Ucraina soddisfa questi requisiti, tuttavia, gli stati membri della NATO devono votare all’unanimità per l’inclusione di un nuovo stato membro.

Il più grande ostacolo all’adesione dell’Ucraina alla NATO sarà la vera ragione per cui l’Ucraina vuole unirsi all’alleanza di difesa: la Russia.

Secondo Ever B. Neumann, esperto russo e direttore del Fridtjof Nansen Institute, questa è la terza volta che l’approccio “a porte aperte” della NATO ai paesi che la Russia non vuole far parte dell’alleanza di difesa.

– Per la prima volta, la Russia era debole e la NATO ha rilevato una serie di cose prima Legge di VarsaviaTerra, dice Newman.

La seconda volta c’è stata una guerra.

omaggio, fedeltà o rispetto: Qui, il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, onora il cantante d’opera Vasyl Slipak. Slipak è stato colpito da un cecchino dopo essere stato reclutato in prima linea. Video: un.org. Giornalista: Elias Cr. Saturn Petersen, Dagbladet TV
Mostra di più

La dura risposta della Russia

Pieno di arroganza e di un’esagerata convinzione che gli Stati Uniti e la NATO lo avrebbero sostenuto, l’allora presidente della Georgia Mikheil Saakashvili lanciò un’offensiva militare contro di lui. La repubblica separatista dell’Ossezia del Sud io 2008.

L’obiettivo era riconquistare l’Ossezia del Sud, che aveva dichiarato l’indipendenza dalla Georgia dopo la caduta dell’Unione Sovietica nel 1991. Ne seguì una guerra tra l’Ossezia del Sud e la Georgia, a cui alla fine si unirono i soldati russi come forze di pace.

READ  Gli Stati Uniti espellono i diplomatici russi - VG

Quando le forze di pace russe sono state attaccate dalla Georgia, la Russia ha risposto. Non solo hanno cacciato l’esercito georgiano dall’Ossezia del Sud, ma l’hanno schiacciato e portato nella capitale, Tbilisi.

Ci sono voluti solo cinque giorni nella Russia di Vladimir Putin.

Negli anni precedenti l’attacco, la Georgia sotto Saakashvili era stata abbracciata dall’allora presidente degli Stati Uniti George W. Bush, che aveva cercato di far avanzare l’adesione della Georgia alla NATO.

Germania e Francia erano scettici e ritardarono l’operazione.

Tuttavia, l’abbraccio del presidente degli Stati Uniti è stato così caloroso, e l’elogio per la nuova democrazia della Georgia è stato così grande, che molti analisti ritengono che Saakashvili lo abbia portato a credere che Bush sarebbe venuto in suo soccorso.

Né Bush né gli Stati Uniti né la NATO lo fecero. Dopotutto, la Georgia non era un membro dell’alleanza.

Putin nel bosco Vladimir Putin ricompare con nuove foto. – Questa è una cultura patriarcale, afferma a Dagbladet la ricercatrice senior della NUPI, Julie Wilhelmsen. Video: Christian Roth Christensen / Dagbladet TV / AP / NTB
Mostra di più

rassicurazione o deterrenza

Il dilemma degli Stati membri della NATO è lo stesso per l’Ucraina oggi, come lo era allora per la Georgia, osserva l’esperto russo Neumann.

L’obiettivo delle alleanze difensive è aumentare la sicurezza per i partecipanti. Se l’alleanza fa qualcosa che non aumenta la sicurezza, ma piuttosto la diminuisce, sta lavorando contro il suo obiettivo. Quindi i membri della NATO siedono lì e pensano ai pro e ai contro. Newman ha affermato che, date le politiche sempre più aggressive della Russia, che includono atti di guerra, si ha una scelta: calma non rivolgendosi a Georgia e Ucraina, o deterrenza facendolo.

Se si sceglie di includere, ad esempio, l’Ucraina nella NATO, gli Stati membri devono assicurarsi di poter “dare la loro parte” e che gli Stati membri della NATO possano garantire la sicurezza dell’Ucraina, secondo Neumann.

– Data la situazione nella Georgia settentrionale e nell’Ucraina orientale, vi è incertezza su queste due condizioni. Questo è il motivo per cui la Norvegia e altri paesi della NATO dicono il meno possibile sulla questione, afferma Neumann.

READ  Pescatori francesi e navi della marina britannica lasciano Jersey - NRK Urix - Notizie e documentari stranieri

Tor Bokful, esperto di Russia e Ucraina e ricercatore presso il Norwegian Defense Research Establishment (FFI), concorda con l’analisi di Neumann.

– La piattaforma della Crimea cerca di riunire la Crimea con l’Ucraina. Non è una gara di corsa?

– Sì, la gara si è disputata finora, ma vedo un punto in quello che sta facendo l’Ucraina: mantengono viva la domanda, e se nessuno ne parla, almeno la sensazione sarà che la gara sia fatta. Bokful risponde che la Russia ha l’obiettivo che questa domanda venga eseguita e tutte queste iniziative lo impediscono.

Artista nazionale: Un gruppo nazionalista nascosto nelle foreste dell’Ucraina occidentale ha un campo estivo. Non è come gli altri. Video: AP. Clip: Organo Ryland
Mostra di più

UD: – valori dell’Ucraina

Quando Dagbladet le ha chiesto se la Norvegia avrebbe sostenuto l’adesione dell’Ucraina alla NATO, il ministero degli Esteri ha risposto spesso, ma non con un sì o un no.

La Norvegia apprezza l’importante contributo dell’Ucraina alla sicurezza euro-atlantica. L’Ucraina è uno stretto partner della NATO e ha contribuito a molte operazioni a guida NATO. L’Ucraina ha accesso a una cooperazione di difesa ampliata con la NATO (POE) e cooperazione nella riforma (ANP), oltre al pacchetto di supporto completo, afferma il ministro degli Esteri Audun Halvorsen (H) in una dichiarazione a Dagbladet.

Egli osserva che la Norvegia e la NATO si attengono alla loro decisione presa al vertice del 2008, quando gli stati membri della NATO hanno deciso di sostenere un futuro Appartenenza ucraina alla NATO.

– Questa è una questione che richiede l’unanimità della coalizione. Halvorsen dice che incoraggiamo Kiev a continuare il suo lavoro di riforma a lungo termine.

Il ministro degli Esteri è stato l’inviato della Norvegia al vertice in Ucraina lunedì scorso.

La Norvegia condanna la continua occupazione illegale russa della Crimea. La militarizzazione della penisola e le gravi violazioni dei diritti umani sono motivo di grave preoccupazione. Quindi è naturale che la Norvegia partecipi alla piattaforma della Crimea, per aiutare a mantenere la Crimea in cima all’agenda internazionale, dice Halvorsen.