Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La Norvegia potrebbe essere più vulnerabile se la Russia entrasse in guerra

Questa situazione colpisce molti in Ucraina e la paura di ciò che potrebbe accadere si diffonderà in tutta Europa, afferma Jacob M. Godzimirski dell’Istituto norvegese per la politica estera (NOBI) per TV 2.

Questa settimana, gli occhi del mondo si volgeranno all’Ucraina e ai colloqui diplomatici tra Stati Uniti, Russia e NATO.

Negli ultimi mesi la Russia ha rafforzato la sua presenza al confine con l’Ucraina, e Secondo il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, esiste un reale pericolo di guerra.

Se la Russia deciderà di attaccare, le possibilità di resistenza dell’Ucraina saranno molto limitate.

– Godzimirsky afferma che le forze russe sono meglio equipaggiate e hanno un’esperienza molto migliore nelle operazioni di combattimento rispetto ad altre parti del mondo rispetto alle forze ucraine.

La Russia ha inviato circa 100.000 soldati al confine ucraino e il ricercatore nubiano afferma che altre forze russe vengono ora avvicinate al confine. Negli ultimi vent’anni si è occupato di politica estera e di sicurezza russa.

Incontra per la prima volta in più di due anni

Il Consiglio Russia-Nato si riunirà mercoledì per la prima volta in più di due anni.

Durante l’incontro, discuteranno ciò che la Russia descrive nelle sue dichiarazioni come l’argomento più importante per loro: il desiderio della NATO di trovare un accordo formale e giuridicamente vincolante in modo che l’Ucraina e la Georgia non possano diventare membri della NATO. Ecco cosa dice e conferma il ricercatore Nobi Godzimirsky:

– Non credo che la NATO sarebbe d’accordo.

Riceve il sostegno del capo ricercatore di Nupi, Julie Wilhelmsen, che inoltre non crede che la NATO possa rispondere alle richieste della Russia.

READ  - Forse una lesione nervosa nella popolazione - VG

È difficile prevedere quali saranno le conseguenze del rifiuto della NATO alle richieste della Russia, ma i ricercatori concordano sul fatto che non porterà necessariamente a una grande guerra.

La Russia è certamente in grado di usare la forza militare. Lo hanno dimostrato molte volte, anche in Siria nel 2015, ma per la Russia si tratta di un rischio calcolato, afferma Wilhelmsen.

Godzimirsky credeva che una possibile guerra non sarebbe stata particolarmente facile da affrontare per la Russia e credeva che un’invasione russa potesse portare all’instabilità tra la popolazione.

– Potrebbe minare la legittimità dell’attuale governo, e questo è ciò che l’élite al potere in Russia teme di più, afferma.

Soldati: soldati ucraini in prima linea al confine con la Russia. La foto è stata scattata l’8 gennaio 2022 ed è stata scattata vicino ad Avdiivka nella regione di Donetsk, Ucraina. Foto: AFP / ANATOLII STEPANOV / NTB

Potrebbe mettere la Norvegia in una situazione più incerta

Ma se la Russia sceglie di invadere l’Ucraina, Godzimirsky teme cosa attenderà il suo popolo.

Molte persone perderanno la vita. Aggiunge che molti dovranno fuggire e si verificherà il caos.

Se la Russia attacca l’Ucraina, possono aspettarselo Gravi sanzioni da parte della NATO, dell’Unione Europea e degli Stati Uniti.

Allo stesso tempo, il ricercatore di Nobi afferma che la Norvegia si trova in una posizione più vulnerabile rispetto a molti altri paesi e afferma che ciò è dovuto alla vicinanza della Norvegia alla penisola di Kola.

La Norvegia potrebbe essere più vulnerabile se la Russia entrasse in guerra. La Russia ha armi nucleari a bordo di sottomarini nella penisola di Kola, che la Russia usa come sicurezza. Se ci fosse stata una grande guerra, le barche avrebbero colpito gli Stati Uniti.

Una grande operazione militare può portare a diversi eventi inaspettati e può avere un effetto contagioso non solo sui paesi direttamente coinvolti nel conflitto, ma anche su paesi considerati importanti dalla Russia, afferma Godzmirsky.

– La Norvegia è importante in questo caso perché una delle più importanti basi militari russe si trova a soli 100 chilometri dal confine norvegese, conclude Godzmirsky.