Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La nuova imposta sul patrimonio non ammette errori

Può diventare rapidamente “essere o non essere” per i suoi proprietari.

I risultati della campagna agricola 2021 sono in pieno svolgimento. Anche i prezzi del salmone sono aumentati l’anno scorso, nonostante la pandemia. Molti allevatori lo hanno reso acuto, ma ci sono anche alcuni che hanno dovuto segnare deficit.

Tra coloro che hanno visitato le miniere di profitto c’erano, tra gli altri, i Bolak e i Mortenlak. Blom Fiskeoppdrett è riuscito a malapena a raggiungere un punteggio di zero l’anno scorso.

Questo è spesso il caso nel settore della pesca e dell’acquacoltura. altalene. Un atteggiamento in cui i risultati si dispiegano a ondate, da alti e bassi profondi, è normale per molte industrie primarie.

Fai del tuo meglio
Questo si nota anche nella dichiarazione dei redditi. In tempi buoni si paga di più e in tempi cattivi non si pagano tasse.

Commento: Aslak Berge

Quest’ultimo ora cambierà. Almeno se l’azienda di piscicoltura è di proprietà privata, cioè non quotata o posseduta da capitale straniero. In questo caso, si dovrebbe fare i conti con un inasprimento significativo dell’imposta sul patrimonio, poiché la base di valutazione per le licenze sarà d’ora in poi fissata al tasso di mercato nel momento in cui l’aliquota fiscale verrà notevolmente ridotta.

L’imposta sul patrimonio deve essere pagata a prescindere. È indipendente dal processo sottostante, se sta andando bene o male, ed è rilevante solo per i proprietari.

Leggi anche: Pagare 600 milioni di utili straordinari – per pagare il conto delle tasse

Pertanto, gli agricoltori devono distribuire ampi profitti, che ovviamente sono anche prelevati sull’imposta sugli utili, per coprire l’imposta sul patrimonio. Uno non ha guadagnato soldi? Ebbene, i proprietari non dovrebbero assolutamente prosciugare l’azienda per coprire parzialmente il drammatico aumento dell’imposta sul patrimonio.

READ  La visita dell'HDP aprirà un nuovo spazio politico?

Problema gradualmente più grande
Per le aziende che nel tempo non hanno gareggiato al massimo della redditività o sono gravate dal debito, e quindi hanno una base di guadagni limitata, la tassazione di per sé diventerà un problema progressivamente più grande.

Sì, alla fine diventa un oggetto o non un oggetto. Non per affari, ma per proprietari. Non trarranno vantaggio dalla riduzione del patrimonio netto della società o dall’assunzione di prestiti per coprire l’imposta.

La risposta si forzerà in avanti. Inequivocabile: vendita (preferibilmente a proprietari stranieri) o quotazione.

Non tutti vogliono vivere a Bø nelle Vesterålen o nei paradisi fiscali all’estero. Preferiscono vivere vicino a Björnfjörden, a Flatanger o Heroy. Certo, possono ancora farlo, ma è meglio se ottengono un servizio migliore da qualcun altro che possiede il negozio.