Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La nuova legge sul clima italiana è piena di scappatoie

La nuova legge sul clima italiana è piena di scappatoie

Dopo l’invasione dell’Ucraina, l’Italia ha notevolmente ridotto le importazioni di gas russo. Prima della guerra, la Russia forniva all’Italia il 40 per cento del consumo totale di gas del paese.

Tuttavia, il consumo di gas del Paese non è diminuito di molto, poiché il gas russo è stato sostituito da importazioni da paesi come l’Algeria e l’Azerbaigian, e l’allontanamento dal gas russo ha messo l’Italia in conflitto con gli accordi internazionali sul clima. fare Financial Times.

La scorsa settimana, il governo italiano, guidato dal primo ministro Giorgia Meloni, ha presentato un piano su come eliminare gradualmente i finanziamenti pubblici per i progetti esteri di carbone, petrolio e gas.

Secondo il FT, molti esperti di clima ritengono che la nuova legge sia piena di scappatoie.

Glasgow viene dimenticata?

Durante i colloqui sul clima a Glasgow nel 2021 (COP26), più di 30 paesi si sono impegnati a porre fine a tutti i nuovi finanziamenti per progetti stranieri di combustibili fossili entro la fine del 2022.

La guerra in Ucraina e la crisi energetica hanno messo fine a quel piano. Diversi programmi di finanziamento per le infrastrutture legate al gas sono stati estesi e sono stati stipulati accordi commerciali con paesi di tutto il mondo per ridurre la dipendenza dell’Europa dal gas russo.

La Germania, che era più dipendente dal gas russo rispetto all’Italia prima della guerra, continua a proporre una nuova legislazione contro il finanziamento di progetti esteri di combustibili fossili. Secondo le fonti del FT a conoscenza della questione, ci sono dubbi sul fatto che la Germania manterrà la promessa di Glasgow.

– Questo è molto deludente

READ  14 prodotti che portano il caffè a un nuovo livello

Export Credit Corporation Italia, Servizi Assicurativi del Commercio Estero (SACE), continuerà a sostenere l’esplorazione e la produzione di gas fino al 2026, nonché la spedizione, lo stoccaggio e la raffinazione del petrolio fino al 2024 e la distribuzione del petrolio fino al 2028.

La nuova legge italiana contiene un’ampia gamma di esenzioni che forniscono ulteriore sostegno ai progetti sui combustibili fossili. Dopo Se giustificato dal risparmio energetico, fissare le date di fine. Dà il via libera a progetti “di importanza strategica per la sicurezza energetica ed economica italiana”.

Di conseguenza, molti esperti di clima sono delusi dal fatto che Roma stia tornando indietro sui suoi impegni internazionali. Invece di sostituire il gas russo con gas proveniente da altrove, ritengono che l’Italia avrebbe potuto migliorare l’efficienza delle energie rinnovabili e ridurre i consumi.

– Questo è molto deludente. Ciò costituisce un terribile precedente per altri paesi, afferma Luca Bergamacchi del think tank italiano sul clima Echo.

A gennaio, la società energetica statale italiana Eni ha firmato un accordo da un miliardo di dollari per un giacimento di gas offshore in Libia. All’inizio di marzo, il primo ministro Meloni ha visitato l’India e ha discusso, tra l’altro, di argomenti legati all’energia, e ha raggiunto un accordo secondo cui i due paesi avrebbero “esplorato partenariati” in settori quali il trasporto di gas e lo stoccaggio di energia.

Maloney si è recentemente rivolto al parlamento, affermando che il suo governo non ha negato la realtà del cambiamento climatico, ma ha raccomandato un “approccio pratico” al cambiamento verde che non danneggi l’economia o aumenti la disoccupazione.