Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La politica energetica e la transizione verde e le loro conseguenze sul welfare e sull’economia – Doc

La politica energetica e la transizione verde e le loro conseguenze sul welfare e sull’economia – Doc

Come sarà la Norvegia nel 2030, quando sarà stato emesso il 55% dell’anidride carbonica?2– Le emissioni dovrebbero essere rimosse? Abbiamo un eccesso di energia? Abbiamo carenza di energia? Abbiamo un approvvigionamento energetico stabile o instabile?

Come saranno i prezzi dell’energia e il quadro generale dei costi? Gli elettori norvegesi sono preoccupati. Lunedì 28 agosto i realisti del clima hanno convocato tutti i partiti parlamentari e il Partito dell’industria e del commercio a un dibattito al Litteraturhuset, ma vi ha preso parte solo un partito. È un problema democratico.

Il collegamento della Norvegia all’ACER, i nuovi cavi verso la Germania e l’Inghilterra, combinati con l’elettrificazione delle operazioni di petrolio e gas su terra e offshore, hanno gettato le basi per l’impennata dei prezzi dell’elettricità nell’autunno del 2021. Lo scoppio della guerra in Europa e la carenza di gas non hanno fatto Non aiuta neanche. Poi l’inflazione è arrivata a pieno ritmo, seguita da una serie di rialzi dei tassi di interesse. Nonostante le sovvenzioni per l’elettricità, diverse aziende soffrivano di gravi problemi finanziari. Le famiglie comuni ora soffrono di una dolorosa combinazione di prezzi elevati, tassi di interesse elevati e un futuro cupo.

Le autorità hanno risposto con una politica energetica basata sullo sviluppo aggressivo dell’energia eolica, sulla terraferma e successivamente offshore – uno sviluppo che le autorità sosterranno. In altre parole, aumento della spesa. La produzione stabilizzata di energia idroelettrica norvegese costa 12 euro al kWh. I costi della nuova energia generata dall’energia eolica e solare aumentano da 10 a 30 volte, diventando quindi costosi e allo stesso tempo inaffidabili. Se si soffia troppo, si ha poco valore economico, e se si soffia troppo poco, al consumatore dovrebbe essere offerto un contrappeso della stessa dimensione.

READ  L'informazione e la formazione per i giovani con narcolessia o ipersonnia rimane idiopatica

Le autorità promuoveranno una “transizione verde” che richiederà un forte aumento del consumo di elettricità industriale: fabbriche di batterie, sale server, produzione di idrogeno blu-verde e anidride carbonica.2– Magazzinaggio, molte di queste misure sostenute dallo Stato. L’aumento del consumo di elettricità deriva anche dalla trasmissione elettronica, dall’elettrificazione degli impianti petroliferi e dal divieto di petrolio e gas per il riscaldamento domestico, e quest’ultimo costituisce un onere aggiuntivo soprattutto per la Norvegia. Da dove verrà tutto il potere? I consumatori temono prezzi dell’energia elettrica costantemente elevati. Gli elettori vogliono risposte a questi problemi.

I fondi pensione stanno ora investendo molto nella “transizione verde”, parallelamente al fatto che stiamo assistendo a parchi eolici non redditizi, investimenti non redditizi nelle batterie e al taglio del biossido di carbonio di Oslo.2Cattura progetto. Ciò crea disordini riguardo al welfare e alle future pensioni.

I realisti del clima si sono avvicinati educatamente a tutti i partiti parlamentari, così come al Partito dell’Industria e dell’Economia, invitandoli a discutere di politica energetica presso la Casa della Letteratura di Oslo – dopo la Settimana di Arendal – ma poco prima delle elezioni dei consigli comunali e provinciali. L’incontro è espressamente organizzato su base neutrale rispetto a qualsiasi parte con pari opportunità di presentazioni e contributi alla discussione per un massimo di quattro parti.

I conservatori e il partito laburista, i nostri due maggiori partiti, hanno rifiutato; Ha rifiutato SV e KrF; Il partito di centro, Finster, Roudt e gli MDG hanno scelto di non rispondere. Il Partito Progressista sta valutando la possibilità di candidarsi. Il Partito dell’Industria e del Commercio si alza.

Kjell-Erik Ellertsen, presidente del comitato per la politica energetica dell’INP, farà una presentazione e condurrà la discussione. Abbiamo lasciato la possibilità agli altri partiti, trattenendo tre posti, ma non sono tornati entro i termini. Ecco il problema:

READ  Progetti ed esplorazioni stradali | Qui scaveranno, ripareranno e costruiranno per 30 mesi: - Il traffico sarà completamente diverso

democrazia
Quando, in un anno elettorale, gli elettori si trovano ad affrontare una situazione difficile e incerta, e allo stesso tempo i politici non sono in grado di parlare apertamente, è un segno di debolezza della nostra democrazia. Accetteremo i segretari senior di quella società? Massa Non volete mettere in risalto le idee dei vostri partiti sul rapporto tra politica energetica, politica climatica e Stato sociale? O perché sei colpevole? Il modo in cui si comportano i nostri partiti politici – in silenzio concertato – è uno spettacolo triste.

Alhaug Hostmark Ambasciatore, Presidente di Klimarealistene
Knut M, vice leader dei realisti climatici

documento di supporto Acquistando libri da Document Forlag!

Lui compra “Scienza incertaDi Stephen E. Koonen Il libro di carta Quale e-book.