lunedì, Luglio 22, 2024

La polizia israeliana interviene contro Al Jazeera – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

Must read

Silvestro Dellucci
Silvestro Dellucci
"Organizzatore. Fanatico dei social media. Comunicatore generale. Studioso di pancetta. Orgoglioso apripista della cultura pop ".

Questa mattina il governo israeliano ha deciso di impedire al canale di notizie arabo Al Jazeera di trasmettere in Israele.

Il ministro delle Comunicazioni Shlomo ha detto agli odiatori dei media israeliani che il governo aveva ordinato la confisca delle apparecchiature del canale televisivo. Ciò vale sia per le fotocamere, le apparecchiature di editing, i microfoni e i computer, sia per le apparecchiature wireless e alcuni telefoni cellulari.

Poche ore dopo, è stato riferito che gli agenti di polizia israeliani erano nell’hotel dove si trovava l’ufficio di Al Jazeera.

L’Assemblea nazionale israeliana ha recentemente approvato una legge che consente di sospendere temporaneamente le trasmissioni straniere se ritenute una minaccia alla sicurezza nazionale in relazione alla guerra israeliana nella Striscia di Gaza.

Il ban ricevuto da Al Jazeera è attualmente valido per 45 giorni.

Molte delle più grandi società televisive via cavo israeliane hanno scelto di interrompere la trasmissione del canale di notizie arabo poche ore dopo la decisione del governo.

Un video preregistrato da Al Jazeera TV è stato pubblicato il 5 maggio 2024 dopo che le autorità israeliane hanno vietato loro di lavorare in Israele.

Potrebbe esserci un conflitto con il Qatar

Al Jazeera è uno dei pochi media che ha ancora i propri giornalisti e fotografi all’interno della Striscia di Gaza, che possono documentare ciò che sta accadendo nella guerra tra Israele e Hamas.

Numerosi lavoratori del canale sono stati uccisi e feriti negli attacchi israeliani.

Israele accusa da tempo Al Jazeera di essere parziale e unilaterale, e nel corso degli anni ci sono state diverse proposte per vietare il canale di notizie, che ha un’edizione in lingua araba e inglese.

READ  Quanti sono morti quando la Cina ha riaperto dopo l’epidemia? 30 volte tanto quanto sostengono le autorità, secondo un nuovo rapporto.

Il canale di notizie è di proprietà dello Stato del Qatar. Anche la leadership di Hamas vive in esilio in Qatar, e il Paese ha mediato più volte quando si sono verificati conflitti tra Israele e Hamas.

I diplomatici del Qatar sono fortemente coinvolti nei negoziati in corso per un cessate il fuoco nella guerra in corso. La chiusura israeliana di Al Jazeera potrebbe portare a tensioni nei rapporti tra i due Paesi.

Ci sono state forti reazioni da parte del mondo esterno alla decisione israeliana.

Soldati israeliani al valico di frontiera di Kerem Shalom all’inizio di quest’anno.

Foto: AS Marit Bevering / NRK

Il valico di frontiera è stato chiuso dopo l’attacco

L’esercito israeliano ha chiuso oggi anche il valico di frontiera di Kerem Shalom, in seguito agli attacchi. Il sito israeliano Ynet ha riferito che una decina di razzi sono stati lanciati dalla città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza.

Le Brigate Al-Qassam, l’ala militare di Hamas, hanno confermato di aver lanciato razzi contro un’area vicino al valico di frontiera.

Secondo il rapporto, l’attacco aveva come obiettivo i soldati israeliani. Secondo i media palestinesi e israeliani diverse persone sono rimaste ferite.

Kerem Shalom si trova tra Israele, la Striscia di Gaza e l’Egitto. Il valico di frontiera è importante per fornire aiuti di emergenza a Gaza, dove segmenti della popolazione soffrono la carestia dopo sette mesi di guerra.

Persone uccise dal 7 ottobre 2023

fonti: Autorità sanitarie controllate da Hamas a Gaza/UNOCHA/Autorità israeliane

Prenotazioni:
I dati emessi dalle autorità sanitarie controllate da Hamas a Gaza non fanno distinzione tra civili e combattenti e potrebbero essere ritardati di volta in volta. Il bilancio delle vittime in Palestina è lo stesso di Gaza. I dati delle autorità israeliane mostrano che circa 1.200 civili e soldati sono stati uccisi a seguito dell’attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre 2023. Secondo i numeri pubblicati dalle autorità israeliane il 3 aprile, da ottobre sono stati uccisi 260 soldati israeliani 27, 2023. Nessuno di questi numeri è stato confermato da fonti indipendenti. I numeri palestinesi vengono aggiornati quotidianamente. I dati provenienti da Israele vengono aggiornati almeno due volte a settimana.

Colloqui per il cessate il fuoco al Cairo

Nello stesso momento in cui l’ala militare di Hamas ha ammesso di aver aperto il fuoco sul valico di frontiera, diversi membri della leadership politica di Hamas erano al Cairo per discutere di un cessate il fuoco.

La delegazione è arrivata nella capitale egiziana sabato mattina. Ai colloqui hanno partecipato anche mediatori provenienti dal Qatar, dall’Egitto e dagli Stati Uniti.

Da parte sua, Israele ha annunciato che non fornirà una delegazione negoziale, e che non lo avrebbe fatto finché le richieste di Hamas non fossero diventate “realistiche”.

Hamas chiede un cessate il fuoco permanente e Israele insiste che il cessate il fuoco debba essere limitato a un periodo di tempo. Il termine che dovrebbe figurare nella proposta alla quale Hamas deve rispondere è di 40 giorni.

Accusa Netanyahu di sabotaggio

Il gruppo palestinese è sotto forte pressione da parte degli Stati Uniti, che vogliono che Hamas accetti l’ultima proposta di cessate il fuoco che Israele ha contribuito a elaborare.

Il leader di Hamas Ismail Haniyeh ha dichiarato in un commento che sono ancora determinati a raggiungere un accordo, ma il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu sta deliberatamente sabotando i tentativi dei mediatori di trovare una soluzione.

Il leader di Hamas sostiene, secondo l’agenzia Reuters, che l’accordo di cessate il fuoco deve garantire il ritiro di Israele dalla Striscia di Gaza. L’accordo deve garantire un serio scambio di ostaggi e prigionieri politici.

Domenica pomeriggio, la squadra negoziale ha viaggiato dal Cairo ed è tornata a Doha, in Qatar. Un funzionario anonimo ha detto all’Agence France-Presse che ora è in attesa di “ulteriori consultazioni”.

Segui lo sviluppo sul NRK News Center:

Ripete: Hamas deve andarsene

Il primo ministro Benjamin Netanyahu insiste sul fatto che Israele non accetterà le richieste di porre fine alla guerra. Secondo lui questo porterà Hamas a restare al potere a Gaza.

– Lo Stato di Israele non può accettarlo. “Non siamo pronti ad accettare una situazione in cui le brigate di Hamas emergono dai loro nascondigli, riprendono il controllo di Gaza, ricostruiscono le loro infrastrutture militari e minacciano ancora una volta i cittadini di Israele”, ha detto Netanyahu durante una riunione di gabinetto domenica.

Secondo il ministro della Difesa Yoav Galantville, l’esercito israeliano agirà nel prossimo futuro contro la città di confine di Rafah, che secondo loro è l’ultimo posto dove risiedono i leader chiave di Hamas, e altre aree vicine.

Ma Israele è anche sotto pressione internazionale, se vuole raggiungere un cessate il fuoco o meno effettuare un’invasione di terra di Rafah.

In una conversazione telefonica di domenica, il presidente francese Emmanuel Macron avrebbe chiesto urgentemente al primo ministro Netanyahu di negoziare e raggiungere un accordo con Hamas.

Anche se Israele e Hamas mantengono pubblicamente le loro posizioni, c’è ancora un certo ottimismo sul fatto che gli incontri del Cairo possano portare ad una svolta. Lo riferiscono fonti che seguono il processo.

Ascolta l’ultimo podcast di Utenriksedaktionen:


È necessario JavaScript per riprodurre il clip audio “Il cioccolato sta diventando un lusso costoso?”.




05.05.2024 alle 14.11



05.05.2024 alle 17.14

More articles

Latest article