Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La posizione ideale per i venti offshore in Europa – energia e clima

Dodici gruppi hanno finora espresso interesse per lo sviluppo di eolici offshore nelle acque norvegesi. Mentre alcuni giocatori hanno superato l’Utsira Nord, altri si concentrano sul South North Sea II. Molti sono interessati a entrambe le aree (vedi tabella sotto).

Delle 12 società, la maggior parte sono norvegesi, ma anche società estere come i gruppi energetici tedeschi RWE, EnBW, l’italiana Eni e la belga Parkwind.

Holger Matessen, responsabile dello sviluppo eolico offshore in Scandinavia, Polonia e Stati baltici presso RWE Renewables, è entusiasta delle opportunità nel Mare del Nord meridionale II.

– Questa è un’area enorme con condizioni di vento eccellenti e profondità moderata nel centro del Nord Europa. Insieme, Mathiesen ha affermato che è il luogo perfetto per costruire parchi eolici offshore da una prospettiva europea Web Talk A proposito di eolico offshore di recente.

Non è escluso che più persone si registreranno quando i termini del quadro saranno resi noti nel bando del Ministero del Petrolio e dell’Energia Supervisore eolico offshore E il StortingsMessaggio Sulla creazione di valore dalle risorse energetiche norvegesi. Entrambi saranno presentati l’11 giugno.

Sistema di licenza di base

Quando chiedi Energia e Clima, Shell e Vattenfall hanno entrambi espresso interesse per:

  • “Non abbiamo ancora deciso nulla. Sono in corso lavori per indagare su queste possibilità e attendiamo con l’interesse del supervisore”, scrive Jan Sopland, direttore delle comunicazioni di Norsk Shell in una e-mail.
  • “La Norvegia è certamente un mercato interessante per noi e monitoriamo costantemente gli sviluppi lì, come facciamo anche in altri mercati europei. Pertanto, attendiamo con impazienza i piani concettuali del governo norvegese”, ha scritto un portavoce di Vattenfall in una e-mail.

Danske Ørsted, che la scorsa settimana ha presentato i piani per Grande espansione dei venti offshore A livello globale entro il 2030, non desideri commentare le imminenti concessioni di licenza.

L’estensione della concorrenza internazionale sarà influenzata dal fatto che i giocatori vengano a conoscenza del sistema di licenze da mercati come il Regno Unito, afferma Daniel Willoch, che dirige il lavoro del consorzio norvegese per l’energia eolica con l’energia offshore.

– Se scegli una soluzione di asta del tipo che conosci dal Regno Unito, ad esempio, aprirà improvvisamente il mercato a qualche società internazionale che ha molta esperienza nel fare offerte su quel genere di cose. In caso contrario, è improbabile che ci sarà una forte concorrenza contro le associazioni norvegesi, afferma Willoch.

Tra gli altri giocatori norvegesi collegati che, almeno non ancora, non hanno lanciato piani per il progetto Utsira Nord o Sørlige Nordsjø II, troviamo BKK, tra gli altri.
Il BKK sta valutando il potenziale e discutendo il ruolo naturale per noi, afferma Ron Indroe, vicepresidente esecutivo delle comunicazioni e delle pubbliche relazioni per l’energia e il clima.

READ  Scatec cade in gran parte dopo il calo del numero - il calo del mercato azionario - E24

Energia eolica senza sussidi?

Il Ministero del Petrolio e dell’Energia (MPE) aveva precedentemente indicato che lo sviluppo nel Mare del Nord meridionale II poteva avvenire senza il sostegno pubblico. Quattro gruppi di gruppi affermano di poter produrre energia sul campo senza sussidi: Equinor, RWE, Hydro, Norseman Wind, Norgesgruppen, EnBW, Agder Energi, Vårgrønn og Fred. Rinnovabili Olsen e Hafslund Eco.

Saremo in grado di far funzionare il parco eolico in base al prezzo di mercato e senza il supporto del governo norvegese, afferma Arne Eik, Project Manager Offshore Wind di Equinor.

Anche unico. Olsen Renewables e Hafslund Eco, che sono disposti a collaborare allo sviluppo eolico offshore in Utsera North e South North Sea II, ritengono che sia possibile espandere il sud del Mare del Nord II senza sussidi. La chiave è vedere l’evoluzione della rete eolica offshore e offshore nel contesto.

Riteniamo che la soluzione migliore sia costruire una rete che consenta di fornire elettricità eolica offshore agli impianti petroliferi e del gas sullo scaffale, mentre il collegamento internazionale tra Norvegia e Regno Unito – tramite l’hub eolico offshore – assicura che l’elettricità non venga utilizzata sulla rete immessa nella rete in Norvegia o nel Regno Unito Regno – A seconda di dove la domanda è maggiore in qualsiasi momento, affermano Arne Lie-Rasmussen, responsabile dell’eolico offshore a Hafslund Eco, e Christian Sjoden, responsabile dei nuovi progetti al Fritto. Energia rinnovabile di Olsen.

Per garantire un’adeguata redditività nel progetto, suggeriscono Hafslund Eco e Fred. Olsen Renewables riferisce che i proventi della limitazione dal collegamento internazionale tra Norvegia e Regno Unito, passando per l’hub di energia eolica offshore, vengono utilizzati per finanziare la rete offshore e ridurre i costi di rete sia per i produttori di energia che per i consumatori.

Sviluppo della rete e distribuzione del reddito

Pertanto, una parte importante dei termini del quadro sarà il modello scelto per finanziare lo sviluppo della rete, la proprietà dei cavi e la distribuzione dei ricavi di throttling che creerà il commercio di energia sui cavi.

Qui, le autorità possono scegliere tra diversi modelli possibili, afferma Willock in Norvegia. Un’alternativa è l’attuale sistema utilizzato, tra le altre cose, dal cavo NordLink tra Norvegia e Germania, dove il paese paga tramite Statnett per l’infrastruttura e ottiene tutti i ricavi dai cavi. Un altro modello è che la società è costituita dove i giocatori hanno una proprietà comune, ma lo sviluppo stesso è gestito centralmente.

READ  - Ha dovuto sopportare molto odio

Oppure potresti avere un sistema in cui puoi richiedere una licenza di produzione radiale (connessione alla rete, ndr) oltre i confini nazionali, pagarla tu stesso e avere ancora qualche reddito dal commercio di energia, ma dove Statnett o un’altra società simile ha il ruolo di licenziante, dice Willoch. o di coordinamento.

Secondo i regolamenti, le entrate della limitazione saranno utilizzate principalmente da Statnett per mantenere o aumentare la capacità tra la Norvegia e i paesi vicini.

Sosteniamo energia e clima:

produzione per l’esportazione?

Un’altra questione aperta è dove inviare l’energia dall’eolico offshore. Per quanto riguarda Sørlige Nordsjø II, gli attori hanno punti di vista parzialmente diversi sull’argomento.

Il CEO Steffen Syvertsen di Agder Energi prevede una cosiddetta soluzione di rete ibrida per Sørlige Nordsjø II.

– Crediamo nella soluzione a lungo termine in cui le connessioni di rete sono interconnesse nel Mare del Nord. Entrambi sono per altri parchi eolici offshore costruiti sulle piattaforme continentali di altri paesi, o di altri paesi. Sarebbe una soluzione di rete ibrida in cui l’energia fluisce fino alla Norvegia continentale e ad altri paesi intorno al bacino del Mare del Nord. Con una tale soluzione, sarebbe possibile costruire vento offshore nel Mare del Nord senza supporto, dice Syvertsen a Energi og Klima.

Equinor, da parte sua, crede che l’energia dal secondo Mare del Nord meridionale andrà a mercati diversi dalla Norvegia, principalmente.

– Penso che gran parte di questo andrà in Europa, e forse in Germania. Potrebbero esserci opportunità di portare energia anche in Norvegia a un termine leggermente più lungo, sebbene la Norvegia abbia un surplus di energia al momento, afferma Arne Ek.

Mentre Utsira Nord si trova a ovest di Haugesund, Sørlige Nordsjø II confina con la scarpata danese.

A Sørlige Nordsjø II, MPE vuole annunciare una capacità di 3.000 megawatt (MW), che corrisponde a 3 gigawatt (GW). Syvertsen di Agder Energi afferma che la dimensione del progetto in cui sono coinvolti dipenderà dal numero di giocatori a cui il governo darà la licenza. Si ritiene che l’eolico offshore potrebbe essere molto importante per l’industria energetica norvegese. L’espansione della capacità garantirà la partecipazione di più persone e aumenterà il potenziale dell’eolico offshore.

– Riteniamo che sia saggio espandere Sørlige Nordsjø II da 3 a 6 GW se la valutazione dell’impatto è giustificata, afferma Syvertsen.

Hafslund Ecko e Fred. Olsen Renewables ritiene che ci sia spazio per un massimo di due o tre progetti a Sørlige Nordsjø II che hanno una capacità totale di 3.000 MW.
– I progetti dovrebbero essere 1000-1500 megawatt per progetto, per garantire una redditività sufficiente, afferma Sujodin a Farid. Energia rinnovabile di Olsen.

READ  Equinor e Hitecvision sono diventati partner per Offshore Wind - E24

Fondo solido e liquido

I due domini contrassegnati sono completamente diversi. Utsira North è più profondo e quindi adatto ai venti galleggianti offshore ed è vicino alla terraferma. Il Mare del Nord del Sud II confina con la Zona Economica Danese a sud-est del Mare del Nord e ha profondità che lo rendono possibile con strutture a fondo fisso (vedi mappa). Tuttavia, i venti offshore galleggianti possono essere rilevanti anche lì.

Con la tecnologia oggi sul mercato, la linea di fondo è la più rilevante. Ma vediamo che lo sviluppo tecnologico sulla galleggiabilità sta andando molto velocemente e che Sørlige Nordsjø II si trova tra profondità di 60-70 metri. Quindi non escludiamo che i venti offshore galleggianti potrebbero svolgere un ruolo, afferma Steffen Syvertsen.

fuori per consultare

La Guida MPE allo sviluppo eolico offshore sarà sottoposta a consultazione quando sarà presentata l’11 giugno.

Willoch ritiene che il modo in cui viene organizzata l’udienza influenzerà il ritmo dell’ulteriore processo. Se il governo presenta alcuni disegni chiedendo commenti, la consultazione richiederà più tempo e il processo si estenderà oltre l’autunno. Quindi il nuovo parlamento influenzerà la forma del sistema finale.

— Ma se il governo si presenta con un sistema stabile e dice che il sistema sarà simile, le applicazioni potrebbero arrivare già questo autunno, dice Willock.

Molti attori affermano che gli sviluppi possono essere completati e la produzione di energia inizierà alla fine di questo decennio o all’inizio degli anni ’30.