Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La professoressa dell’UIO Hilde Henriksen Waage critica il film sugli accordi di Oslo – NRK Culture and Entertainment

Uno dei momenti di maggiore orgoglio della Norvegia è stato quando si è saputo che il piccolo paese del nord ha svolto un ruolo centrale nei negoziati tra Israele e Palestina nel 1993. Che hanno portato a un accordo di pace (gli Accordi di Oslo) che è stato formalmente firmato di fronte al Casa Bianca a Washington, DC La pace è durata circa un anno e mezzo.

Lo sceneggiatore americano J.T. Rogers si è così incuriosito quando ha sentito parlare del cosiddetto processo di Oslo che ha scritto l’opera teatrale Oslo.

Quando è arrivato a Broadway a New York nel 2017 e ha vinto premi prestigiosi, lo sceneggiatore e regista stesso ha iniziato a girare Oslo, con Steven Spielberg come produttore. Lo spettacolo è stato proiettato anche al Det Norske Teatret nel 2019.

Il film è ora disponibile sul servizio di streaming HBO.

Leggi il messaggio dal film “Oslo”:


Oslo «NRK Filmpolitiet – Tutto su film, giochi e serie TV


Stoltenberg non è menzionato

“Oslo”, che secondo i creatori è basato su una storia vera, si unisce ai ranghi del dramma che ha creato reazioni perché non sono d’accordo con il Rwenda. In Norvegia, “kun tiki“Il dodicesimo uomo” e “Il dodicesimo uomo”.traversata atlantica» giudica i film e le serie che hanno suscitato reazioni.

NRK ha chiesto ai ricercatori Hilda Henriksen Weig e Nils Pottinghon, entrambi con una profonda conoscenza del processo di Oslo, nel 1993 di guardare il film Oslo.

Le obiezioni alle riprese nel film sono molte.

La coppia norvegese Terje Rød-Larsen e Mona Juul sono i personaggi centrali del film. Abbiamo l’impressione che sia la coppia diplomatica a mettere in atto il processo, a facilitare i negoziati, e siano loro a riportare la mediazione di pace per rimettersi in piedi quando le cose vanno male.

La professoressa Hilda Henriksen Wag dell’UIO ritiene che questa presentazione sia completamente sbagliata. C’erano molti norvegesi al centro prima e durante il processo di Oslo. Secondo Waage, tutto ciò che è stato detto e fatto durante i negoziati è stato interamente correlato al primo ministro Gro Harlem Brundtland.

– Il fatto è che è stato Thorvald Stoltenberg, ministro degli Esteri norvegese all’inizio del processo di Oslo, che per molti anni ha stabilito una vasta rete di contatti nella regione. Ha lavorato sistematicamente ea lungo termine per realizzare questi colloqui di pace. Ma Stoltenberg non è menzionato in una parola nel film, afferma Henriksen Waage.

– Questo è un dramma del processo di Oslo, dovremmo prenderci qualche libertà artistica?

– No, questo film è molto problematico perché dà un’immagine sbagliata di cosa siano i negoziati di pace. Il film aiuta a promuovere l’immagine della Norvegia come amante della pace e neutrale e della coppia Larsen-Gol come i più importanti negoziatori di pace, il che non è vero. Il film aiuta anche a consolidare le idee sbagliate e gli atteggiamenti che abbiamo quando si tratta di conflitto e come dovrebbe essere risolto, afferma Henriksen Waage.

Mona Jules e Terje Roed-Larsen

I coniugi Mona Jules e Terje Roed-Larsen si sono trasferiti da Israele nel 2004, dove Jules è stato nostro ambasciatore per quattro anni.

Foto: Michael Beck / NTB scanpix

L’attuale Segretario Generale del Consiglio Norvegese per i Rifugiati, Jan Egeland, è stato Ministro di Stato presso il Ministero degli Esteri e una delle forze trainanti nella mediazione della pace tra Israele e l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina nel 1993. Nel film, Egeland è negativo al riguardo, e devono essere persuasi ad aderire.

Se c’è qualcosa di più lontano dalla verità e dalla verità, è che Jan Egeland non vuole far parte di ogni possibile tentativo di pace che si sta compiendo, afferma Henriksen Waage.

Nils Potenchon, Direttore del Centro norvegese per i diritti umani

Nils Böttingen è un ricercatore e professore con Midtausten come specialità. È il direttore del dipartimento per i diritti umani dell’Università di Oslo e ha scritto il libro “L’accordo di pace di Oslo in Israele”.

Foto: Centro norvegese per i diritti umani / UiO

Il professore di UiO Nils Potenchon concorda sul fatto che Jan Egeland probabilmente non sarà del tutto soddisfatto del modo in cui viene rappresentato nel lungometraggio.

Penso che sia stato molto importante su alcuni punti cruciali quando si è trattato di garantire che il processo fosse ben consolidato nel Dipartimento di Stato. Pottinghon dice che faceva parte della squadra in un modo molto diverso dall’impressione che si ha nel film.

NRK è in contatto con Jan Egeland. Non ha intenzione di guardare il film e non vuole commentarlo.

Bottenchon crede anche che Johann Jürgen Holst, il ministro degli esteri durante l’ultima parte del processo di pace, avrà un ruolo molto modesto nel film.

I principali attori dietro l'accordo di Oslo, quando fu firmato al Parkvien 45, il 20 agosto 1993.

I principali attori dietro gli accordi di Oslo, quando furono firmati a Barkvien 45 nell’agosto 1993. Al centro del tavolo siede l’ex ministro degli Esteri Johann Jürgen Holst, dietro l’allora ministro degli Esteri israeliano Shimon Peres. Dietro Peres ci sono Jan Egeland, Mona Jules e Terje Roed-Larsen.

Foto: polizia/NTB scanpix

“Holst è stato assolutamente fondamentale nell’ottenere la Dichiarazione di mutuo riconoscimento poco prima della firma ufficiale a Washington, DC. L’importante ruolo svolto da Holst si riflette molto male”, afferma Pottinghon.

La Norvegia non è neutrale

Il venerabile Borregaard Hovedgård a Sarpsborg è tra le città in cui i rappresentanti di Israele e dell’OLP si sono incontrati per negoziare nel 1993. Nel film viene servito delizioso cibo norvegese, comprese le frittelle con panna acida. I personaggi Terje Rød-Larsen e Mona Juul sono ritratti come facilitatori neutrali, che rimangono per lo più nella stanza sul retro mentre i negoziati continuano.

Nils Butenschøn non vuole sottovalutare il fatto che il film ha anche molti punti di forza e riprese affidabili. Ritiene che concentrarsi sul quadro informale dei colloqui sia stato un passo importante.

Servire buon cibo norvegese e prendersi cura delle persone che inizialmente erano molto ostili l’una verso l’altra e che si sono immerse in questa atmosfera è stato un momento significativo di cui Terje Rød-Larsen era almeno responsabile. Il ministro degli Esteri palestinese Abu Ala, che ho incontrato più volte, è stato ritratto con assoluta credibilità.

Ma il fatto che la squadra negoziale norvegese fosse completamente imparziale, come illustrato nel film, è stato messo in discussione dai professionisti.

dal film "Oslo" sugli accordi di Oslo.  Nella foto: Mona Jules (Ruth Wilson) e Terje Roed-Larsen (Andrew Scott).

Nel film “Oslo”, i personaggi Mona Gul e Terje Roed-Larsen svolgono il ruolo di mediatori neutrali nei negoziati di pace. Nel film, rimangono per lo più nella stanza sul retro mentre i colloqui tra le parti continuano.

Foto: HBO Nordic

– Il presupposto era che i negoziatori norvegesi non dovessero fare altro che facilitare i negoziati, e quindi le parti dovrebbero concluderlo. Ma nell’ultima parte del processo, ci sono forti indicazioni che la Norvegia abbia sostenuto ulteriormente la posizione israeliana per convincere i palestinesi a scendere a compromessi, in modo che gli israeliani non rompano i negoziati. Non sono inclusi in questa storia, dice Potenchon.

Una classica eresia tra gli storici

Christopher Bahl, il reporter cinematografico di Dagbladet, crede che la critica alla rappresentazione degli eventi storici nei film sia una moda tipica di molti storici, e dovrebbe essere loro permesso di averla, ha detto. Ma Pahle fa notare che non è possibile raccontare correttamente questa storia in un lungometraggio.

I lungometraggi non sono il modo giusto per ricreare il Rwenda al cento per cento. I registi prendono l’iniziativa e la modificano nel dramma per dirci qualcosa, ma non necessariamente come è stato effettivamente. I registi devono ovviamente essere attenti e rispettosi quando realizzano un film, specialmente quando si tratta di cose nel prossimo futuro, dice Bahl.

Il critico cinematografico di NRK Berger Vestmo è anche così sicuro che il pubblico sia diventato così guidato dal genere da rendersi conto che il film non è storicamente corretto al cento per cento.

È normale che il film si prenda queste libertà. Se si dovesse fare un film che fosse assolutamente corretto su ciò che è accaduto, sarebbe una brutta esperienza per il pubblico.

– Ma non c’è il pericolo di dare al pubblico un’impressione sbagliata di quanto accaduto?

– È, ovviamente, un problema che si può capire. Vestmo afferma che si può solo sperare che coloro che sono coinvolti nella realizzazione del film siano interessati a scoprire da soli cosa sia realmente accaduto.

Direttamente dai film degli Avengers, la serie “Loki” ingannata arriva con un grande senso dell’umorismo, una grande estetica e un Tom Hiddleston splendente e chiaro. Siamo entusiasti della serie MCU e discutiamo delle linee temporali, dei molti volti di Loki e di cosa potrebbe significare la serie per i prossimi film di supereroi. I padroni di casa sono Berger Vestmo, Mart Heidenstad e Sigurd Fick.

Una madre perde il figlio per suicidio. Un giovane perde il suo migliore amico in trincea. Entrambi provano sensi di colpa e tristezza.