Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La quota di Twitter crolla dopo l’offerta di Elon Musk: il consiglio di amministrazione di Twitter ha ritenuto “pillola tossica”, secondo il Wall Street Journal

Giovedì è l’ultimo giorno di negoziazione a Wall Street questa settimana, con la Borsa di New York chiusa il Venerdì Santo.

Ecco come appaiono gli indicatori anticipatori all’orario di chiusura:

  • L’indice Standard & Poor’s 500, che comprende 500 delle più grandi società quotate negli Stati Uniti, è sceso dell’1,21%.
  • Il Dow Jones Industrial Average ad alta densità, che consiste in 30 titoli accuratamente selezionati che si presume siano significativi, è sceso dello 0,33%.
  • L’indice Nasdaq Composite, che è dominato dalle società tecnologiche, è sceso del 2,14%.

Il CEO di Tesla Elon Musk sta ancora una volta rubando la scena a Wall Street. Giovedì mattina, ora norvegese, è arrivata la notizia che Musk, che possiede già circa il 9% di Twitter, acquisterà l’intera azienda per 43 miliardi di dollari, o 375 miliardi di corone. L’offerta ammontava a $ 54,20 per azione, con un regolamento in contanti, contro il prezzo di chiusura di mercoledì di $ 45,85.

Le azioni di Twitter sono balzate al di sopra del 15 percento nel pre-trading, ma sono aumentate molto più in basso nelle prime contrattazioni, l’ultima contrattazione per $ 45,18 negli scambi regolari. Questo è un calo dell’1,46 percento per la giornata e ben al di sotto del prezzo di offerta.

Durante un’intervista a una conferenza TED, Musk ha affermato di non essere sicuro di riuscire nell’acquisizione, anche se afferma di avere abbastanza fondi. Musk ha aggiunto di avere un “Piano B”, senza specificare quale fosse il piano.

Musk desidera rimuovere Twitter dall’exchange, ma giovedì sera ha scritto che si sarebbe sforzato di essere “il maggior numero di contributori alla privatizzazione di Twitter consentito dalla legge”.

Il principe saudita e il collaboratore di Twitter Alwaleed bin Talal e la sua società Kingdom Company hanno rifiutato l’offerta di Musk in un tweet in cui bin Talal ha scritto che l’offerta “non era vicina ai valori intrinseci, date le prospettive di crescita dell’azienda”.

READ  I numeri di Apple sono incredibili: - sono semplicemente estremi

Musk si rivolge persino a Twitter per rispondere a bin Talal.

“Interessante. Solo due domande, se posso. Quanto di Twitter ha il regno direttamente e indirettamente? Qual è il punto di vista del regno sulla libertà di stampa?”

pillola velenosa

Giovedì sera, ora norvegese, il Wall Street Journal ha scritto che il consiglio di Twitter sta valutando una cosiddetta “pillola velenosa”, che in breve è una strategia che può essere utilizzata per rendere un’azienda meno attraente per un offerente non richiesto, in questo caso Musk .

Questa “pillola velenosa” potrebbe presentarsi sotto forma di un consiglio di Twitter che emette nuove azioni per allentare Musk e impedirgli di assicurarsi il controllo della società, ma si attendono conferme o maggiori dettagli su tale piano.

Musk è la persona più ricca del mondo, con una fortuna stimata di 259 miliardi di dollari, secondo il Bloomberg Billionaires Index. Tuttavia, non è chiaro come finanzierà l’acquisizione, dal momento che la maggior parte degli asset di Musk sono in azioni Tesla e SpaceX.

– Sì, è buono per molti soldi, ma non ha molti soldi. Pertanto, deve stipulare un prestito non pagato in azioni Tesla o vendersi in Tesla. Giovedì il direttore degli investimenti Robert Ness ha detto a DN che probabilmente avrebbe scelto un mix.

Il Wall Street Journal ha scritto che i dirigenti di Tesla possono prendere in prestito azioni Tesla come garanzia, ma solo fino a un quarto del valore del titolo. Al 31 dicembre, Musk possedeva 172,6 milioni di azioni di Tesla e si dice che ne abbia già offerto 88 milioni come garanzia per prestiti personali. È anche incerto se una partecipazione così volatile come Tesla sarebbe adatta come garanzia per un prestito così massiccio.

READ  Appartamento a Oslo Borz - Polit si trova dopo il rilascio - E24

Twitter ha un potenziale straordinario.

Lo stesso Musk è un utente attivo di Twitter e, con 81,6 milioni di follower, è all’ottavo posto nel mondo. Di recente ha rifiutato una posizione nel consiglio di amministrazione della società, dopo che si è saputo che aveva acquistato fino al 9,2% della quota di proprietà.

“Ho investito in Twitter perché credo nel suo potenziale per diventare una piattaforma per la libertà di espressione in tutto il mondo e credo che la libertà di espressione sia una necessità sociale per una democrazia funzionante”, ha scritto Elon Musk in una nota.

“Ma da quando ho fatto il mio investimento, ora mi rendo conto che la società non servirà questo imperativo sociale nella sua forma attuale. Twitter deve trasformarsi in una società privata”, aggiunge.

Musk ha inoltre scritto che questa era la sua “migliore e ultima” offerta e che se non fosse stata accettata, avrebbe riconsiderato il suo status di azionista.

“Twitter ha un potenziale straordinario. Voglio realizzarlo”, conclude Musk.

In una breve dichiarazione, Twitter ha confermato di aver ricevuto l’offerta. Il Consiglio di amministrazione esaminerà ora la questione con attenzione e poi prenderà una decisione che è nel migliore interesse di tutti gli azionisti.

Secondo Bloomberg, l’analista Adam Crisavoli ha scritto a Vital Knowledge di ritenere che l’offerta sia troppo bassa per gli azionisti o per il consiglio di amministrazione di Twitter, citando il fatto che la quota di Twitter era di soli $ 70 un anno fa.

Numeri bancari e prezzi più bassi

Tra i singoli titoli, gli investitori stanno seguendo da vicino le principali banche statunitensi, che giovedì hanno riportato i numeri del primo trimestre.

READ  La Norvegia è uno dei primi paesi a ottenerlo

Secondo Refinitiv, Morgan Stanley, Citigroup e Goldman Sachs hanno ottenuto risultati migliori del previsto sia nelle vendite che negli utili. Giovedì le azioni Morgan Stanley e Citigroup sono leggermente aumentate, mentre le azioni Goldman Sachs sono leggermente scese

L’impatto maggiore è stato per la partecipazione di Wells Fargo, che è scesa del 4,5%. La società ha ottenuto un risultato leggermente superiore, ma allo stesso tempo un fatturato inferiore alle attese nel primo trimestre. Il risultato è stato sollevato da minori accantonamenti per perdite, che Wells Fargo ha giustificato sulla base del fatto che vi erano meno rischi associati agli effetti economici della pandemia, Secondo CNBC.

JPMorgan Chase ha pubblicato mercoledì i numeri trimestrali, leggermente migliori delle stime iniziali. Allo stesso tempo, la banca ha subito una perdita di 524 milioni di dollari a causa delle conseguenze dell’invasione russa dell’Ucraina. Il titolo è leggermente sceso giovedì e del 5% in totale questa settimana.

Con l’inflazione in aumento, la minaccia di recessione e il tumulto della guerra, i vertici delle banche citate hanno segnalato una maggiore incertezza, un maggiore rischio di perdite e una minore attività sui mercati dei capitali.

Morgan Stanley, Citigroup, Goldman Sachs e JPMorgan Chase sono scese dal 15 al 21% in borsa finora quest’anno, mentre le azioni Wells Fargo sono scese di quasi il 10%, compreso il calo di oggi. (Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o utilizzato in altro modo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.