Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La rinnovata tendenza si sta raffreddando – e ora è l’olio applicato nel mercato delle acquisizioni

Lo studio legale Wiersholm ha scritto in un recente rapporto sul mercato delle acquisizioni che l’attività nell’ambito di fusioni e acquisizioni è in qualche modo influenzata dalle turbolenze del mercato. Il rapporto esamina gli sviluppi di fusioni, acquisizioni e IPO fino ad ora quest’anno, sulla base del contributo degli avvocati e dei dati della società di analisi Mergermarket.

I settori della tecnologia e dell’energia aprono la strada in una panoramica delle nuove transazioni, seguiti da vicino dal mercato dell’acquacoltura.

Il partner Harald Hellebust di Wiersholm vede uno spostamento del mercato verso i settori tradizionali.

– L’energia è stata forte per molti anni. L’energia rinnovabile è stata sui venti, ma ora c’è più attenzione sul buon vecchio petrolio e gas. L’era del petrolio non è finita, anche se potremmo aver pensato qualche anno fa, dice Hellbst.

Sia petrolio che sostenibilità

Tutti i grandi studi legali di Aker Brygge e Vika di Oslo hanno esperienza nel mercato delle acquisizioni. Anche la partner Ylva B. Gjesdahl Petersen dello studio legale Thommesen vede un crescente interesse per fusioni e acquisizioni di petrolio e gas, ma ritiene che gli investimenti verdi saranno altrettanto interessanti.

– Non c’è dubbio che il petrolio ei servizi petroliferi abbiano conosciuto un boom dopo gli eventi geopolitici di questa primavera. Allo stesso tempo, è sbagliato dire che non c’è interesse per gli investimenti verdi. Petersen dice che il petrolio è tornato in gioco.

Petersen pensa che sia una pietra miliare per l’Unione Europea Consigliato di recente Che alcune attività nel campo del gas e dell’energia nucleare debbano essere incluse nella “classificazione”, cioè la classificazione delle attività sostenibili. La classificazione include requisiti di rendicontazione, non requisiti ambientali. L’UE ritiene che nel tempo le aziende troveranno più facile raccogliere capitali e più sarà sostenibile.

READ  Dal 3 luglio è vietata la commercializzazione di alcuni prodotti in plastica - NRK Norvegia - Panoramica delle notizie da diverse parti del paese
Ylva B. Gjesdahl Petersen presso lo studio legale Thommessen.

Ylva B. Gjesdahl Petersen presso lo studio legale Thommessen. (Foto: Skjalg Bøhmer Vold)

Misurata dal numero di acquisizioni, la tecnologia è la vincitrice, mentre l’agricoltura e l’energia sono le più misurate in termini di valore totale delle transazioni. I fondi di acquisizione specializzati (private equity) sono un acquirente più rilevante quando le quotazioni in borsa sono meno rilevanti.

Vediamo un maggiore interesse per le società con buoni guadagni e un potenziale di profitto realistico, mentre gli investitori hanno cercato di allontanarsi dalle società in via di sviluppo in fase iniziale in borsa. Nell’ambito del private equity, vediamo molta volontà di entrare a far parte di società tecnologiche, afferma Petersen.

Indica, tra le altre cose, le acquisizioni di Mercell, Ørn Software ed Ecoonline a giugno.

Hellebust di Wiersholm sottolinea che la Norvegia ha molte aziende tecnologiche forti.

– È un punto di forza della Norvegia che siamo attraenti. Il problema nel tempo è stato la mancanza di aziende di qualità da acquistare, e forse la definizione di azienda di qualità è più ristretta di prima. C’era molto capitale, ma non è chiaro dove metterlo, dice.

In calo rispetto al record del 2021

Continua:

Il mercato resta incerto a causa dell’inflazione e della guerra in Ucraina. Da una prospettiva più ampia, il mercato delle acquisizioni è ancora buono, anche se più debole rispetto al 2021. Ci sono meno acquisizioni e i processi richiedono più tempo. Hellebust dice che è un grande freno rispetto al record del 2021, ma il mercato è ancora piuttosto forte se guardi nel tempo.

Dopo tassi di interesse storicamente bassi e politica monetaria espansiva durante la pandemia, la guerra in Ucraina è stata seguita da un aumento dell’inflazione e tassi di interesse in rapido aumento. Ciò ha portato a una grande volatilità e incertezza nelle borse mondiali. DN ha scritto in precedenza che le misure di austerità economica nazionale e internazionale sembrano influenzare anche il mercato non quotato e l’accesso al capitale di rischio.

Ci sono molte crisi d’umore, ma ci sono forti fattori di fondo per le acquisizioni. Hellebust afferma che ci sono investitori strategici disposti a guardare allo stato a breve termine del mercato e che c’è molto capitale nei fondi di acquisizione.

Si ritiene che non vi sia motivo di credere che l’autunno sarà peggiore della prima metà dell’anno, al contrario.

Quando eseguiamo la nostra “due diligence” (revisione aziendale completa, ndr) in merito alle acquisizioni, vediamo che possono essere negative con accordi con i clienti a lungo termine e prezzi fissi, perché il timore è che l’inflazione li renda meno attraenti. In precedenza era il contrario: i collegamenti brevi erano spesso visti come un rischio. L’approccio agli acquirenti è cambiato, dice Hellebust, a causa della paura dell’inflazione.(Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o utilizzato in altro modo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.