Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La rivolta degli agricoltori popolari ha ricevuto più di 10.000 firme – E24

– Fastidioso, dice un contabile esperto su ciò che sente dagli agricoltori in una delle regioni agricole più importanti del paese.

Sven Martin Haaland è sempre stato frustrato. Quando ha sentito di agricoltori in altre parti del paese che facevano le stesse domande, ha trovato saggio unire le forze.

John Engmundsen

Inserito: Inserito:

Viggo, Lesga, Namsos, Helgoia, Skiptvit. In queste cinque città, ben sparse sulla mappa della Norvegia, siedono cinque contadini che hanno deciso di lavorare insieme e chiedere una rivolta contadina.

– Ci è voluto molto tempo, ma ne è valsa la pena, afferma Sven Martin Haaland di Viggo, uno dei cinque.

La campagna per le firme Deira #bondeopprør ha ricevuto oltre 11.000 firme dal 15 aprile fino alla mattina del 22 aprile. È di gran lunga la campagna più popolare di quest’anno su opprop.net.

“Chiediamo che l’agricoltore norvegese disponga di un’economia in cui possiamo produrre cibo norvegese sicuro ora e in futuro. Questo non è il caso ora”, afferma il caps lock scrivendo nell’appello.

Il momento dell’inizio della rivolta non è casuale, perché gli insediamenti agricoli di quest’anno sono molto vicini. Il 27 aprile l’agricoltura presenterà le sue richieste e il 4 maggio lo Stato presenterà la sua offerta. Ma gli agricoltori sperano anche di poter influenzare le elezioni parlamentari di questo autunno.

La Banca: – Gli agricoltori sacrificano tutto

– Negli incontri con gli agricoltori, la domanda di solito è se stanno facendo le cose, non se stanno dando i loro frutti. Gli agricoltori non pagano da soli la paga oraria. Sono concentrati sul pagamento del debito e sul portare del cibo nel vassoio, afferma Morten Malmen, direttore dell’agricoltura della banca presso Sparebank 1 SR-Bank.

Secondo i dati diffusi dalla banca, il debito tra gli agricoltori è aumentato notevolmente negli anni tra il 2010 e il 2020.

Il debito medio per cliente agricolo è aumentato del 160 percento, da 1,3 milioni di NOK a 3,1 milioni di NOK. Quindi si contano anche tutti coloro che non hanno investito. Ora abbiamo più di 100 clienti con debiti superiori a 10 milioni. Quando raggiungi più di 10 milioni di NOK, non avrai scelta di smettere se non vuoi vendere la proprietà.

Malmin sottolinea che la banca non raggiungerà conclusioni politiche. Ma gli piace descrivere come percepisce la situazione finanziaria del settore contattando i clienti con gli agricoltori da Grimstad nel sud a Bergen nel nord.

– Ne sono appassionati. Questo è più pesante dell’economia, dice Malmen.

Noi agricoltori godiamo di un’elevata prosperità e di un’utile professione. Forse dobbiamo pensare più da economisti e mettere da parte l’ideologia per cui nessuno vuole pagare? Se avessi pensato come un attore nel normale mondo degli affari, avrei smesso, dice Haaland.

Malmin spiega che tutto ciò che un agricoltore può fare, compreso lo stipendio di un potenziale coniuge fuori azienda, è parte della base quando la banca decide se può sostenere l’investimento.

– Dei hiv allt i potten. Malmin dice che sacrificano tutto.

Mentre si consiglia alla maggior parte degli imprenditori di acquisire un AS il prima possibile per evitare i rischi significativi associati all’attività come ditta individuale (fallimento, case e case possono fumare, ecc.), Per gli agricoltori è vero il contrario. Malmin spiega che, tra l’altro, deriva dal fatto che solo gli individui, non le aziende, possono possedere e gestire proprietà agricole in Norvegia.

C’è un grande bisogno di investimenti in agricoltura. Molti vogliono costruirci sopra, ma molti si affidano a stalloni per decidere se vogliono più debiti, dice Malmin.

Morten Malmen a Sparebank 1 SR-Bank ha visitato la fattoria di Sven Martin Håland a Figgjo. Haaland rappresenta la sesta generazione di allevatori della fattoria, che producono 330.000 litri di latte all’anno.

John Engmundsen

programma frustrante

Il contabile Per Herikstad di Hå rekneskapslag ha 20 anni di esperienza con i clienti agricoli.

Il produttore di latte ha tenuto una cronologia del primo anno in cui ha corso. Herrikstad ha detto che quando ha impiegato 4.000 ore di lavoro in autunno, ha smesso di elencare perché era così frustrato.

Secondo un contabile esperto, dalle 3.500 alle 4.000 ore lavorate all’anno e un’eccedenza di circa 400.000 NOK dopo il pagamento degli interessi sul prestito è abbastanza comune. In confronto, un anno normale al di fuori della coltivazione è di circa 1.750 ore.

Di recente ho parlato con un agricoltore che ha detto di aver trascorso una domenica tranquilla lavorando non più di otto ore, dice Herrikstad per chiarire il punto.

All’inizio della sua carriera, vedeva spesso gli agricoltori ai primi posti nelle imposte locali. Raramente diventava cibo, e se continui a vedere un contadino lì, di solito è perché la persona in questione ha venduto una fattoria o un terreno.

– Ora molti agricoltori dicono che non lo raccomanderebbero ai loro piccoli. È molto fastidioso per me.

Tuttavia, vede che ci sono anche agricoltori che stanno “bene”.

– Ma un terzo dei contadini che guadagnano di meno combatte con le spalle al muro. E per quelli, ci vuole molto per alzarsi.

Nel Landbruksbaromter di Agri Analyse di quest’anno, 1.121 agricoltori hanno risposto a domande su quanto sia redditizia la fattoria. Il 44% pensa che la redditività dell’azienda agricola sia molto scarsa. Il 13% usa la caratteristica “estremamente debole”. Spiccano in negativo gli allevatori impegnati nella produzione zootecnica e nell’allevamento ovino. Il 59 e il 49% di questi indicano un profitto piuttosto scarso.

Non vuoi “lavorare sodo”

Noi agricoltori non vogliamo più fare volontariato. Abbiamo un lavoro ad alto rischio e un turno di lavoro 24 ore su 24, 7 giorni su 7 tutto l’anno. Questo mi fa 50-100 corone l’ora, dice Haaland, che sostiene di pagare al suo assistente lituano una paga oraria più di quanto potrebbe pagare lui stesso.

Secondo le statistiche della Norvegia, uno dei L’agricoltore norvegese medio ha guadagnato 20.300 NOK di reddito dalla sua azienda agricola nel 2019, con un calo del 15,9% dal 2014. Inoltre, questi agricoltori hanno in media 298.800 NOK dal lavoro fuori dall’azienda agricola. Nota che questi numeri si applicano all’individuo, quindi se anche il coniuge ha un reddito dalla fattoria, il reddito totale dalla fattoria sarà maggiore.

Gli agricoltori guadagnano così poco denaro non è una nuova affermazione nel dibattito pubblico. Perché i ribelli si aspettano di essere ascoltati questa volta?

– Non ci sono minacce vuote. Ci sono molti che non vogliono investire di più. Molti dicono che si dimetteranno. È una scelta che il popolo norvegese deve fare. Haaland dice che l’agricoltura costa denaro.

I politici hanno appreso che la rivolta esiste.

Il ministro prende sul serio la rivolta contadina? ha chiesto il politico del Partito Socialista Geir Bolstad mentre saliva sul podio del parlamento norvegese mercoledì.

– Capisco l’impazienza, capisco l’impegno degli agricoltori, ha risposto il ministro dell’Agricoltura Olaug V. Bollestad della KrF, promettendo di prendere sul serio la richiesta che le organizzazioni agricole presenteranno ai negoziati di quest’anno.

Sven Martin Haaland si è seduto fino a mezzanotte la sera prima per rispondere a un editoriale di Finansavisen Trygve Hegnar. Assumere una rivolta popolare richiede tempo e fatica in una giornata già impegnativa come agricoltore.

John Engmundsen

Capo squadra di contadini: – Ribellione di Grassrota

Håland ritiene inoltre che gli stessi agricoltori dovrebbero assumersi una certa responsabilità per la situazione che è diventata così.

È imbarazzante che ci siamo accordati per così tanto tempo. La stessa associazione degli agricoltori ha firmato accordi con lo Stato. Osano accettare di nuovo un simile accordo con lo stato?

Parte del retroscena delle critiche dell’associazione degli agricoltori è che gli agricoltori ribelli non sono d’accordo con il numero di parti che costituiscono la base dei negoziati agricoli. In breve, ritengono che debbano essere inclusi diversi fattori affinché coloro che stanno negoziando abbiano una comprensione sufficientemente buona della situazione economica.

Sebbene i ribelli siano critici nei confronti dell’associazione degli agricoltori, Haaland non ha alcun desiderio di separarsi dall’organizzazione. In qualità di portavoce delle 13 associazioni di agricoltori locali a Jæren, crede che gli agricoltori stiano facendo del loro meglio per diventare terrazzamenti per lavorare insieme.

– Ribellione popolare e frustrazione a causa del basso reddito. Vale sicuramente la pena prestare attenzione, afferma Marit Ibletvet, leader del Rogaland Bundlag.

Spera che lo stato ascolterà quando presenteranno un’offerta quest’anno con opportunità di reddito per gli agricoltori.

– Lo stato ha detto che siamo critici sociali. È vero che gli agricoltori stanno iniziando a contare e stanno pensando di smettere di fumare. Se lo fanno, non ottengono l’assicurazione di cui abbiamo bisogno la prossima volta che ci sarà una crisi.

Epletveit risponde alle critiche di Håland come segue:

Le sfide di oggi sono un misto di accordi e offerte firmate dallo Stato in cui abbiamo violato, ma dove l’offerta è stata approvata dal Parlamento.

Per quanto riguarda la base numerica, osserva che la questione è stata sollevata nell’ambito della riunione annuale dell’Associazione degli agricoltori norvegesi che si terrà a giugno. Diverse squadre provinciali, tra cui Rogaland, hanno preso il comando.

– Quindi questo è un processo in corso che viene sollevato in tutta l’organizzazione.

Marit Appletvet ritiene che l’economia nel settore sia stata molto esigente negli ultimi anni.

Karina Johansson

READ  Jesper Daland ha scelto di lasciare la mia nascita, preferendo viaggiare all'estero