Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La Russia ha perso 355mila soldati

Questa foto è stata scattata a Vladimir Putin quando ha pronunciato il suo discorso sullo stato del Regno la scorsa settimana. Fotografia: Alexander Zemljanichenko/AP/NTB

Sempre più russi vogliono che la guerra finisca, ma il Cremlino ha ancora il sostegno per continuare, dice un esperto del VG.

dell'intelligence britannica Rapporti della domenica Sulle pesanti perdite dei russi in Ucraina:

  • Le perdite giornaliere dei russi nel febbraio 2024 sono state le peggiori dall’inizio della guerra.
  • Nel mese di febbraio ogni giorno sono stati uccisi o feriti 983 soldati.
  • Dall’inizio della guerra sono stati uccisi o feriti circa 355.000 soldati russi.

I numeri concordano bene Calcolo americano Il Capodanno, che si concluse con la partenza dal servizio di 315.000 soldati russi.

I media russi indipendenti hanno scoperto che circa 45.000 soldati russi hanno perso la vita in guerra. Si stima che il numero reale dei morti sia di circa 75.000, secondo quanto riportato da attendibili media russi mediazona.

A febbraio i russi catturarono Avdiivka nella regione di Donetsk e passarono all'offensiva. Ma di conseguenza il progresso è costato molte vite umane.

Volodymyr Zelenskyj ha affermato una settimana fa che 31.000 soldati ucraini hanno perso la vita in guerra.

READ  Il conflitto tra Israele e Hamas: - Pesanti bombardamenti con droni

Un veicolo militare russo attraversa Avdijivka. La battaglia per questa piccola città costò la vita a molti soldati russi. La foto risale al 20 febbraio. Foto: Ministero della Difesa russo/Reuters/NTB

I sondaggi d’opinione – che in Russia dobbiamo prendere con le pinze – indicano che dal 75% all’80% degli elettori sostiene l’“operazione speciale” in Ucraina.

– Il 20-25% non è d'accordo, a seconda di come viene posta la domanda, dice Denis Volkov All'istituto di ricognizione russo Levada.

– Sempre più russi sono contrari alla guerra, dice a VG il professor Veli-Pekka Tinkkinen dell'Istituto Alexandri di Helsinki.

– Perché?

– La gente ha iniziato a sentire la guerra. Ci sono grandi numeri di perdite, una maggiore inflazione e le persone ne avvertono l’impatto nella loro vita quotidiana. Ecco perché sempre più persone si oppongono.

– Penso che un vero sondaggio d'opinione darebbe circa il 40% di opposizione alla guerra. Pertanto esiste ancora una maggioranza che sostiene la guerra, continua Tinkinen.

Al Cremlino interessa ciò che pensa la gente?

– Questo è un regime autoritario. A Putin e ai suoi amici non interessa cosa pensa la gente. Se la maggioranza è contraria alla guerra, ci sono pressioni, ma si tratta pur sempre di una dittatura. La Russia è un paese completamente diverso rispetto a dieci anni fa. A quel tempo, la maggior parte dei russi aveva qualcosa da dire, ma non voleva farlo. La Russia ha annesso la Crimea e non vi è stata resistenza. Ora sempre più persone ne sono colpite e sempre più persone si oppongono alla guerra.

Soldati ucraini vengono fotografati vicino al fronte nella regione di Donetsk sabato 2 marzo. Fotografia: Efrem Lukatsky/AP/NTB

Circa il 45% di loro sono “falchi” – che sostengono incondizionatamente sia il presidente che l’esercito, scrive Denis Volkov. Ciò indica che in questo gruppo ci sono più uomini e persone anziane Levada.

READ  Notizie sul virus Corona, capo dell'OMS: potrebbe essere il primo caso di un dipendente in un laboratorio di Wuhan

Veli-Pekka Tinkkinen ritiene invece che solo il 20% circa siano ardenti sostenitori della guerra.

-Inoltre, circa il 20% si oppone fermamente alla guerra. Di conseguenza circa il 60 per cento non esprime alcuna opinione ed è indifferente, spiega a VG.