Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La scienza è costruita sulla fede


Astronomo: Sebbene Galileo e la Chiesa non fossero sempre in dialogo, nel 1623 affermò anche che dovremmo leggere il grande libro della natura, “l’universo che si apre continuamente davanti ai nostri occhi”. Perché qui Dio “ha scritto nel linguaggio della matematica”.

L'umanista Lars Alm mostra quanto sia sbagliato confondere la fede con la scienza. Come nel suo sostegno a Bergens Tidende del 22 aprile ai commenti di Elin Sibjørnsen secondo cui la religione è “antiquata” e secondo cui “l'istruzione e l'illuminazione stanno sostituendo la fede religiosa”.

Per un dolore che continua Malintesi basati sulla fede come “scienza e fede non sono mai e non saranno mai compatibili”. L'impressione non è stata migliorata dal titolo “È ora di chiamare la religione per quello che è realmente: superstizione”.

quello Il mito moderno è che lo scopo della religione sia spiegare la natura. Se credi che la religione sia dovuta alla mancanza di conoscenza della scienza, non sorprende che tu pensi che la scienza possa sostituire la religione.

L'articolo continua sotto l'annuncio.

Ciò però non si basa su indagini empiriche della fede o della pratica, ma è semplicemente presupposto nella fede. In effetti, “scienza” e “fede” riguardano in parte cose diverse e si basano l’una sull’altra. Soprattutto, la scienza è costruita sulla fede.

quello – Antiquata o no – l'idea del 19° secolo secondo cui fede e scienza sono in necessario conflitto. Lo sfondo erano le ideologie e i conflitti culturali dell’epoca. Londra laica x club Ha fatto pressioni per sostituire le donne, i dilettanti e i preti delle comunità di ricerca con la scienza professionale e laica.

Nel calore della battaglia Gli attivisti hanno inventato affermazioni sulla guerra della Chiesa contro la conoscenza. Hanno basato la narrativa moderna della creazione sul percorso dall’oscurità del Medioevo alla luce della modernità.

Questa convinzione era basata sui miti dell'Illuminismo, come la convinzione della Chiesa che la Terra fosse piatta, l'incendio delle biblioteche e la repressione di tutto ciò che poteva assomigliare alla scienza. Ci si sentiva giustamente arrabbiati perché questo aveva fermato la nostra evoluzione per mille anni.

In effetti se lo era meritato Tali illusioni mancano di conoscenza e illuminazione. Perché la scienza non si è sviluppata in un vuoto privo di pensiero. Si colloca all’interno di un’ampia tradizione religiosa che risale all’antichità, con stazioni di spedizione islamiche, ebraiche e cristiane presenti, nonostante periodi di recessione e minacce, dalle migrazioni alle epidemie.

Ce n'erano troppi Il punto centrale è che la natura è governata da leggi date da un Dio razionale e che noi, in quanto creati a immagine di Dio, possiamo pensare i pensieri di Dio in accordo con Lui. Quando le università apparvero in Europa già nel XII secolo, fu proprio perché l’antica conoscenza e la logica antica erano così apprezzate.

La fede in Dio era una Un’ipotesi ovvia per molti importanti ricercatori. Introduzione all'opera principale di Newton, i principiAfferma che Dio è la fonte di “tutte le leggi chiamate leggi naturali”. Poiché Dio è libero di stabilire le leggi che desidera, queste devono essere scoperte attraverso “osservazioni ed esperimenti”.

Quella conoscenza sono io È nata in gran parte da premesse religiose, il che è evidente anche nei fondatori dell'astronomia moderna. Come scrisse Keplero nel 1599, Dio stabilì “leggi, numeri e proporzioni” nel mondo fisico e “Dio desiderava che li conoscessimo, quando ci creò a sua immagine, in modo che potessimo condividere i suoi pensieri”.

L'articolo continua sotto l'annuncio.

I Padri della Chiesa sono già in azione Gli anni '20 sottolineavano che “i due libri di Dio sono la natura e la Bibbia”. Era importante imparare a leggerli entrambi. Sebbene Galileo e la Chiesa non fossero sempre in buoni rapporti, nel 1623 affermò anche che dovremmo leggere il grande libro della natura, “l’universo continuamente aperto davanti ai nostri occhi”. Perché qui Dio “ha scritto nel linguaggio della matematica”.

Robert Boyle (1629-91) Ha descritto i suoi esperimenti chimici come un servizio divino. Quindi erano più adatti la domenica.

Ne vediamo uno Contatto altrettanto fruttuoso in Norvegia. Per lo meno, il vescovo Junirus (1718-1773) lottò per una società scientifica in ogni campo, dalla retorica alla storia naturale. Si aspettava che i sacerdoti studiassero la natura e diffondessero la conoscenza, perché la maggior parte delle persone ne aveva bisogno. Lui stesso ha pubblicato 40 contributi scientifici, dalla biologia e studi sui minerali all'economia.

È allettante Per dire che la fede ha portato avanti la scienza su un trono d'oro.

E allo stesso tempo dolore La verità è che fede e scienza sono diverse. Allo stesso modo, la visione umana della vita è qualcosa di diverso dalla scienza. Dire che la scienza è una “fonte di conoscenza più affidabile” della religione “perché si basa sul metodo scientifico” è come dire che gli elicotteri volano meglio dell’umanità. Vado in chiesa anche se i termometri misurano la temperatura meglio delle tazze da comunione.

Non si può Rifiutare Dio o credere che Gesù sia risorto dai morti con un tratto di penna riguarda la “superstizione” o che la “scienza” è migliore della “religione” per trovare il petrolio o costruire telefoni cellulari. La scienza riguarda l’investigazione della natura.

Le credenze riguardano la comprensione della realtà, la realtà sottostante, il significato e i valori. Che si tratti di natura, tu o io, o di buone introduzioni alla scienza.

Allo stesso tempo può anche La fede cresce nella scienza. La ricerca sulle lingue e sulle culture della Bibbia ci ha aiutato a comprendere meglio i testi. Una maggiore conoscenza della geologia e della biologia ha portato a una maggiore comprensione della possibilità che Dio agisca attraverso i processi della natura.

L'articolo continua sotto l'annuncio.

Quando il fisico cattolico Lemaitre arrivò allo studio del Big Bang, quasi cento anni fa, molti credevano che il modello puntasse nella direzione di Dio, anche se Lemaitre stesso metteva in guardia contro questo fenomeno.

Ma lo è anche Motivo per diffidare delle affermazioni secondo cui tutta la religione è “miti e superstizioni”. La realtà è complicata.

Si tratta di più di quanto possiamo misurare e pesare. I diritti umani non dipendono dalla fisica quantistica. Abbiamo bisogno di una diversità di punti di vista, senza sminuirci a vicenda.

Anche oggi Molti vedono la fede in Dio come una prospettiva fruttuosa, sia che si sia impegnati nella fisica o nella filosofia.

READ  discussione, discussione | Mantieni l'impegno!