Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La settimana peggiore per Dow Jones da gennaio

I segnali di Hawking dalla Federal Reserve all’inizio di questa settimana hanno sollevato preoccupazioni sui tassi di interesse a Wall Street, che sono rimasti sani dopo aver aperto verso il basso in un terreno negativo venerdì.

Dow Jones Ha chiuso in calo dell’1,6% e ha registrato la settimana peggiore da gennaio, Nasdaq È sceso dello 0,8 per cento, mentre il più ampio Standard & Poor’s 500L’indice è sceso dell’1,3%.

Le azioni di Bank of America e JPMorgan Chase sono scese di oltre il 2% ciascuna. Le azioni di Citigroup sono scese dell’1,7% per il dodicesimo giorno consecutivo di calo.

Jerome Powell, il governatore della banca centrale della Federal Reserve, ha iniziato a parlare di ridimensionare gli acquisti di supporto.

“Gli investitori possono interpretare la svolta da falco della Fed mercoledì come un segnale che l’economia statunitense sarà colpita più duramente dopo la pandemia”, afferma Chris Hussey di Goldman Sachs.

Aumento dei tassi di interesse nel 2022?

Il presidente della Louis Central Bank Jim Bullard non ha contribuito a ridurre le preoccupazioni sui tassi di interesse quando venerdì ha aperto un’intervista con CNBC per il primo aumento dei tassi già il prossimo anno. Il comitato per i tassi di interesse della Federal Reserve mercoledì ha fornito una previsione mediana fino a due aumenti dei tassi nel 2023, dopo aver indicato a marzo che nessun aumento dei tassi era all’orizzonte.

Ci aspettiamo un buon anno e una buona apertura. Ma questo è un anno più grande di quanto ci aspettassimo e più inflazione di quanto ci aspettassimo. “Penso che sia naturale appoggiarsi un po’ di più sul lato falco qui per tenere sotto controllo le pressioni inflazionistiche”, ha detto Pollard a Squawk Box della CNBC.

READ  - Può salire - E24

“Mercoledì, gli investitori nel mercato azionario statunitense non erano chiaramente pronti a risolvere gli effetti attesi del messaggio della banca centrale per quanto riguarda la tempistica, le prospettive dei tassi di interesse, l’inflazione e le misure di stimolo future. La pressione sui prezzi delle materie prime e l’inverso L’aumento dei tassi di interesse ha significato che questo ieri ha pesato sui settori finanziario ed energetico, mentre il settore tecnologico, a sua volta, è stato aiutato dall’inversione dei tassi di interesse”, ha scritto DNB Markets nel suo aggiornamento di venerdì.