Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La sinistra vince le elezioni presidenziali in Cile – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

I dati preliminari mostrano che il candidato di sinistra Gabriel Borich ha ottenuto il 55,18% dei voti alle elezioni di oggi.

Il candidato di destra Jose Antonio Caste ha ottenuto il 44,82% dopo aver contato quasi il 70% dei voti.

Candidati molto diversi

Il candidato di sinistra Gabriel Borek ha 35 anni. Alcuni anni fa ha guidato le grandi manifestazioni studentesche in Cile e oggi è membro dell’Assemblea nazionale del paese.

Sembra che il conservatore Jose Antonio Caste sia sul punto di perdere le elezioni presidenziali cilene.

Foto: Ivan Alvarado/Reuters

Borek sostiene la politica sociale ed economica, guida un fronte elettorale a cui partecipa, tra gli altri, il Partito comunista cileno.

La candidata di sinistra all’aborto, con una maggioranza di elettori di sesso femminile.

Jose Antonio Caste ha 55 anni, avvocato e padre di cinque figli. Ha promesso di “ripristinare la legge e l’ordine” dopo le proteste che hanno travolto il Cile negli ultimi due anni. Difenderà i “valori cattolici” come la famiglia nucleare e la protezione della vita non ancora nata.

Caste è un ammiratore dell’ex dittatore cileno Augusto Pinochet e sostiene le politiche economiche neoliberiste introdotte sotto il dominio militare.

povero e ricco

Le differenze significative tra ricchi e poveri sono state una questione importante nella campagna elettorale. La sinistra chiede un Cile più sociale, in cui lo Stato ha la responsabilità di combattere la povertà e la disuguaglianza.

– Ci opponiamo a tutte le forme di ingiustizia, afferma il responsabile della campagna Rodrigo Vendáño, che NRK incontra in un mercato nella capitale cilena.

Rodrigo Vindanio - funzionario elettorale cileno di sinistra

Rodrigo Vindanio è un attivista elettorale di sinistra con un forte interesse per la giustizia sociale.

Foto: Arnt Stefansen/NRK

Durante e dopo la dittatura, tutto è stato privatizzato e i valori che sono stati creati sono stati distribuiti in modo completamente diverso. Questo è ciò che vogliamo finire. Ecco perché queste elezioni sono così importanti per il Cile, dice.

Le promesse più importanti dei conservatori sono “legge e ordine” e un Cile più stabile. Si rivolge a grandi gruppi di elettori, tra cui la coppia Nunes/Aguiles, che NRK incontra nella loro casa in un quartiere borghese di Santiago.

Isabel Nunes dice che ciò che mi fa prima di tutto votare per Kast è che è più adatto a rimettere in carreggiata l’economia del paese.

– Ho fiducia che sia in grado di tirare fuori il paese dalla crisi di oggi, con disordini sociali, Corona e declino economico, dice

rivolte violente

Le odierne elezioni presidenziali e parlamentari in Cile hanno uno sfondo tragico. Poco più di due anni fa, il Paese è esploso in manifestazioni violente. Centinaia di migliaia sono scese in piazza per protestare contro la crescente povertà e disuguaglianza sociale, e miliardi di corone sono state distrutte.

Clg7YUco3aI

Il Cile è esploso in rivolte sociali due anni fa. Domenica cadono le elezioni presidenziali e parlamentari.

Foto: Henry Romero/Reuters

Le proteste hanno portato a un referendum sulla costituzione del paese, che è stato introdotto sotto il dittatore Augusto Pinochet negli anni ’80. Il voto ha avuto luogo lo scorso autunno, dando una netta maggioranza per respingere la costituzione di Pinochet.

Nel giugno di quest’anno, i cileni hanno eletto i membri dell’assemblea che redigerà la nuova costituzione. Le elezioni sono state un disastro per i maggiori partiti popolari che hanno governato il Cile dalla fine della dittatura nel 1990.

Il Paese è ora caratterizzato da una forte polarizzazione. e Ci sono candidati di estrema destra e di estrema sinistra in lizza per il potere durante le elezioni di domenica.

Combattere le donne in un paese macho

Un’altra conseguenza della rivolta qui in Cile è che la lotta per l’uguaglianza è aumentata drammaticamente. Il Cile è una società maschile tradizionale, con alcune delle leggi sull’aborto più severe al mondo e forti pregiudizi contro le minoranze sessuali.

Lokalpolitiker Barbara Escobar a Santiago del Cile

La politica di sinistra Barbara Escobar ha affermato che il candidato di destra Jose Antonio Caste rappresenta una grave minaccia per la condizione delle donne in Cile.

Foto: Arnt Stefansen/NRK

Ma durante queste elezioni, l’uguaglianza di genere è stata una questione più centrale di qualsiasi precedente elezione nel paese. Questa settimana, diversi gruppi di donne hanno organizzato un incontro elettorale separato qui a Santiago, in cui si sono concentrate questioni come l’autoaborto e la violenza contro le donne.

Lo scorso fine settimana, in Cile è stata approvata una nuova legge che consente il matrimonio tra persone dello stesso sesso, una vittoria importante, afferma la politica locale Barbara Escobar:

L’amore è amore e ci si deve sposare volontariamente. Dice che la nuova legge è un grande passo avanti.

– Ma se il candidato di destra Jose Antonio Cast diventa presidente, tutti i progressi sui diritti delle donne scompariranno, ha detto a NRK il politico locale qui a Santiago del Cile.

READ  Gli esperti lo sanno della nuova variante del virus in Vietnam