Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La teoria della vita atmosferica su Venere è stata duramente colpita dopo un nuovo studio

L’idea che la vita biologica si nasconda nell’atmosfera intorno a Venere – un pianeta estremamente caldo (465 gradi in media!) Piombo e stagno raggiungono il loro punto di fusione – suona incredibile.

ma allora Nel 2020, i ricercatori hanno trovato tracce inspiegabili di gas fosfina, che sono secreti dai batteri e quindi associati alla vita, in alto nelle nuvole del pianeta, è stata discussa la possibilità della vita.

Ora, tuttavia, ci sono notizie noiose per coloro che hanno la debole speranza che possa esserci vita sul nostro pianeta gemello. In un nuovo studio Sulla rivista Nature Astronomy, un team di biologi riferisce che l’acqua nelle nuvole intorno a Venere è così inaccessibile che l’idea della vita nell’atmosfera del pianeta – per ora – dovrebbe essere dichiarata morta.

Per me è lo studio che decide il dibattito. Penso che non abbia più senso discutere della possibilità della vita su Venere sulla base di ciò che sappiamo del pianeta, afferma Kay Finster, professore del Dipartimento di Biologia dell’Università di Aarhus che fa ricerca in astrobiologia.

João Mendonça, ricercatore senior presso DTU Space e ricercatore presso Venus, non va oltre:

– Non voglio dire che la questione sia stata decisa, ma sembra improbabile, dice Mendonca. Nessuno dei ricercatori è stato coinvolto nel nuovo studio.

Venere molto calda: il pianeta gemello della Terra

Venere è conosciuta come la sorella o il pianeta gemello della Terra perché ha le stesse dimensioni e molto vicino alla posizione della Terra nel sistema solare.

Proprio come Marte, anche Venere ci ha ricordato il clima e l’ambiente della Terra sulla superficie quando il sistema solare era molto giovane.

Mentre Marte è stato congelato nel tempo, Venere ha subito un processo reversibile con una pressione atmosferica 90 volte superiore a quella terrestre e un effetto serra statico che ha riscaldato il pianeta oggi fino a 500 gradi in superficie.

100 volte inferiore al limite di vita

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno misurato la cosiddetta attività dell’acqua nell’atmosfera di Venere. L’attività dell’acqua è una misura della facilità con cui l’acqua è accessibile per la vita microbiologica.

L’acqua non è un segno di vita in sé. È un prerequisito per l’esistenza della vita. Kay Finster spiega che se l’attività dell’acqua è sufficientemente elevata, i microrganismi possono vivere nell’acqua.

– Lo sappiamo da migliaia di anni. Ecco perché saliamo il cibo prima di metterlo in frigo e perché aggiungiamo lo zucchero quando prepariamo la marmellata. Sale e zucchero riducono l’attività dell’acqua e rendono il nostro cibo inaccessibile ai microrganismi.

READ  Cyberpunk 2077 torna su PlayStation Store la prossima settimana

Secondo il nuovo studio, l’attività dell’acqua nelle nuvole intorno a Venere è più di 100 volte inferiore al limite richiesto per l’esistenza della vita.

Studi di laboratorio hanno dimostrato che la vita biologica richiede un’attività dell’acqua di almeno 0,585. L’attività dell’acqua nelle nuvole intorno a Venere è inferiore a 0,004, in parte a causa dell’acido solforico nelle nuvole.

Per mettere le cose in prospettiva, alimenti come le verdure liofilizzate, i cornflakes e alcuni cracker, che durano quasi per sempre perché non possono essere scomposti dai batteri, hanno un’attività dell’acqua compresa tra 0,3 e 0,2.

3 Negozio e vendita Venus Sunder

La NASA e l’Agenzia spaziale europea (ESA) stanno pianificando tre viaggi su Venere nei prossimi anni.

La NASA invierà per la prima volta una sonda spaziale in orbita attorno al pianeta nel 2028 e nel 2029 l’agenzia spaziale invierà un’altra sonda spaziale sul pianeta che alla fine scaricherà nell’atmosfera e raccoglierà nuovi campioni. Puoi leggere di più a riguardo lei ha.

L’Agenzia spaziale europea prevede di lanciare una sonda spaziale in orbita attorno a Venere nei primi anni 2030, di cui puoi leggere di più lei ha.

Non c’è un obiettivo diretto in nessuno dei progetti per la ricerca della fosfina, ma è improbabile che ciò venga fatto. Quindi si può determinare se abbiamo trovato fosfina nell’atmosfera o se si trattava di una misurazione errata.

Zuppa bollita a parte

Che l’atmosfera di Venere sembri essere una regione inaccessibile per la vita come la conosciamo dalla Terra non è una sorpresa per Kay Finster:

Sono sempre stato molto scettico sull’idea che le scoperte di fosfina su Venere dovrebbero essere un segno di vita. Dice che era basato su un segnale molto debole.

E così il dibattito è iniziato nel 2020 في Con un articolo in cui gli scienziati hanno scritto di aver trovato piccole quantità di fosfina nell’atmosfera di Venere, dove è un po’ più fresca. I risultati per la fosfina non possono essere spiegati chimicamente, e quindi i ricercatori hanno scritto che non si poteva escludere una spiegazione biologica per la scoperta.

Finster spiega che tutta la discussione successiva si è basata sul piccolo contorno che veniva cucinato con tanta zuppa da avere, per così dire, vita propria.

READ  Google sarà come Apple, combattendo contro altri app store

Successivamente, i ricercatori hanno discusso avanti e indietro se potesse essere basato su una misurazione falsa.

Ci sono state così tante discussioni che è stato trascurato il fatto che in realtà sappiamo così poco dello strano processo biochimico dietro il modo in cui si verifica la fosfina sulla Terra. Quindi, per molti versi, c’è stato anche un dibattito un po’ sciocco, dice Finster.

– La cosa rinfrescante del nuovo articolo è che non entrano nella controversia sui risultati della fosfina, ma affrontano il dibattito da una prospettiva completamente diversa. Aggiunge che questo è un contributo molto buono e importante.

Il ricercatore capo Joao Mendonca è d’accordo, è stato “molto sorpreso” dai risultati della fosfina del 2020 e successivamente non ha avuto input nel dibattito da varie discipline, afferma:

Noi astronomi non abbiamo la conoscenza di base delle condizioni di vita. Pertanto, è importante che i biologi entrino in scena e dicano che “sulla base di ciò che sappiamo della vita sulla Terra, la vita nell’atmosfera di Venere è altamente improbabile”.

Possibilità di vita nell’atmosfera di Giove

Lo studio, a sua volta, rivela che l’atmosfera di Giove potrebbe contenere vita biologica.

Gli scienziati hanno misurato l’attività dell’acqua di tutti i pianeti del sistema solare e in alcune parti dell’atmosfera di Giove potrebbe essere superiore a 0,585, il minimo per la vita sulla Terra.

La fosfina si trova anche nell’atmosfera di Giove, ma qui gli scienziati hanno trovato una spiegazione chimica. Quindi non è mai stato interpretato come un segno di vita.

Tuttavia, i ricercatori hanno scritto nel nuovo studio che altri fattori nella formazione delle nuvole di Giove mettono in discussione l’idea che possa esserci vita lì. Pertanto, bisogna stare attenti a non interpretare eccessivamente questo risultato.

I ricercatori hanno anche scoperto che l’attività dell’acqua nelle atmosfere del resto dei pianeti del nostro sistema solare, ovvero Marte, Saturno, Urano e Nettuno, era troppo bassa per supportare la vita.

– Bisogna ricordare che tutto questo si basa sulle condizioni che conosciamo dalla Terra. Il che ha perfettamente senso, perché altrimenti finiamo in discussioni dove non ci sono limiti all’immaginazione, come sottolinea Kay Finster.

Tuttavia, ci sono ancora buone ragioni per esplorare altri pianeti e saperne di più su come funziona la fosfina su Venere, per esempio. Quindi, impariamo anche qualcosa sulla Terra, dice.

Illustrazione delle nuvole temporalesche nell’atmosfera di Giove. L’atmosfera è composta principalmente da idrogeno ed elio e dallo 0,1 percento di vapore acqueo.

Nuovo strumento emozionante

La grande novità nel nuovo studio è in realtà il metodo dei ricercatori. Misurare l’attività dell’acqua come uno dei tanti elementi quando esaminiamo le condizioni per la vita nelle atmosfere di altri pianeti apre nuovi orizzonti nell’esplorazione dello spazio.

READ  "Perseverance" ha fatto ossigeno su Marte - NRK Urix - notizie e documentari stranieri

Non è un metodo con cui ho lavorato prima, ma come hanno scritto i ricercatori, può anche essere usato per controllare le condizioni sugli esopianeti (pianeti che orbitano attorno a una stella diversa dal Sole, ndr) e fornisce prospettive entusiasmanti, dice Finster.

È un passo importante verso la valutazione del potenziale degli esopianeti per la vita. Per prima cosa, ovviamente, si deve trovare l’acqua nell’atmosfera, poi studiare i componenti dell’atmosfera, e da lì si può esaminare se l’acqua sul pianeta è disponibile per la vita.

João Mendonça di DTU Space definisce il metodo “un nuovo strumento nella cassetta degli attrezzi” nella ricerca della vita su altri pianeti. È molto difficile studiare la superficie della maggior parte dei pianeti, e quindi gli astronomi spesso cercano tracce di vita nell’atmosfera del pianeta.

In passato, noi astronomi abbiamo esaminato molto le temperature quando abbiamo studiato se ci dovrebbero essere opportunità per la vita nell’atmosfera del pianeta. Ma dobbiamo considerare diversi fattori. Dice che l’attività acquatica sembra uno strumento molto utile.

Quindi è sicuramente un nuovo strumento nella tua cassetta degli attrezzi. Non da ultimo in futuro, quando cercheremo la vita su pianeti al di fuori del nostro sistema solare. Sono sicuro che potrà dare un ottimo contributo al nostro lavoro.

Sebbene abbiamo mappato quasi 4.500 esopianeti al di fuori del nostro sistema solare, non sappiamo ancora come appaiono le atmosfere su esopianeti simili alla Terra. Tuttavia, è previsto che il James Webb Telescope e l’European Very Large Telescope nel 2022 e nel 2024, rispettivamente, ci forniranno nuove osservazioni dell’atmosfera da esopianeti simili alla Terra.

– Quando avremo questi dati, potremo utilizzare questo nuovo strumento, conclude Mendonca.

Riferimento:

John E Hallsworth mfl: L’attività dell’acqua delle nuvole di Venere è troppo bassa per sostenere la vita. astronomia naturale, 2021. (Astratto) DOI: 10.1038 / s41550-021-01391-3

© Videnskab.dk. Tradotto da Lars Nygaard per forskning.no. Leggi lo stato originale su videnskab.dk qui.

Ci piacerebbe sentirti!

Si prega di contattare qui
Hai commenti, domande, lodi o critiche? O consigli su qualcosa di cui scrivere?