Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ospita 10.000 prigionieri

La prigione è conosciuta come Urumqi Number 3 e si trova nella regione occidentale dello Xinjiang.

Strette misure di sicurezza sono state prese per sorvegliare l’ingresso di Urumqi n. 3, la più grande prigione della Cina. Foto: Mark Schiefelbein/AP Photo

L’enorme struttura è circondata da un muro di cemento alto 7,5 metri, una torre di avvistamento e recinzioni elettriche. All’ingresso principale, sei accolto da cancelli con scanner facciale, presidiati da guardie armate fino ai denti in uniforme.

L’area carceraria è di 890 metri quadrati, il doppio della Città del Vaticano. Questo la rende la prigione più grande della Cina e forse anche del mondo.

entrambi Reuters e BBC In precedenza ha scritto sulla gigantesca impresa, ma l’agenzia di stampa Agenzia di stampa È la prima organizzazione mediatica a cui è stato permesso di entrare nelle porte. All’interno di una delle diverse centinaia di celle, ci sono molti uiguri, vicini l’uno all’altro. Tutti sono in uniforme e il loro numero, guardando una trasmissione televisiva sgranata della storia del Partito Comunista Cinese.

Guardie pesantemente armate sorvegliano tutte le parti della prigione.

Guardie pesantemente armate sorvegliano tutte le parti della prigione. Foto: Mark Schiefelbein/AP Photo

– Controlliamo ciò che guardano. Possiamo vedere se stanno infrangendo le regole, o se stanno cercando di ferire o suicidarsi, afferma il direttore del carcere Zhu Hongbin.

L'edificio è circondato da un muro di cemento alto 7,5 metri protetto da torri di avvistamento e recinzioni elettriche.

L’edificio è circondato da un muro di cemento alto 7,5 metri protetto da torri di avvistamento e recinzioni elettriche. Foto: Mark Schiefelbein/AP Photo

Contiene 10.000

L’istituto viene utilizzato solo per la custodia cautelare, il che significa che nessuno dei detenuti è stato condannato.

Le autorità cinesi non vogliono commentare il numero dei prigionieri imprigionati e fanno notare che il numero varia. Sulla base del numero di celle, letti e immagini satellitari, l’Associated Press stima che l’enorme istituzione possa ospitare 10.000 detenuti. Il numero aumenta notevolmente se gli ospiti sono sovraffollati.

L’agenzia di stampa ha scritto che la scala indica che la Cina mantiene ancora un gran numero di uiguri e altre minoranze musulmane dietro le sbarre. Le immagini satellitari mostrano che la prigione è stata ampliata con una serie di sedi carcerarie fino alla fine del 2019. Il nuovo edificio in basso a sinistra dell’immagine è di 343 acri.

Le immagini satellitari mostrano l'enorme scala della struttura, che è stata ampliata nel 2019. In basso a destra puoi vedere l'area della Città del Vaticano, che si sta riducendo rispetto alla prigione.

Le immagini satellitari mostrano l’enorme scala della struttura, che è stata ampliata nel 2019. In basso a destra puoi vedere l’area della Città del Vaticano, che si sta riducendo rispetto alla prigione. Foto: CNES/Airbus, Maxar Technologies, Google Earth tramite AP

Monetario Internazionale

Dopo che un piccolo gruppo di uiguri radicali ha effettuato attacchi con coltelli e bombe nella regione dello Xinjiang, la Cina è passata all’azione. Negli ultimi quattro anni, le autorità hanno fatto colpire duramente le persone in quella che chiamano la “guerra al terrore”.

Tra i movimenti più controversi ci sono i cosiddetti “campi di addestramento”, dove gli ex prigionieri sono descritti come brutali campi di lavoro circondati da filo spinato e guardie armate.

La Cina ha a lungo negato l’esistenza dei campi, ma dopo un’intensa pressione internazionale, le autorità hanno affermato nel 2019 che tutti i detenuti nei campi si erano “diplomati”. Le immagini dell’enorme prigione nello Xinjiang potrebbero indicare che i “campi di addestramento” sono stati chiusi per riemergere come prigione.

Questa è la prima volta che ai media viene offerto un tour dell'enorme prigione.

Questa è la prima volta che ai media viene offerto un tour dell’enorme prigione. Foto: Mark Schiefelbein/AP Photo

cattivo travestimento

I critici affermano che il nuovo schema è un modo per mascherare l’incarcerazione di massa delle minoranze religiose e credono che le autorità stiano cercando di evitare le critiche rinominando le prigioni dei campi di addestramento.

Tra questi c’è l’antropologo Darren Byler, che fa ricerche sugli uiguri all’Università del Colorado. Si ritiene che un certo numero di prigionieri in istituti come il numero 3 siano persone innocenti che non hanno commesso “reati gravi”.

Stiamo passando da uno stato di polizia a uno stato carcerario di massa. Byler dice che centinaia di migliaia di persone sono semplicemente scomparse dal resto della popolazione.

– Il ricercatore ritiene che un comportamento normale sia considerato un crimine.

All'interno della prigione ci sono una serie di posti di blocco fortemente sorvegliati.

All’interno della prigione ci sono una serie di posti di blocco fortemente sorvegliati. Foto: Mark Schiefelbein/AP Photo

Rinominato

Quando l’AP ha visitato l’enorme struttura, l’amministrazione penitenziaria ha insistito sul fatto che la struttura fosse molto diversa dai “campi di addestramento”.

– Non c’è nessun collegamento tra questa prigione ei campi di addestramento. Il manager Zhao Zhongwei dice che non c’era nessun campo di addestramento in questa zona.

Le autorità sottolineano inoltre che la prigione è un esempio di come le autorità cinesi aderiscono al principio di uno stato di diritto equo. Hanno notato che i detenuti ricevono pasti caldi, fanno esercizio e forniscono consulenza legale.

rapporti della BBC BBC Ha affermato che questo era un campo di addestramento. È sbagliato, dice Liu Zhang del ministero degli Esteri cinese, questa è una prigione. Sottolinea che le uniche persone che devono preoccuparsi delle carceri sono quelle che infrangono la legge.

Tuttavia, le prove non supportano le affermazioni delle autorità. in Fotografi Reuters Dal 2018 l’istituto si chiamava “Urumqi Yrkesfaglige Utdannings- og Treningssenter”. documenti pubblici Spiega che la costruzione di un edificio con lo stesso nome è iniziata nella zona nel 2017.

Questa foto scattata nel 2018 mostra che la prigione era precedentemente chiamata

Questa foto scattata nel 2018 mostra che la prigione era precedentemente chiamata “Centro fitness”. Foto: Thomas Peter/Reuters

Un operaio edile che ha visitato l’istituto nel 2018, ha dichiarato all’Associated Press che l’edificio è lo stesso del “Centro di istruzione e formazione professionale di Urumqi” e che è stato convertito in una prigione nel 2019. L’unica cosa che è cambiata è il cartello al cancello d’ingresso.

– Tutti gli ex studenti sono stati trasformati in prigionieri, dice l’uomo che non vuole rivelare il suo nome completo per paura dell’incolumità della famiglia.

– peggio dell’inferno

Gli ex dipendenti del centro fitness affermano che la tortura e il maltrattamento dei detenuti sono diffusi, sebbene l’AP non abbia riscontrato casi del genere durante la loro visita. Un ex insegnante descrive il luogo come “peggio dell’inferno” e ha testimoniato che l’insegnamento era spesso interrotto dai suoni delle torture dei detenuti.

Un’altra dipendente è svenuta quando ha visto come sono stati trattati gli ospiti.

È quasi impossibile identificare i crimini di cui sono accusati i detenuti. Il ricercatore Jean Bonin ha pubblicato documenti che mostrano come i detenuti siano spinti a confessare “attività terroristiche”.

Le autorità carcerarie negano che i prigionieri siano detenuti per false ragioni.

Le autorità carcerarie negano che i prigionieri siano detenuti per false ragioni. Foto: Mark Schiefelbein/AP Photo

che perde Rapporti di polizia del 2017 Sembra che otto dei prigionieri uiguri del Distretto 3 stiano leggendo testi religiosi, installando software di condivisione di file o semplicemente per essere una “persona non fidata”. Nel 2018 sono stati condannati da due a cinque anni di carcere per “studi” al terzo posto.

I dati del 2019 mostrano che centinaia di migliaia di persone nello Xinjiang sono state condannate a cinque o più anni di carcere negli ultimi anni. Le autorità cinesi negano di detenere persone innocenti e hanno descritto l’incarcerazione di massa come un passo nella “lotta contro il terrorismo”.

– Il numero di prigionieri aumenterà naturalmente come parte di questa battaglia. Un portavoce delle autorità dello Xinjiang afferma che questa è un’indicazione di quanto bene stiamo lavorando.

READ  Un nuovo focolaio solleva preoccupazioni per il vaccino in Australia: - Inspiegabile - VG