Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La “White Label” di Cecily Inger – Recensioni e consigli

È abbastanza tradizionale nella forma, il nuovo romanzo di Cecily Inger. Descrive la vita delle donne in Norvegia dal 1870 e quasi 90 anni in poi.

Ma le vite delle donne che descrive sono tutt’altro che convenzionali.

Cecily Inger racconta la storia di Bertha Torgersen, una delle prime due donne armatori norvegesi. L’altra era Hanna Promenas. I due hanno vissuto insieme per 50 anni, e sono stati compagni sia nella vita lavorativa che nell’amore.

“The White Card” è una storia sull’amore tra persone dello stesso sesso di un’epoca in cui poche persone credevano che un tale amore tra donne fosse possibile.

Il romanzo storico con la realtà come cornice

«Una sera d’estate del 1873, Bertha Torgerson attraversò di corsa il nuovo ponte dalla terraferma all’isola dall’altra parte dello stretto. Finora non c’era nulla nell’esistenza di Bertha che differisse in modo significativo dalla vita degli altri bambini di Haugesund.. »

Ecco come si apre la storia egli è Un romanzo, sebbene basato sulle vite reali di Bertha Torgerson (1864-1954) e Hannah Promenis (1860-1942), o


mandamina


, come furono poi nominati.

Le loro vite erano radicalmente diverse da quelle delle altre donne all’epoca in cui le donne erano destinate a sposarsi. Hanno iniziato un’attività insieme a Visnes, una piccola città di Karmøy che nella seconda metà del 19° secolo è esplosa come la più pulita del Klondike a causa dei giacimenti di rame e dell’estrazione mineraria su larga scala. In seguito, fondarono una fabbrica a Haugesund, e infine la propria compagnia di navigazione, dove durante le due guerre mondiali fecero navigare navi verso destinazioni europee e attraverso l’Atlantico.

READ  Ben Affleck e Matthew Perry:

Due libri, ognuno con la propria prospettiva

Come è stato possibile per due donne prendere d’assalto la fortezza degli uomini che era la spedizione norvegese all’inizio del secolo scorso?

Per coincidenza, quest’anno non ci sarà solo uno, ma due libri su Radar Pair. Nella doppia biografia “Brummenæs & Torgersen, la prima donna armatore al mondo”, l’autore Arne Vestbo scrive che gli armatori per la maggior parte del loro lavoro sono molto rispettati nella città marinara di Haugesund. E anche la loro convivenza non avveniva spesso lanugine Circa, anche se era quasi un paio in mente.

È interessante vedere come si possono avere punti di vista diversi sulla propria storia di vita. Vestbo, che è il segretario generale dell’Associazione degli scrittori e traduttori norvegesi di saggistica, scrive di più su hennè, che era la più antica e attiva, sia nella navigazione, sia nel consiglio comunale, nel consiglio di amministrazione della banca, e nella vita sociale e politica della città, tra gli altri, come avido partecipante alla Liberal Women’s Discussion Society. Conta anche navi, tonnellate, corone, voti, guadagni e perdite.

Cecily Inger usa la sua libertà come scrittrice di fiction Berthas Idee di una vita amorosa al di là di quanto immaginato per lei. Scrive di una possibile relazione maschile, della perdita dei suoi figli, ed è dettagliata nella sua descrizione di vestiti, vestiti e costumi. Si concentra molto sulla sua giovinezza a Visnes, mettendo in evidenza la comunità internazionale di dighe, minatori, ingegneri e commessi. La compagnia di navigazione ha dedicato un terzo del romanzo e gran parte di quest’ultima sezione supporta l’interesse di Bertha per l’equipaggio durante tempeste, guerre e naufragi.

READ  Ora "iCarly" è tornato - VG

C’è una differenza tra scrivere romanzi. Tuttavia, specialmente quando gli stereotipi di genere sono collocati qui come sono qui, diventa notevole quanto chiaramente la percezione che si vede diventi di genere.

Allergia dietro la maschera virile

Questo non vuol dire che Inger mina l’eccitante potere di una pioniera come Bertha Torgerson. Ma come scrittrice, ha l’opportunità di nascondere i fatti. Oltre a creare documentazione d’archivio, può immaginare i sentimenti ei dubbi che devono aver caratterizzato Bertha e Hanna.

Vorrei averne di più. Quando hai deciso di fotografare un’intera vita – e lo fa in ordine cronologico – a volte può essere un valore anomalo.

All’inizio del testo, sono state pubblicate allusioni sull’interesse per le navi e il mare e sull’opportunità di scegliere l’amore omosessuale. Una presa narrativa più nitida renderà la storia della vita di Rare ancora più significativa.

Detto questo, continuo a riflettere sulla vita di queste donne pioniere, che hanno ottenuto così tanto nonostante il tempo in cui hanno vissuto.

Un buon dettaglio traccia linee di comunicazione tra me che vivo ora e coloro che hanno investito e si sono avventurati nel tempo dei miei nonni. Succede quando Hannah offre le prugne del suo orto ai clienti del negozio, quando la coppia ha la possibilità di aiutare finanziariamente un povero ragazzino – e vediamo il tempo che il ragazzo trascorre con il ragazzo – e quando Bertha ti fa ricevere il tetro messaggio che una delle navi è sbarcata con un umano e un topo, piena di sensi di colpa immaginata dai marinai che stanno annegando:

«Le braccia dei morti si allungano come alghe ondeggiando verso la superficie, verso la luce lontana là, come pezzi di carbone galleggiano come macchie scure. Gli uomini giacevano in profondità. anche la nave. A lato, come un enorme animale, un elefante. Cabine, cucina con pentole e padelle, pavimento, tramezzi con foto di chiodi. Dovrebbe rimanere lì per sempre, come uno scheletro arrugginito con altri scheletri rinchiusi dentro?»

READ  Un famigerato latitante mafioso si svela nel video di uno chef su YouTube

The White Map è un romanzo sul coraggio di scegliere la propria strada. È la storia di due donne che hanno fatto di tutto per rendere la mappa più colorata.

Tutti i commenti e i consigli di NRK possono essere trovati su nrk.no/anmeldelser.

Si consiglia di leggere di più: