Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La mia professione: Marianne (27 anni) clown ospedaliero

Marianne Hetland non riusciva a immaginare di fare altro che contribuire con un po’ di magia in una dura giornata in ospedale.

Hetland Mariana

Ontano: 27

A partire dal: Gro, nell’entroterra

Professione: pagliaccio dell’ospedale

formazione scolastica: BA presso Skodespel v / Det Multinorske

il cappelloFatti vicini

I bambini sono eroi ed è un onore poter far parte del loro mondo, afferma Marianne Hetland (27).

Conosciuto al lavoro come il clown ricciolo alfa Chi sa nuotare sulla terraferma e ama i popcorn. Lavora principalmente all’Akershus University Hospital, ma è anche presente in tutta la Norvegia visitando i bambini in altri ospedali.

educazione da clown

Il percorso per diventare clown è iniziato in ospedale nel 2014. Poi la signora di Grue nell’entroterra è andata a insegnare teatro di figura per due anni al Nordic Black Theatre di Oslo. Dopo lo spettacolo, i clown del campo all’ospedale hanno fatto una telefonata.

– È stato l’inizio del mio viaggio verso Hospital Clowns, scrivi a Hetland in un’e-mail a Framtida.

Ha detto che dopo un corso di clown a scuola con un clown in ospedale si è così emozionata e sapeva che doveva solo dire di sì a questo. Nel 2016 ha terminato la sua formazione al Clowns Hospital ed era pronta per lavorare.

Ma non sembrava che l’educazione al tiro fosse completamente finita.

-I pagliacci ospedalieri erano un fattore importante nel volere più istruzione negli scherzi, quindi anche facendo domanda per un programma di laurea Det Multinorske capezzolo Det norske. I miei colleghi professionisti mi hanno ispirato e hanno visto quanto sia importante l’istruzione per la qualità del lavoro che svolgiamo.

Si incontrano tanti bambini e parenti che combattono una battaglia per la vita

Hetland non era a conoscenza della professione fino a quando improvvisamente non vi si è cimentata. Il primo giorno di lavoro, si è vestita in abiti civili e ha seguito un duo di clown. Descrive questa esperienza come potente ed emotivamente carica.

– Mi aspettavo che fosse così, ma è stato potente essere lì e vedere cosa è successo tra i pagliacci, i bambini, i parenti e gli operatori sanitari.

Alfakrøll e il collega Yep in una pubblicità per l’ospedale dei clown. “È bello averne due al lavoro”, ha detto la calzolaia Marianne Hetland a Framtida. Foto: pagliacci ospedalieri.

Una delle cose più impegnative di un lavoro nelle Hetland sono incontri forti che possono essere difficili da mettere da parte dopo una giornata di lavoro.

Si incontrano tanti bambini e parenti che lottano per la vita e in situazioni difficili da immaginare.

È contenta che tu sia sempre al lavoro, così puoi parlare dell’impressione quando la giornata è finita.

Vieni senza informare

Ma nonostante le impressioni siano state tante, la ricerca dei sassolini non ha pensato di fare altro. Il suo sogno è vivere la strada dei burloni e dei clown ospedalieri, potersi fermare a volte e sentire davvero quanto sia meraviglioso fare qualcosa da una persona cara.

– Qual è la cosa migliore del lavoro?

Piccoli ma frequenti flash che si sperimentano con bambini, parenti e operatori sanitari. Il fatto che la magia possa sorgere tra apparizioni sfrenate in una situazione è noto come senza speranza. L’immaginazione che i bambini condividono con noi che abbraccia tutti nella stanza.

Marianne Hetland non ha dubbi sulla cosa migliore del suo lavoro. Descrive i flash che si verificano tra ogni persona nella stanza d’ospedale quando entrano i clown. A volte si sorprende con ciò che può fare Alfekrol. Foto: pagliacci ospedalieri.

Una normale giornata di lavoro per un clown d’ospedale inizia con l’incontro con il partner che sarà in duetto quel giorno. Poi si recano in visita civile al reparto ospedaliero dove si stanno recando e ricevono dagli operatori sanitari l’elenco dei pazienti. Poi c’è un riscaldamento prima di entrare di nuovo nel reparto, questa volta in divisa.

– Entriamo in un quarto di una stanza senza preavviso e incontriamo il bambino presso la loro sede. Il giorno in cui abbiamo incontrato tutti i ragazzi dei diversi reparti è finito, spiega Marianna.

Le disse che molte persone spesso fraintendono cosa fa un clown dell’ospedale:

– Molte delle persone che ho incontrato credono che diamo ai bambini uno spettacolo o un’offerta specifica, e non che agiamo all’improvviso, incontriamo il bambino sul posto di lavoro e stimoliamo le forze positive del bambino. Non siamo lì per divertirci, ma per crescere il bambino e dare una pausa a tutti nella stanza.

Una nuova soluzione dopo la pandemia

Come molti altri clown, anche i clown ospedalieri hanno affrontato sfide sotto corona, ma con il clown digitale, i bambini negli ospedali del paese possono ancora incontrare clown colorati.

Se c’è una cosa che i clown ospedalieri sono riusciti a fare durante una pandemia, è l’adattamento. Con il divario digitale che si è trasformato in una nuova offerta durante la pandemia, ha affermato Hetland, siamo stati in grado di entrare e creare qualcosa con i bambini sugli ospedali in Norvegia.

E sebbene i pagliacci fisici siano tornati in tutti gli ospedali ora, la visualizzazione digitale è ancora disponibile per i bambini isolati.

Non siamo lì per divertirci, ma per crescere il bambino e dare una pausa a tutti nella stanza.

Strumenti importanti necessari a terra

Chi è adatto alla professione?

– È una domanda difficile. Tutti i pagliacci dell’ospedale sono tiratori, hanno una diversa educazione al tiro, età, famiglia e vita. Ciò che abbiamo in comune è il desiderio di crescere i bambini e contribuire a creare qualcosa di carino con e tra le persone. Creare qualcosa che non riguardi se stessi, ma le relazioni che si creano.

La stessa Hetland sa che la sua educazione la rende un clown sicuro e un’ascoltatrice dei bambini. Dice che l’educazione di un attore è uno strumento importante, qualcosa che fa sì che i clown portino l’esperienza e la sicurezza di cui hanno bisogno sulla Terra.

Ciò che abbiamo in comune è il desiderio di crescere i bambini e contribuire a creare qualcosa di carino con e tra le persone.

Sorprendi tutta la stanza

Dice a Marianne Hetland che non ha mai sognato di diventare una tiratrice, ma è lì che è andata la strada. È molto contenta della sua professione e lei e Alfakrøll sono molto felici di incontrare i bambini negli ospedali di tutta la Norvegia.

Concludiamo chiedendo qual è la cosa più incredibile che è successa a Marianne sul lavoro.

– che ad Alfkrol è stato detto di portare con sé la porta quando i pagliacci hanno lasciato la stanza. Quindi sollevò la porta dal cardine e la portò fisicamente con sé. Alpha riccioli e l’intera stanza è rimasta sorpresa che ci sia riuscita!


Benjamin Selseth lavora come psichiatra. Immagine: visibile

Aggiornato: sabato 31 luglio 2021 10.42.21

READ  KrF mescola politica e religione?