Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La WTA cancella i tornei in Cina per il caso Peng Shuai – NRK Sport – notizie sportive, risultati, programma delle trasmissioni

Il 2 novembre Shuai ha postato un messaggio su Weibo, i cinesi hanno risposto su Twitter. Lì, ha accusato l’ex vicepremier cinese Zhang Qaoli di averlo aggredito sessualmente dieci anni fa.

La 35enne è scomparsa dagli occhi del pubblico e la sua posizione è stata rimossa. Le autorità cinesi hanno anche censurato tutte le discussioni su questo argomento.

Dopo quel tempo, non è apparsa in pubblico fino a quando non è apparsa su uno di loro Campionati giovanili di tennis a Pechino dopo più di due settimane. È stato anche girato in un ristorante.

In seguito è stato rivelato che era in una conversazione di 30 minuti con il Comitato Olimpico Internazionale (CIO). Lì ha dichiarato che stava bene e in buona salute.

– Dubbi è gratis

Tuttavia, il direttore della WTA Steve Simon afferma di non essere sicuro che sia al sicuro.

Dubbi: il direttore della WTA Steve Simon non è sicuro che Peng Shuai sia al sicuro.

Foto: Henry Romero/Reuters

“I funzionari cinesi hanno avuto l’opportunità di porre fine a questa censura, dimostrare che Peng è libero e in grado di parlare senza interferenze o minacce e indagare sulle accuse di abuso sessuale in modo completo, equo e trasparente”, ha scritto in un comunicato stampa. .

– Le autorità cinesi non hanno preso il caso in modo affidabile. Sebbene sappiamo dove si trovi Bing, dubito fortemente che sia libera, sicura e libera da censura, coercizione e minacce, scrive Simon.

Supporto dalle stelle del tennis

Dice che non vogliono chiedere ai loro giocatori di giocare in Cina.

Simon ha scritto: “Non riesco a capire come posso chiedere ai nostri atleti di gareggiare lì quando Peng Shuai non è autorizzato a comunicare liberamente e sembra che sia stato sottoposto a pressioni per contraddire la sua affermazione di violenza sessuale”.

“Data la situazione in cui ci troviamo ora, sono anche molto preoccupato per i rischi che i nostri giocatori e il nostro staff potrebbero affrontare se dovessimo ospitare tornei in Cina nel 2022.

Molte stelle del tennis hanno mostrato il loro sostegno a Peng Shuai. Tra le altre cose, Serena Williams ha postato una foto di Peng su Twitter dove usa l’hashtag #whereispengshaui.

La tennista americana Serena Williams è una delle tante che hanno rilasciato dichiarazioni di sostegno alla star dello sport cinese Peng Shuai

Supporto: la tennista americana Serena Williams è una delle numerose giocatrici al di fuori della Cina che hanno rilasciato dichiarazioni di sostegno a Peng Shuai quando è scomparsa.

Foto: screenshot

Supporto da star maschili

Diversi giocatori di tennis in precedenza hanno dichiarato di sostenere la minaccia della WTA di non giocare il torneo in Cina. Tra le altre cose, il numero uno del mondo Novak Djokovic ha sostenuto la proposta.

– Ho sentito che la WTA era disposta a ritirarsi da tutti i tornei in Cina se le cose non avessero funzionato. “Lo sostengo al 100%”, ha detto Novak Djokovic durante le qualificazioni ATP.

Finali ATP

Supporto: Novak Djokovic ha precedentemente sostenuto la proposta di non giocare tornei in Cina.

Foto: GUGLIELMO MANGIAPANE / Reuters

Pensa che sarebbe strano giocare tornei in Cina come adesso.

Dobbiamo unirci, restare uniti e dimostrare che questo non può essere ignorato. Non è solo una questione cinese, ma l’intero mondo del tennis. Merita il nostro sostegno su questo, dice Djokovic, la sera prima di entrare nelle semifinali dei playoff ATP.

Casper Rudd ha anche commentato il caso di Bing dopo aver perso la semifinale in uno spareggio a Torino il 20 novembre.

Siamo tutti preoccupati e pensiamo a lei. Ci auguriamo che tu stia bene e di sentirla presto. Rudd ha detto a NTB che non ho seguito il caso in dettaglio, ma è uno dei più pericolosi nel mondo dello sport in questo momento.

Requisiti UE

Simon non è l’unico che ha seminato incertezza sulla sicurezza di Peng. Tra le altre cose, l’Unione Europea ha chiesto alla Cina di fornire prove credibili del fatto che Ping sta andando bene.

– Abbiamo visto le presunte dichiarazioni e registrazioni di Peng Shuai dalle sue apparizioni pubbliche. Ma la portavoce Nabila Masrali ha dichiarato all’Agence France-Presse una settimana fa che le accuse di abusi e il non vederli per due settimane sono ancora molto preoccupanti.

Prima della ricomparsa di Peng, il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha affermato che la Cina dovrebbe consentire a Peng di dire al pubblico cosa gli è successo.

Secondo Reuters, Le Drian ha affermato che il caso potrebbe avere conseguenze diplomatiche se la Cina non farà pulizia.

READ  La Juventus si aggrappa! Per ogni partita che vince l'Italia, il premio aumenta