Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L'Aftenposten è il clan criminale rom “testardo” identificato dalla polizia

L'Aftenposten è il clan criminale rom “testardo” identificato dalla polizia

In un caso che il quotidiano Aftenposten ha definito “rivelatore”, è emerso che “la polizia ha condotto un sondaggio completo su oltre 650 persone appartenenti alla minoranza rom in Norvegia”.

Schermata dell'Aftenposten.

È stato un ricercatore di nome Solvor Mjøberg Lauritzen a riferire questo all'Aftenposten. Ha fatto una registrazione audio segreta con la polizia orientale l'anno scorso. Durante l’incontro, Lauritzen ha ricevuto informazioni che la polizia aveva creato quello che lei definisce un “albero genealogico” di persone nell’ambiente spaziale in Norvegia.

Il punto di partenza dell'albero genealogico sono 14 criminali conosciuti nell'ambiente spaziale.

– Ho capito che era brutto come temevo. Hanno creato un registro etnico per una delle nostre minoranze nazionali”, spiega Lauritzen Poster.

L'Aftenposten inizia il preambolo sottolineando che i Rom erano uno dei gruppi perseguitati dai nazisti:

“Sopravvissuti all’Olocausto, figli e coniugi. La polizia ha condotto un'indagine approfondita su oltre 650 persone appartenenti alla minoranza rom in Norvegia. – Sono rimasto scioccato, dice il leader del Consiglio rom.

Schermata dell'Aftenposten.

Il poliziotto che ha invitato il ricercatore ad un incontro lungo la strada ha detto:

– La base giuridica per farlo si trova, nella migliore delle ipotesi, in una zona grigia.

Aftenposten ha scritto quanto segue riguardo alla panoramica della polizia:

“Tutto è iniziato con 14 persone che avevano un ruolo in procedimenti penali in corso”, afferma il distretto di polizia orientale. “Da allora se ne sono aggiunte altre 641. Oggi la panoramica contiene informazioni su 655 norvegesi di origine rom. Alcuni degli intervistati sono sposati nelle loro famiglie, alcuni bambini, altri morti. Questa panoramica risale a quattro persone sopravvissute al campo di concentramento di Auschwitz e tornate in Norvegia negli anni '50.

READ  Dibattito Romerics, Personaggi | Istruzione e requisiti

La panoramica contiene la data di nascita, il numero di previdenza sociale, il nome completo e l'indirizzo di 88 persone. 14 di loro fanno parte delle indagini in corso.

“I restanti 74 sono parenti delle persone coinvolte”, ha scritto Thomas Sterk sull'Aftenposten. Stærk è il capo ad interim dell'Unità congiunta di intelligence, prevenzione e investigazione nel distretto di polizia orientale.

Strong difende la registrazione della polizia:

“Il punto di partenza del lavoro erano quattro casi penali complessi che riguardavano un certo numero di persone appartenenti a famiglie specifiche”, ha scritto Sterk in una e-mail al quotidiano Aftenposten.

Secondo Aftenpost, è stato riferito che altri membri della famiglia hanno un gran numero di casi penali “preoccupanti”. L’obiettivo della polizia era prevenire il crimine.

“È quindi essenziale avere una visione approfondita delle condizioni, delle vulnerabilità e delle sfide sottostanti in modo da poter elaborare misure efficaci”.

Ma l'Aftenposten non è soddisfatto. Seguono l'articolo con uno Commenta l'articolo Di Andreas Slitholm.

“C’è motivo di essere ostinati riguardo ai precedenti della Camera”, scrive.

Schermata dell'Aftenposten

Comincia anche a tracciare collegamenti con il nazismo e la persecuzione dei rom.

“Pochissime stanze norvegesi sono sopravvissute all'Olocausto. Alcune di quelle che lo hanno fatto fanno parte della panoramica fornita dal distretto di polizia orientale. In una riunione all'aperto nel novembre dello scorso anno, la polizia ha mostrato una foto delle loro mappe. Risale a quel tempo quando la frase 'Zingari' esiste ancora in Norvegia”, scrive Slitholm.

Durante il suo commento, fa alcune concessioni:

“Non c'è dubbio che molte camere norvegesi si occupino di casi penali. È anche chiaro che la polizia ha bisogno di una visione d'insieme degli ambienti criminali”.

READ  Dobbiamo assumerci le nostre responsabilità nelle grandi crisi

“La cultura del clan è forte. Le Camere norvegesi hanno mostrato poco interesse a mandare i propri figli a scuola. Molte camere norvegesi sono coinvolte in crimini gravi”, scrive.

Ma:

“Ma finora questo sembra un record basato sulla razza”, scrive Slitholme.

E il:

“Se questo è un registro etnico per le famiglie rom norvegesi, è chiaramente una vergogna. Ciò dà l'impressione che la polizia si preoccupi più del gruppo che dell'individuo.”

Slitholm condanna ciò che è venuto alla luce:

“Quando il poliziotto autore della mappatura crede di trovarsi ‘nella migliore delle ipotesi in qualche zona grigia’, ci sono tutte le ragioni per essere testardi”, conclude.

Hai apprezzato questo articolo? iNyheter ha bisogno del tuo supporto. Iscriviti o supportaci su Vipps 763291 Banca 1506.80.92768 O PayPal