Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Lancet accusa di censura dopo che un post sul COVID-19 è stato cancellato a Gaza

Bruxelles (Khrono): – Questo è un tentativo di rimuovere la narrativa palestinese.

Queste parole provengono da Mads Gilbert, direttore medico presso l’ospedale universitario della Norvegia settentrionale e professore emerito di medicina d’urgenza presso la Norwegian Arctic University.

Gilbert ora si oppone a quella che crede essere censura politica e un attacco alla libertà accademica, da una delle riviste più prestigiose del campo accademico.

Un comitato editoriale e un editore medico scientifico sono sotto costante pressione, il che significa che si permettono, vogliono o sono spinti a rimuovere completamente i post esistenti la cui qualità e stampa sono state approvate, dice a proposito di un problema che crede sia diventato “un esempio di un clima più minaccioso.” contro i direttori e direttori di riviste scientifiche.

Post rimossi dopo pochi giorni

Lo sfondo è un post pubblicato sul sito della rivista medica The Lancet il 27 marzo dello scorso anno. La pubblicazione è stata firmata da Gilbert, dal ricercatore palestinese sui diritti umani Rania Muhareb della National University of Ireland e dai medici David Mills e Bram Wispelloy, entrambi affiliati alla Harvard Medical School.

Secondo Gilbert, è stato valutato e certificato per la qualità dal caporedattore Richard Horton.

Leggi anche

Il governo non romperà con la controversa agenzia di viaggi

io Post relativamente breve I quattro avvertono delle conseguenze del Corona virus a Gaza. Hanno scritto che le pandemie sono “sproporzionatamente violente contro le popolazioni gravate da povertà, occupazione militare, discriminazione e razzismo istituzionale”, aggiungendo che una pandemia potrebbe “spazzare via la popolazione più vulnerabile del mondo”.

A pochi giorni dalla pubblicazione, il post scompare dal sito di Lancet. in silenzio.

Deve essere stato minacciato di boicottaggio

“Siamo rimasti sorpresi che l’articolo sia stato rimosso e una delle cose che ci ha sorpreso è che non abbiamo ricevuto alcuna spiegazione”, ha detto a Kharono da Gerusalemme Rania Muhareb, anche lei affiliata all’organizzazione palestinese per i diritti umani Al-Haq.

Secondo Gilbert e Warrior, non hanno mai ricevuto un messaggio dalla redazione di Lancet che il post fosse stato cancellato. Insieme al co-autore Wispelwey, hanno scritto di quello che è successo in un’altra prestigiosa rivista medica, British Medical Journal (BMJ).

READ  Il teschio di "Dragon Man" scoperto in Cina potrebbe essere un nuovo tipo di essere umano

Il post del BMJ e la storia che circonda il destino del primo lavoro di The Lancet vengono menzionati per la prima volta lotta di classe.

Nel British Medical Journal, affermano di aver contattato il caporedattore Horton per una spiegazione del motivo per cui il post è stato cancellato. Secondo i tre, il caporedattore ha affermato che la rivista era stata minacciata di boicottaggio e che i medici negli Stati Uniti e altri ne avevano chiesto la rimozione.

Leggi anche

Chiedere allo stato e all’università di abbandonare il tour operator

La storia non si ferma qui. Sembra sei mesi dopo che il post è stato cancellato altra funzione sul sito di Lancet. La pubblicazione è stata firmata da Zion Hagai, presidente della Israel Medical Association. Questo post è una risposta al post di Gilbert, Warrior e altri due. Hagai crede che i quattro stiano usando la pandemia come una “piattaforma poco convincente per il loro discorso politico in corso”.

Il post di Hagai include anche un link al post che è stato rimosso. Questo collegamento porta a una pagina vuota.

L’ironia è grande, pensò Gilbert.

Non ho ricevuto una contronotifica

Secondo Mohareb, non sono stati informati della pubblicazione di questo post.

– Non lo sapevamo fino a quando altri non ci hanno inviato il link di risposta, siamo rimasti sorpresi perché agli autori non è stato detto che non siamo stati invitati a rispondere, come dettano le buone pratiche di pubblicazione. Questo è stato anche in risposta a un post che è stato rimosso dal sito.

Sebbene pensassero che Hagai non avesse contestato ciò che avevano scritto, lei dice che volevano comunque rispondere.

Rania Muhareb.

La loro risposta è stata respinta da The Lancet.

Scrivono di aver anche fornito commenti a un’altra rivista della famiglia Lancet, ma gli è stato detto che l’intero Lancet era stato sottoposto a “boicottaggi estremamente devastanti” quando hanno pubblicato critiche alla politica israeliana senza “una risposta dal punto di vista israeliano”.

READ  Ai giovani: abbandona il ruggito del clima! - Dagsavisen

Nel British Medical Journal, notano che il post di Hagai è rimasto senza risposta e ritengono che esprima un “notevole doppio standard” che “conferma che una cosiddetta politica di ‘equilibrio’ protegge tutti tranne gli oppressi”.

Una lettera aperta è stata pubblicata nel 2014

Secondo Gilbert e Mohareb, nella loro risposta al motivo della cancellazione del post, Horton ha affermato che la rivista è stata oggetto di una campagna simile dopo aver pubblicato un rapporto nel 2014. Una lettera aperta a sostegno del popolo di Gaza, tra gli altri, Gilbert.

La campagna continuò per due anni e richiese la rimozione dell’articolo e le dimissioni di Horton. Niente di tutto ciò si è avverato. Il difensore civico di Lancet ha detto di no, non c’era motivo di rimuovere l’articolo. Gilbert ha detto che il consiglio di amministrazione di Elsevier ha detto no alla rimozione di Horton e ha notato la corrispondenza che hanno avuto con Horton dopo la rimozione della posizione lo scorso anno.

Leggi anche

“Il più grande fallimento politico nelle democrazie occidentali dalla seconda guerra mondiale”

– Ha risposto francamente che non potevano fare un altro giro per il 2014, dice il medico norvegese.

Non ho familiarità con altri casiحالات

Sebbene il post sia stato rimosso dal sito Web di Lancet, è ancora disponibile, sia tramite il database PubMed che ScienceDirect, la piattaforma editoriale di Elsevier per articoli ad accesso aperto.

Non è più disponibile online, ma non è più disponibile sul sito web della rivista. Mohareb dice: È una terra di nessuno accademica, dove l’articolo non è stato ufficialmente ritirato, ma l’originale non è più sul sito, dice Mohareb.

La pubblicazione non è inclusa nemmeno nell’attuale edizione cartacea di The Lancet.

(Leggi di più dopo l’annuncio)

Ritengono che la rimozione del posto costituisca un “nuovo pericoloso precedente”. Sostengono nel British Medical Journal: “Consentendo agli interessi politici esterni di prevalere su decisioni e politiche editoriali, la rimozione di articoli pubblicati su riviste peer-reviewed è un duro colpo per la libertà accademica”.

READ  - Questa è come la punizione di essere infettati da Corona

“Non siamo a conoscenza di altri casi in cui un articolo già pubblicato su una rivista accademica venga cancellato dopo essere stato accettato per la pubblicazione, sulla base di pressioni politiche dall’estero”, afferma Mohareb.

In un articolo sulla rivista Politica del Medio Oriente, dall’estate 2020, stanno scrivendo la storia per la pubblicazione dal marzo dello stesso anno in una storia più ampia su quella che descrivono come “censura accademica sulla Palestina nel mondo della medicina”.

“Questo non è solo un dibattito sulla libertà accademica in una torre d’avorio”, hanno scritto, aggiungendo che se le società scientifiche e mediche non prendono posizione contro “la censura, il bullismo e le violente campagne di pressione delle riviste accademiche silenziose”, il ” rimozione continua di fatti, voci, storie ed esperienze sulla salute dei palestinesi”.

Amo sempre Lancet

Gilbert dice di aver sempre amato Lancet.

Era una rivista straordinariamente importante quando si trattava di scrivere e pubblicare articoli scientifici sul rapporto tra condizioni sociali e salute, dice e sottolinea che Lancet nel 2009, dopo l’attacco israeliano a Gaza, ha scritto una serie di articoli sulla situazione sanitaria nei territori palestinesi occupati, che culminò nella Lancet Palestine Health Alliance (LPHA).

È stata una piattaforma molto importante per la ricerca medica palestinese, afferma Gilbert, che ha presentato un rapporto nel gennaio 2009 in LancettaCon il dottor Eric Voss sulle condizioni all’ospedale di Shifa durante l’attacco israeliano.

Ora si crede che la linea editoriale sia cambiata.

– Questo appare nella censura della nostra piccola pubblicazione di marzo, e appare nel fatto che The Lancet ha pubblicato solo il messaggio di un lettore durante e dopo il bombardamento di Gaza. Dice che è un chiaro cambiamento.

Khrono è stato in contatto con The Lancet per le critiche a Gilbert, Warrior e Wispelwey. La rivista ha risposto che non avevano commenti.