Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’artista parla dopo che il ROM ha rimosso parte della mostra

L’artista parla dopo che il ROM ha rimosso parte della mostra

Il Royal Ontario Museum (ROM) ha ripristinato una mostra dopo che gli artisti dietro di essa hanno organizzato un sit-in di 18 ore per protestare contro ciò che, secondo loro, equivaleva a censura.

“La morte: il più grande mistero della vita” è stato presentato al ROM in ottobre. 28. La mostra pretende di esplorare “come la vita e la morte siano parte di un processo globale, continuo e ciclico”.

Ma in un post su Instagram durante il fine settimana, gli artisti dietro la mostra hanno affermato che la ROM aveva rimosso un pannello raffigurante la parola “Palestina” dall’opera senza il loro permesso, così come “altri testi e immagini relativi alla Palestina”, una mossa hanno preso quella che collettivamente viene chiamata “censura”.

Gli artisti hanno organizzato un sit-in di protesta al ROM, iniziato nel tardo pomeriggio di sabato e proseguito fino a domenica.

Nel loro post hanno affermato che il ROM è “complice nel spogliare i palestinesi della loro umanità nella vita e nella morte” rimuovendo l’immagine del papavero ricamata a mano che rappresenta la bandiera palestinese e la vita di coloro che sono morti per mano dell’occupazione.

Ma in una dichiarazione ai media domenica, i rappresentanti del ROM hanno affermato che il museo “ha proposto solo modifiche ad alcuni contenuti nel tentativo di mantenere l’attenzione della mostra sulle pratiche culturali, i rituali e la scienza che circondano la vita e la morte, piuttosto che sull’argomento”. pratiche culturali, rituali e scienza che circondano la vita e la morte.” Attualità.

“Apportare modifiche alle mostre itineranti e adattare i contenuti per il pubblico locale è una pratica museale standard e viene effettuata in consultazione con l’istituzione originale”, si legge nella dichiarazione.

READ  “La demolizione di un edificio ben funzionante con spazio per la collaborazione, l'apprendimento e la connessione umana è completamente oltre l'obiettivo”

Il Dipartimento delle Antichità ha affermato che la mostra sarà temporaneamente chiusa fino a quando non verranno restituiti i materiali relativi alle pratiche di sepoltura islamiche palestinesi e al contenuto culturale ebraico, poiché erano originariamente esposti al Field Museum di Chicago.

“Le modifiche proposte ai materiali relativi alle tradizioni culturali palestinesi sono state presentate ai membri consultivi della comunità del Field Museum, per avviare un dialogo in cui è stata ora raggiunta una soluzione. Come risultato di queste conversazioni, il ROM mostrerà dipinti e poster relativi alle pratiche di sepoltura islamiche palestinesi e ai contenuti culturali ebraici così come erano originariamente visualizzati.

Ma gli artisti dicono di essere ancora sconvolti dal modo in cui vengono trattati.

Mercoledì in un’intervista con CP24, Janine Yassin, una degli artisti colpiti, ha affermato che il ROM ha proposto di aggiungere un disclaimer alla mostra affermando che le opinioni espresse nell’opera d’arte non riflettono quelle del museo.

Ha detto che così facendo “invalida” la sua esperienza e la sua voce.

“Sento che il museo… mi disumanizza completamente, invalida le mie esperienze e le mie verità. Una dichiarazione di non responsabilità non è necessaria. Non vedo nessun’altra opera d’arte che contenga questo”, ha detto.

Yassin dice di sperare che i visitatori del ROM che vedranno l’opera d’arte possano rendersi conto che i palestinesi raffigurati nel dipinto “non sono solo numeri”.

“Sono esseri umani con sogni e speranze, e vengono completamente spazzati via”, ha detto.

“Siamo tutti in lutto.”