Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’asilo è pieno di funghi

I funghi microscopici si trovano nell’aria che respiriamo, sulla pelle e nella polvere. Tuttavia, sappiamo molto poco dei funghi con cui condividiamo il nostro ambiente interno.

Eva Lena Estensmo, Inger Skrede e colleghi del Dipartimento di scienze della vita dell’Università di Oslo e la società di consulenza Mycoteam hanno voluto colmare questa lacuna di conoscenza.

Ho frequentato due asili nido durante l’anno

Ad oggi, hanno ricevuto campioni da un certo numero di case private e asili nido in tutto il paese. Due bambini dell’asilo sono stati seguiti durante un anno intero di campionamento bisettimanale.

I ricercatori hanno esaminato come variava la comunità fungina durante l’anno. I campioni sono stati prelevati in diversi edifici, diverse stanze all’interno dell’asilo e in diversi reparti. Ogni settimana venivano prelevati campioni d’aria all’esterno.

I ricercatori sono rimasti sorpresi nel vedere che c’è poca differenza tra gli asili nido e che il tipo di edificio non ha molto da dire. I funghi presenti nell’ambiente interno, invece, sono fortemente influenzati dal clima e dalle stagioni all’aperto.

Le stanze utilizzate hanno più funghi delle stanze con meno attività.

Inger Screed (a destra) ed Eva Lina Estensmo (a sinistra) hanno mappato le variazioni dei funghi durante tutto l’anno all’asilo.

I lieviti crescono nel vivaio

Estensmo spiega che l’asilo è un ambiente interessante perché c’è molta circolazione d’aria.

– Nella scuola materna, non è solo il sistema di ventilazione, ma gli utenti stessi che contribuiscono alla circolazione e al ricambio dell’aria, afferma Estensmo.

Spiega che i bambini si muovono molto e questo crea più polvere. Sono anche molti dentro e fuori le porte.

Con un carico di indumenti esterni indossati e rimossi, ci sono alcune spore fungine che i ricercatori hanno trovato nei campioni. Inoltre, ci sono pannolini e un tubo, e il fatto interessante che lo stomaco e l’intestino sono un luogo in cui prospera il lievito.

READ  Spazio per aumenti salariali nel 2021

Quindi i ricercatori hanno scoperto più funghi che prosperano su di noi e sugli esseri umani quando l’inverno era freddo.

Cosa è normale e cosa è pericoloso?

– Volevamo guardare a tutto il paese, preferibilmente a un posto non troppo difficile da raggiungere per studiare. Gli ospedali saranno difficili per motivi di sicurezza dei pazienti. Gli asili nido sono onnipresenti in molti tipi diversi di edifici. Estensmo spiega che dà una bella varietà.

– Ma non c’è niente di sbagliato nell’ambiente interno di questi due asili nido, sottolinea Screed. Abbiamo trovato poca differenza tra Kindergarten.

In altre parole, non ha molto da dire sul tipo di edificio in cui si trova l’asilo nido o se è nuovo o vecchio.

– È importante sapere qual è la differenza naturale nell’ambiente interno. Dobbiamo essere in grado di dire qualcosa su ciò che è comune prima di poter dire qualcosa su ciò che è pericoloso. L’obiettivo è trovare una sorta di base per ciò che possiamo aspettarci nel test, continua Skred.

fungo Penicillium, o muffa a pennello in norvegese, è uno dei funghi microscopici che sono stati trovati.

Traccia il DNA dei funghi

Secondo i ricercatori, nessun tentativo simile è mai stato fatto. Gli esemplari pre-asilo sono stati coltivati ​​in piastre Petri. I ricercatori si affidano quindi a ciò che considerano coltivabile.

Questa volta, i ricercatori hanno tracciato il DNA dei funghi per includere tutte le specie.

Il punto debole di questo metodo risiede nella sua incapacità di dire qualcosa sul fatto che ci sia un gran numero o un piccolo numero di funghi in generale. Se trovi un fungo, conterà il 100% del campione, ma ciò non significa che ci siano molti funghi nella stanza.

READ  Può fornire spazio per un concerto lungo la costa - NRK

D’altra parte, ciò che questo metodo considera eccezionale è il rilevamento del contrasto.

Vediamo che le variazioni stagionali e l’influenza umana sono ciò che conta. È noto che i batteri che troviamo in casa sono legati alle persone che vi abitano. Per i funghi, era comune pensare che la casa e il tipo di ventilazione governassero, ma questo non è d’accordo con ciò che stiamo vedendo qui, dice Screed.

tipo di fungo Cladosporium.

Sappiamo così poco dei funghi che condividiamo nelle case

I funghi che i ricercatori stanno osservando sono invisibili ad occhio nudo. Alcune delle specie che hanno trovato nei campioni di DNA erano spore microscopiche di funghi comuni nella foresta, come i finferli.

Altre specie che hanno trovato possono vivere quasi tutta la loro vita invisibili. Un esempio sono i funghi lievito, che possono trasformare i succhi di frutta in vino.

Una volta che i ricercatori hanno raccolto i campioni di DNA, hanno esaminato i luoghi leggermente sollevati da terra, a livelli di polvere tipici, come la parte superiore di una libreria. Poi sono andati con un piccolo pennello a raccogliere il DNA.

Quello che hanno trovato è stato analizzato e confrontato con un database di informazioni sul DNA fungino.

– Ne troviamo alcuni che non troviamo nei database. Potrebbero esserci nuovi funghi di cui non sappiamo molto. Sappiamo di più su alcuni tipi di funghi. Spesso sono i funghi che possono crescere o causare danni, dice Estensmo.

I ricercatori possono ancora utilizzare i database per ottenere un quadro generale del tipo di funghi che trovano e la maggior parte può essere inserita nell’albero genealogico dei funghi.

L’aria non è sterilizzata

Quando si pensa alla cosiddetta aria pulita, molte persone immaginano di camminare nei boschi e nei campi o di una fresca brezza in riva al mare. Quest’aria potrebbe non essere piena di scarichi di plastica o polvere, ma contiene molta vita.

Quella vita arriva anche con noi, indipendentemente dal fatto che disponiamo o meno di un sistema di ventilazione filtrata ben funzionante.

Estensmo afferma che ciò che troviamo è naturale nell’aria interna.

Dice che non devi essere sterile, ma ci sono alcuni di questi funghi che possono essere sfortunati se trovati in grandi quantità. Altrimenti, sono del tutto normali e fanno parte della diversità che ci circonda.

muffa del sesso Aspergillus fungoÈ un fungo associato all’attività umana.

I dati meteorologici possono dire qualcosa sui dati sui funghi

Dopo aver raccolto campioni in due asili nido per un anno intero, i ricercatori hanno sviluppato una panoramica che mostra le differenze tra i campioni durante l’anno.

Si scopre che le stagioni e il tempo influenzano maggiormente il tipo di fungo.

“In estate e in autunno, abbiamo la maggior parte dei funghi comuni dei boschi, come i polli che crescono fino alla morte all’esterno”, spiega Screed.

I ricercatori non pensano che stiano crescendo all’interno di un asilo, ma fanno ancora parte dell’ambiente interno che si muove nell’aria. In inverno si ottiene una maggiore percentuale di funghi associati all’attività umana. I funghi possono essere nel cibo o sulla pelle.

– Abbiamo visto, tra l’altro, che i funghi che sono più presenti di loro in inverno e in primavera, quando fa freddo, erano cilindrici come Penicillum e Aspergillus. È legato all’attività umana. In estate e in autunno abbiamo visto più spore di funghi basali, che sono spesso i funghi che conosciamo dai boschi fuori, dice Estensmo.

In autunno, i ricercatori hanno trovato spore di finferli all’interno.

C’è un piccolo rischio che i funghi che arrivano in estate e in autunno inizino a crescere in casa. I nostri edifici sono progettati per essere resistenti in quanto devono essere asciutti e avere pochi nutrienti disponibili per i funghi. Quegli stessi funghi speravano che le spore sarebbero atterrate altrove, con condizioni di crescita migliori, dice Screed.

È importante conoscere le differenze nei campioni se si desidera campionare da un ambiente interno. Possono esserci differenze molto grandi a seconda di ciò che sta accadendo all’esterno e non è arbitrario quando questo campione viene preso nell’anno.

Riferimento:

Eva Lena F. Estensmo et al.: Variazione spaziotemporale del micobioma interno negli asili nido. microbioma, 2021. Doi.org/10.1186/s40168-021-01167-x