Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Le alghe sono una povera fonte di proteine ​​per suini e pollame in uno studio condotto in Norvegia

Il team, composto da ricercatori dell’Università norvegese di scienze ambientali e della vita e dell’istituto di ricerca indipendente SINTEF, ha valutato due tipi di alghe, ScarinS Palmaria PalmataEntrambi sono coltivati ​​nelle acque norvegesi.

Il loro studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista Scienza e tecnologia della nutrizione animaleÈ stato implementato come parte del progetto PROMAC ed è stato finanziato dal Consiglio norvegese della ricerca.

I ricercatori commentano che c’è un crescente interesse e supporto per lo sviluppo di alghe per una vasta gamma di potenziali applicazioni di prodotti in Norvegia.

Tra le alghe che crescono nelle acque del Nord, ScarinS Palmaria PalmataHanno detto che sono importanti in quanto due specie completamente diverse, rispettivamente marrone e rossa, con composizioni chimiche molto diverse.

Le alghe brune di solito hanno un alto contenuto di alginato e contengono anche cellulosa, laminaran, mannitolo e fucoidan (Holdt e Kraan, 2011). Al contrario, il carboidrato più importante nelle alghe rosse è lo xilano (Holdt e Kraan, 2011).

Il contenuto proteico delle alghe brune è generalmente inferiore a quello delle alghe rosse, 30-140 g/kg di sostanza secca in Scarine 80-350 g/kg pollice Palmaria PalmataSono due.

Le pinze differiscono anche per il contenuto di minerali.

L’altissimo contenuto di iodio delle alghe brune è interessante (Roleda et al., 2018), poiché un’assunzione elevata e prolungata può portare al gozzo in individui sensibili (Holdt e Kraan, 2011) e forse ad altri problemi di salute (Shoyinka et al. , 2008), hanno osservato gli esperti norvegesi.

sentenze

Il team ha descritto come gli obiettivi principali dei loro sforzi di ricerca fossero valutare la qualità proteica dei prodotti e vedere se ci sono potenziali effetti sulla salute e sulla funzione dell’intestino e di altri organi dall’uso delle alghe.

READ  L'accesso aperto alla ricerca è fondamentale

Il visone, un modello popolare, è stato utilizzato per confrontare la digeribilità dei nutrienti negli animali. “Questo modello è ben consolidato, non da ultimo per studiare gli aspetti nutrizionali di nuovi alimenti e ingredienti, ma anche per ottenere risultati accurati con un numero limitato di animali (Ahlstrøm e Skrede, 1998; Skrede et al., 1998) in condizioni quali oggi, quando la disponibilità di ingredienti nei mangimi sperimentali è limitata.”,Notano i ricercatori.

Sono stati valutati due prodotti di alghe ciascuno, biomassa intera secca e concentrato proteico.

Tutti i prodotti sono stati prodotti essiccando il materiale appena raccolto, hanno affermato i ricercatori, mentre l’arricchimento proteico è stato ottenuto mediante estrazione di acqua e lavorazione dei carboidrati che hanno ridotto il contenuto di sali e carboidrati solubili.

Sono state fatte cinque diete; Una dieta di riferimento a base di farina di pesce, e una per ciascuno dei quattro prodotti a base di alghe. Negli ultimi quattro, le alghe hanno fornito 200 g/kg di proteina grezza.

Ogni dieta è stata somministrata a quattro visoni maschi per due settimane.

conseguenze

Il team ha concluso che il valore biologico delle proteine ​​delle alghe era basso.

Il concentrato proteico solo da Palmaria palmata può essere considerato come una potenziale fonte di proteine ​​per animali monogastrici. Tuttavia, deve essere utilizzato in combinazione con fonti proteiche di alta qualità o arricchito con aminoacidi per essere utile come fonte di proteine. “

Hanno scoperto che non c’erano benefici o danni evidenti dei prodotti a base di alghe sulla salute e la funzione dell’intestino.

Il team ha notato che i prodotti di ScarinS Palmaria PalmataLa qualità delle proteine ​​era bassa a causa della scarsa digeribilità della maggior parte degli amminoacidi essenziali, in particolare dell’istidina e della metionina.

READ  I polacchi sono pionieri nel preservare le regioni polari

Hanno aggiunto che la digeribilità estremamente bassa della cisteina, che può essere prodotta nel corpo dell’animale dalla metionina, aggrava la carenza di metionina.

I risultati hanno anche mostrato che le diete a base di alghe avevano meno sapore della dieta a base di farina di pesce, hanno detto.

Gli animali hanno nutrito di tutto Scarina La dieta aveva più acqua e produzione di urina rispetto agli altri animali e il team ha affermato che ciò era probabilmente dovuto al maggior contenuto di ceneri di questo prodotto di alghe. “Questa dieta si è distinta anche in termini di concentrazione di iodio nelle urine, che era 300 volte superiore alla dieta a base di farina di pesce”.

L’espressione genica associata alle funzioni gastrointestinale e del sistema immunitario ha mostrato meno effetti nel digiuno ed effetti un po’ più pronunciati nel colon. Il team di ricerca ha affermato che questi ultimi effetti sono legati alla funzione immunitaria e al metabolismo dei lipidi. Non sono stati osservati cambiamenti legati alla dieta nei tessuti del digiuno e del colon.

Hanno sottolineato che l’esame istologico della composizione del fegato e dei reni ha mostrato alcuni cambiamenti negli animali che si nutrono di alghe. Per quanto riguarda l’aggregazione batterica nel digiuno e nella mucosa intestinale, non sono stati osservati effetti evidenti nella dieta, nella ricchezza o nella diversità.

I ricercatori hanno avvertito che i risultati riguardanti la struttura e la funzione dei reni, così come l’alto contenuto di iodio nelle urine, indicano che sono necessarie ulteriori ricerche per garantire che la salute degli animali non sia compromessa dall’uso di questi ingredienti nei mangimi. .

READ  Stordalen fa saltare il budget a Sommerro

Fontana: Scienza e tecnologia della nutrizione animale

sono io: https://doi.org/10.1016/j.anifeedsci.2021.114902

Idoneo: Il valore proteico e gli aspetti sanitari di Saccharina latissima e Palmaria palmata sono stati valutati utilizzando il visone come modello animale monogastrico.

Autori: Krogdahl et al