Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Le autorità chiedono alle compagnie petrolifere di correre più rischi – E24

Piuttosto, le compagnie petrolifere cercano più petrolio e gas nelle aree che conoscono. La Norwegian Petroleum Directorate vuole che siano più coraggiosi e si cimentino in acque inesplorate.

Il direttore del petrolio Ingrid Solfberg vuole più esplorazioni in un territorio inesplorato sullo scaffale.

Inserito: Inserito:

Qual è lo stato di Oil Norway? Giovedì, la Norwegian Petroleum Directorate ha presentato dati sul passato e idee sul futuro.

Il messaggio era chiaro:

  • Il valore di tutto il gas e il petrolio inviati all’estero nel 2021 ha raggiunto un livello record.
  • I prezzi elevati del gas sono in aumento. Il gas rappresentava il 70 percento del valore dell’ultima parte, contro in genere meno del 50 percento.
  • Produzioni redditizie ed elevate di petrolio e gas entro il 2030.

Ma allo stesso tempo, la direttrice petrolifera Ingrid Solfberg si rende conto che le compagnie petrolifere ora devono iniziare a cercare più petrolio e gas nelle cosiddette aree immature.

Queste sono le aree in cui non sono state fatte scoperte speciali e quindi non ci sono piattaforme e infrastrutture a cui collegare la nuova produzione.

– Vuoi un’esplorazione più coraggiosa?

– Sì forse. Vediamo che l’interesse per l’esplorazione vicino a strutture esistenti è maggiore che per l’esplorazione in aree sconosciute. Per esplorare bene lo scaffale, le aziende devono dimostrare la capacità e la volontà di cercare anche in aree sconosciute. Questo è importante per il livello di produzione a lungo termine, afferma Solfberg.

Leggi anche

Direzione petrolifera norvegese: alto valore delle esportazioni di petrolio e gas

Dare priorità ai vicini

Anders Opedal, CEO di Equinor, è tra coloro che hanno chiarito che ora stanno dando la priorità all’esplorazione in aree che l’azienda già produce.

Tale esplorazione è molto buona, perché le aziende dovrebbero essere in grado di sfruttare le strutture offshore, ha affermato Torger Stordahl, direttore della tecnologia presso la Norwegian Petroleum Directorate.

– Ma ora la ricerca è in corso in eccesso in aree conosciute. Vorremmo che le aziende fossero più coraggiose nelle aree meno conosciute.

Quindi la Norwegian Petroleum Directorate fa riferimento sia al Mare di Norvegia che al Mare di Barents.

– allora, come va?

Abbiamo già visto che questa attività di esplorazione va a ondate. Con l’aumento dei prezzi del petrolio, aumenta anche la propensione al rischio. Se qualcuno ha successo nell’esplorazione, dice Stordahl, più persone vorranno restare per quella scoperta.

Qui, l’esplorazione nel Mare di Barents ha prodotto scarsi risultati negli ultimi anni. Diverse presunte campagne di esplorazione hanno avuto scarsi risultati.

– Ma sappiamo che la nuova tecnologia può cambiare le cose. Quindi incoraggiamo vivamente le aziende a utilizzare la nuova tecnologia di esplorazione, afferma Stordahl.

Continua a leggere E24+

Incendio da piattaforma ferita: come le compagnie petrolifere stanno affrontando il controllo delle infezioni ora

Come fai a far uscire il gas?

La direzione petrolifera norvegese ritiene inoltre che ulteriori sviluppi nel Mare di Barents potrebbero suscitare nuovamente interesse. La nave, che produrrà nel giacimento di Johan Castberg, lascerà presto il cantiere navale di Singapore per essere completata a Stord, quindi inizierà la produzione alla fine del 2024. Si prevede che anche il giacimento di Westing sarà sviluppato più a nord, sebbene Equinor non abbia realizzato un decisione finale.

Ma tutto questo è un giacimento petrolifero – e di per sé non risolve la sfida di portare sul mercato la produzione di gas dal Mare di Barents. Quindi uno qualsiasi dei tubi dovrebbe essere posato a sud o il gas dovrebbe essere trasportato in un impianto, convertito in liquido (GNL) e spedito via nave, come l’impianto Equinor a Melkøya fuori Hammerfest.

Secondo la Norwegian Petroleum Directorate, la mancanza di una soluzione per l’esportazione di gas scoraggia l’esplorazione.

Più fame di gas?

Allo stesso tempo, il direttore del petrolio Ingrid Solfberg può annunciare che il 2021 è stato un anno di esplorazione di successo. 31 pozzi hanno prodotto 18 scoperte – l’equivalente di 510 milioni di barili di petrolio equivalente (volume totale di petrolio e gas, convertito in petrolio dal volume di energia). Il 60 percento è petrolio e il 40 percento è gas.

– L’unico modo per sapere se c’è petrolio e gas da qualche parte è perforare pozzi esplorativi, afferma il manager petrolifero Solfberg.

Cosa dirà ora l’alto prezzo del gas per l’esplorazione?

– Questo è un settore a lungo termine che non può cambiare le priorità dopo le variazioni a breve termine dei prezzi. Ma da molti anni si sente dire che le aziende non sono interessate al gas. Forse possiamo vedere una svolta in questo ora?

Leggi anche

La nuova critica di Mungstad: – Mi aspettavo che Equinor avrebbe fatto di più

READ  Nordea, Banca | Nordea ottiene quote di mercato