Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Le autorità cinesi smetteranno di elencare miliardi – E24

Martedì mattina ha prevalso un umore misto nei principali mercati azionari asiatici. Allo stesso tempo, potrebbero esserci più blocchi a Sydney e le autorità cinesi stanno rafforzando la presa sull’industria tecnologica.

L’autista Didi a Pechino controlla le informazioni sul percorso nell’applicazione dell’azienda. Ora è emerso che le autorità cinesi vogliono fermare la quotazione del gigante dei trasferimenti alla borsa statunitense e l’app non è più disponibile per i nuovi utenti in Cina.

Jason Lee/Reuters

Inserito:

Ecco come stanno andando lunedì mattina le principali borse della regione Asia-Pacifico:

  • L’indice Nikkei 225 di Tokyo è salito dello 0,36%
  • L’indice Hang Seng di Hong Kong è sceso dello 0,58 percento
  • L’indice Kospi a Seoul è salito dello 0,44 percento
  • L’indice Shanghai Composite è sceso dello 0,53%
  • L’indice FTSE Straits Times di Singapore è in rialzo dell’1,12%
  • ASX 200 a Sydney è sceso dello 0,24 percento

Altrimenti, un barile di petrolio del Mare del Nord (bruciato in loco) veniva scambiato a 77,52 dollari al barile, in aumento dello 0,57% dalla mezzanotte. Di conseguenza, il prezzo del petrolio ha raggiunto il livello più alto dall’ottobre 2018 ed è aumentato in linea con il continuo rinvio dell’ultima riunione dell’OPEC+.

Anche il prezzo del petrolio leggero statunitense è salito a 76,73 dollari, con un aumento dello 0,75% durante la giornata.

Smetterai di elencare

Quando la società di trasporti di rete Didi è diventata pubblica negli Stati Uniti all’inizio di luglio, ha raccolto $ 4,4 miliardi, ovvero circa 38 miliardi di corone. Dopo la quotazione, la società è stata valutata 68 miliardi di dollari.

La quotazione segna la più grande vendita di azioni per una società cinese dalla quotazione di Alibaba Group Holdings nel 2014, scrive Il giornale di Wall Street.

Tuttavia, il prezzo delle azioni è sceso in modo significativo venerdì, del 5,3%, dopo che le autorità cinesi hanno annunciato un’indagine sulla sicurezza informatica della società. Allo stesso tempo, le autorità hanno bloccato le attività dell’app in Cina rifiutandosi di registrare nuovi utenti, secondo la stessa fonte.

Lo sfondo è la registrazione illegale di dati personali, rappresenta un altro caso di azioni normative più severe da parte delle autorità, e recentemente diversi miliardi di colossi del paese sono stati oggetto di dumping in valore di mercato.

Tencent Holdings, Alibaba Group Holding e Meituan, le tre più grandi società tecnologiche in Cina, hanno perso quasi 3.400 miliardi di NOK di capitalizzazione di mercato dal picco di febbraio, ha scritto. BloombergE ora Diddy si è unito ai ranghi.

ora Scrivi Il giornale di Wall Street Che le autorità cinesi hanno cercato di fermare l’IPO del colosso vettore negli Stati Uniti e hanno chiesto una revisione completa della sicurezza della rete della compagnia.

In mattinata, l’indice di Shanghai è più basso, a causa dei timori di una regolamentazione più severa del settore tecnologico cinese, e allo stesso tempo si presume che le autorità della concorrenza stiano pianificando di fermare i piani del gigante di Internet Tencent di unire i due più grandi siti di streaming video. Giochi in Cina, rapporti Reuters. Il motivo deve essere la legislazione del paese attività di prevenzione dei cartelli e sospetto di attività monopolistiche.

Il sito Web di Douyu e Huya verrà unito ed entrambi possono essere paragonati al noto sito Web di Twitch. Tencent è già il maggiore azionista di Huya, possiede un terzo di Douyu e si dice che sia stato un forte motore della fusione per diversi mesi, scrive Reuters. Le azioni Tencent sono aumentate dello 0,45% al ​​mattino.

Leggi anche

L’OPEC dovrebbe aumentare la produzione: – ribelli cinesi

Sforzandosi di cambiare comportamento

Lo scorso autunno, le autorità cinesi hanno sospeso la quotazione di Ant Group, che Jack Ma aveva messo in atto pochi giorni prima che fosse sulla buona strada per diventare la più grande della storia, con un valore di oltre 2.500 miliardi di NOK.

Kelly Chen, macroeconomista di DNB Markets, ha osservato che le autorità cinesi per la concorrenza avevano già annunciato intorno a Natale l’inasprimento dei regolamenti, che è stato implementato a febbraio.

Lo sfondo, dice Chen, è il desiderio di proteggere i consumatori e fermare i comportamenti che danneggiano la concorrenza.

– Hanno avviato una serie di indagini retrospettive, ha detto a E24.

“L’obiettivo non è punire severamente le aziende o l’industria, ma cambiare il comportamento in futuro”, ha aggiunto.

altrimenti segnala Reuters Un’altra chiusura a Sydney è imminente. L’attuale arresto è previsto per venerdì prossimo, scrive la stessa fonte. La Reserve Bank of Australia ha riferito in mattinata di mantenere invariato il tasso di interesse di riferimento allo 0,1 per cento. La banca sta anche mantenendo il suo obiettivo di detenere titoli di stato triennali allo 0,1 percento, secondo i rapporti. Economia commerciale Trading.

Leggi anche

PST sospetta che la Cina sia dietro gli attacchi informatici contro la Norvegia

READ  Ecco le star che quest'estate potrebbero cambiare club