Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Le donne hanno uno status legale nella sfera pubblica

Dobbiamo essere onesti su tutte le donne che sono sempre state lì, ma sono state ignorate dagli uomini.

Cinque uomini storici in una foto: Olaf Kers Gate e Christie’s Gate nel centro di Bergen. A Byparken ci sono rovine di Edvard Grieg e Harald Sæverud, e sulla facciata di Permanenten c’è una statua di IC Dahl. Foto: Fred Ivar Otsi Klimtsin (Archivio)

  • Christine Sundfour Solvin e Johan Verhoog Lorre

    Attiviste nel Fronte delle donne

Pubblicato Pubblicato

iconaDiscussione

Questo è l’argomento di discussione. Il post è stato scritto da un collaboratore esterno e la qualità è assicurata dal BT Debating Department. Le opinioni e le analisi sono di proprietà dell’autore.

Bergen è davanti Un buon esempio è quando vogliono nominare nuove strade e piazze solo dopo le donne. È un riconoscimento che le donne sono state sottorappresentate nel corso della storia, un passo importante sulla strada per correggere gli squilibri storici.

Le donne sono sempre state oppresse come gruppo, perché siamo donne e il nostro contributo alla società è stato invisibile e portato ai margini.

Leggi anche

Pertanto, le nuove strade non dovrebbero prendere il nome dagli uomini

Chiamati “i vincitori scrivono la storia”, erano sempre uomini che scrivevano di se stessi o di altri uomini. Ciò si riflette nella sfera pubblica e nella nostra narrazione collettiva, dove i contributi delle donne sono solitamente menzionati tra parentesi, come informazioni aggiuntive per la grande e condivisa storia sugli uomini.

Quando ci vediamo La città è fortemente dominata dagli uomini.

Quindi sembra che le donne nel corso della storia non abbiano contribuito a far loro meritare il riconoscimento pubblico. Le donne sono semplicemente invisibili. Le ragazze e le donne non dovrebbero vedersi riflesse nella società in cui viviamo. La rappresentanza e il riconoscimento sono importanti per tutti i perseguitati e le donne non fanno eccezione.

READ  Valer, Solor | se e May-Liss sono dipendenti dai dipinti di Sigmund

Christine Sundfour Solvin e Johan Verhoog Lorre Foto: privato

Recitare è importante, Perché scriviamo la nostra storia collettiva attraverso la recitazione. Chi lo ricorda? Quali persone prendono il nome dalle strade e dai luoghi? Chi pensiamo abbia contribuito a qualcosa che vale la pena ricordare? Non c’è motivo di allevare le ragazze in un’immagine urbana che rappresenta solo gli uomini. Ci sono molte donne che hanno contribuito almeno altrettanto, ma sono state scritte come note storiche e non hanno mai ricevuto i titoli che meritano.

Leggi anche

Ståle Sørensen: “Peccato se Aarebrot non ha un cancello a Bergen”.

Per evidenziare lo storico Le donne non ci citano. Dobbiamo essere onesti su tutte le donne che sono sempre state lì, ma sono state ignorate dagli uomini che hanno deciso cosa fosse importante. Ci sono uomini che sono stati martirizzati a spese delle donne e delle minoranze.

La rappresentazione è scomoda per chi è al potere. Devono rinunciare ad alcuni dei loro privilegi e questo può far male.

Durante la Women’s History Night dell’8 maggio, molte attiviste in tutto il paese hanno appeso striscioni con donne dimenticate che non ricevevano il riconoscimento che meritano.

Leggi anche

Non possiamo più convertire la “ragazza danese” in un corpo nudo

Rendiamo le donne visibili Questo è stato trascurato. Le donne che hanno partecipato alla guerra contro il nazismo, le donne che hanno combattuto per i diritti riproduttivi, le donne che sono state coinvolte nel movimento sindacale, le donne che hanno combattuto per la solidarietà internazionale. Donne che hanno cercato, scritto, creato e combattuto. Le donne che hanno costruito il nostro paese e la storia non è stata scritta su di loro.

READ  Edificio nel seminterrato? Queste sono le regole!

Sai chi è Katie Anker Muller? O Fernanda Nissen, Elsa Laula Reinberg, Gerd Stub Andersen? Oggi la Norvegia è uno dei paesi più egualitari del mondo e le donne norvegesi stanno sulle spalle di questi giganti. Meritano credito per questo e meritano di essere ricordati.

Dovresti seguire più città Ad esempio Bergen, non abbiamo bisogno di celebrare la notte delle donne in futuro. Ma richiede un atteggiamento attivo e consapevole che riconosca l’eredità storica di cui siamo tutti privati ​​quando una donna non ottiene il suo giusto posto nella storia.

Pubblicato