Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Le grandi aziende guidano la trasformazione – E24

Handelsbanken e Storebrand stanno licenziando le compagnie petrolifere e DNB ha promesso 1 miliardo di dollari per diventare verde. I ricercatori sono ottimisti sul fatto che le banche lotteranno per la leadership nella lotta per ridurre le emissioni di gas serra.

Elogi per il lavoro delle banche: i ricercatori Helge Drang, Kiki Fleisch e Harald Frank Lund ritengono che i requisiti e gli obiettivi climatici per le banche norvegesi siano essenziali nella lotta per ridurre le emissioni di gas serra.

Kim E Andreessen / Elaine è stata vista / Esclusiva

Inserito:

Nelle ultime settimane, sul nastro trasportatore sono apparse le notizie sul clima dalle più grandi banche norvegesi: banche commerciali Ha cacciato tutte le compagnie petrolifere e del gas dai suoi portafogli e Storebrand è uscito e ha chiesto a Equinor di rafforzare i suoi obiettivi climatici.

Ora anche DNB si è lanciata nella battaglia per diventare la migliore del clima. Giovedì della scorsa settimana, la banca principale ha annunciato che avrebbe raccolto 1.500 miliardi di NOK per la ristrutturazione verde. DNB fisserà anche requisiti climatici più rigorosi per le aziende che desiderano finanziamenti.

Il ricercatore sul clima e direttore entrante del Perkins Center, Kikki Flesche Kleiven, è molto ottimista sul fatto che le banche chiedano di più alle grandi aziende.

– Questo non è un lavaggio verde. Le banche stanno spingendo le grandi aziende a fare una svolta. Divento ottimista sul clima quando vedo questo tipo di azienda che propone requisiti e soluzioni climatiche, dice.

Leggi anche

Equinor investirà quasi 200 miliardi in energie rinnovabili

Finanza in primo piano

Claven parla dello spostamento dell’attenzione dai politici alla finanza negli ultimi tre anni.

Guarda le industrie che hanno risposto rapidamente ai rapporti dell’UN Climate Panel e hanno intrapreso azioni per il clima. Si tratta di banche, finanza e assicurazioni.

Elogia in particolare le banche, che stabiliscono requisiti più severi per finanziamenti e prestiti.

La DNB non si sta impuntando quando si tratta di petrolio, ma sta inasprendo il quadro dei prestiti e richiedendo la ristrutturazione alle compagnie energetiche. DNB ha sempre offerto strutture di prestito migliori, carot, ai clienti che, ad esempio, scelgono di ristrutturare una casa in modo rispettoso del clima. È un modo molto semplice per fare davvero la differenza. Soprattutto quando stanno facendo lo stesso e influenzano le grandi aziende, dice Claven.

Leggi anche

Storebrand sulla pressione dell’olio contro le richieste del clima: – Non riesco a ottenere i formatori

Rapida ristrutturazione da parte delle banche

Il direttore generale Harald Frank Lund di Cicero Shades of Green pensa che gli obiettivi e le azioni delle banche sul clima siano buone notizie.

Non c’è niente di meglio delle aziende che competono per essere le migliori nella sostenibilità. Dice che non possiamo farcela senza le banche.

Lund sottolinea che non esiste una risposta definitiva a ciò che le banche dovrebbero fare per garantire la necessaria transizione verde, ma dovrebbero richiedere informazioni sufficienti alle aziende e seguirle da vicino.

Dice che se vogliamo realizzare un rapido cambiamento, dobbiamo vedere un cambiamento significativo negli investimenti e nel reddito.

Leggi anche

Storbank richiede un piano climatico per finanziare petrolio e gas

Diversi fattori contribuiscono

Il professor Helge Drang del Perkins Center indica una serie di fattori per spiegare perché le banche stanno intensificando la loro lotta per lasciare un segno sul clima.

È sempre più riconosciuto a livello internazionale, nell’Unione europea ea livello nazionale, che il clima e l’ambiente sono in cambiamento negativo. Con quasi otto miliardi di persone sulla Terra e un’impronta ambientale e climatica più grande e profonda di molti di noi, avrà conseguenze gravi, pericolose e potenzialmente irreparabili se l’evoluzione continua, dice.

Drange osserva che l’energia fossile ha un futuro finito e crede che il picco sia stato probabilmente raggiunto.

Allo stesso tempo, l’energia rinnovabile sta crescendo e diventando sempre più competitiva. In alcuni casi, dice, ora è più economico dell’energia fossile.

Il professore e ricercatore ritiene che le istituzioni finanziarie rischino il rischio finanziario – e una più profonda perdita di reputazione – continuando come prima.

Ci sono anche rischi finanziari se si è molto riluttanti a entrare nella nuova era. Dring afferma che l’industria finanziaria svolge un ruolo importante e importante nell’accelerare la transizione verso un futuro senza fossili.

Leggi anche

Commento: Il ruolo del capitale nella trasformazione verde

Il settore finanziario si sta restringendo

Negli ultimi anni, entrambi i principali investitori internazionali come la francese AXA e l’italiana Unicredit hanno fissato l’obiettivo di stabilire requisiti climatici più severi come condizione per il prestito di denaro.

Il direttore della borsa valori Ovind Amundsen della borsa di Oslo ritiene che gli investitori nazionali e stranieri non siano più soddisfatti del rendimento atteso dei loro investimenti. Ci sono requisiti chiari che le aziende non danneggiano l’ambiente e danno anche un contributo positivo a tutte le altre aree di ESG.

Rappresentanti come Larry Fink, gestore di fondi del gigante BlackRock, hanno affermato che il mondo finanziario sta cambiando radicalmente e che ci sarà un massiccio spostamento di denaro in una direzione rispettosa del clima. Più veloce di quanto la maggior parte delle persone si aspetti.

E24 ha scritto molti articoli sugli investitori istituzionali, in particolare, che trasferiscono i loro soldi da aziende considerate insostenibili o non in linea con gli obiettivi climatici dell’Accordo di Parigi e a società che dovrebbero essere sostenibili.

Leggi anche

DNB raccoglierà 1.500 miliardi di NOK per diventare ecologici e diventare più duri con i clienti

READ  Qui gli immigrati promettono 300.000 corone - Dagsavisen