Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Le guerre diffondono la resistenza agli antibiotici

Le guerre diffondono la resistenza agli antibiotici

Multiresistente: batteri resistenti. Crescita di batteri resistenti seminati su una piastra di agar in K-res presso UNN. Le macchie bianche contengono vari antibiotici. Man mano che la coltre batterica cresce fino al cerotto antibiotico, i batteri diventano resistenti. Foto: K-res, UNN

Annuncio riservato agli operatori sanitari

Cristiano Tonby

Dalla primavera del 2022, la Norvegia ha contribuito attivamente all’evacuazione medica dei pazienti ucraini. La maggior parte dei pazienti ha ricevuto cure efficaci e salvavita negli ospedali ucraini, ma a causa delle difficili condizioni locali e delle complicazioni, alcuni pazienti hanno avuto bisogno di cure specialistiche aggiuntive in altri ospedali europei.

A differenza degli ospedali nelle zone di guerra e di conflitto, noi in Norvegia abbiamo la capacità di fornire un trattamento adeguato sia per le ferite che per le infezioni, e gli ospedali norvegesi erano chirurgicamente e medicalmente ben preparati per le vittime di guerra. Ma non eravamo preparati all’elevata incidenza di batteri multiresistenti e altamente resistenti nei pazienti. Questa è stata una sfida enorme.

La sfida è certamente maggiore nelle zone di guerra e di conflitto, ma la resistenza agli antibiotici non conosce limiti e il problema è alle nostre porte. Le autorità norvegesi dovrebbero contribuire maggiormente a livello internazionale e nazionale alle misure contro la diffusione della resistenza agli antibiotici. Abbiamo bisogno di un nuovo piano d’azione nazionale contro la resistenza agli antibiotici, e ne abbiamo bisogno adesso.

Arnfinn Sundsfiordo

Arnfinn Sundsfiordo

Minacce Norvegia Siamo fortunati in Norvegia. Le infezioni causate da batteri multiresistenti sono relativamente rare. Questo perché da molto tempo ci concentriamo fortemente sullo sviluppo di un uso prudente degli antibiotici e di un buon controllo delle infezioni. Ma anche qui ci sono nubi scure all’orizzonte.

READ  A quante domande puoi rispondere? Ecco il quiz di Natale 2021!

In Norvegia sono in aumento le infezioni da batteri multiresistenti. Dobbiamo quindi continuare ad avere la resistenza agli antibiotici nell’agenda professionale e politica. La situazione dei pazienti ucraini ci ha ricordato con forza la gravità della situazione.

La maggior parte dei pazienti colpiti dalla guerra che riceviamo all’Ospedale universitario di Oslo hanno infezioni croniche causate da batteri multipli o altamente resistenti che pochi o nessun antibiotico attaccano. Le infezioni in questi pazienti con lunghe degenze ospedaliere in Ucraina richiedono una migliore diagnosi microbiologica, un follow-up delle malattie infettive e rigorose misure di controllo delle infezioni.

Milioni di persone muoiono: 1,2 milioni di persone muoiono ogni anno come conseguenza diretta di infezioni causate da batteri resistenti agli antibiotici. Si stima che entro il 2050, se non verranno prese contromisure, 10 milioni di persone moriranno ogni anno a causa di infezioni multiresistenti.

Annuncio riservato agli operatori sanitari

La medicina moderna è in pericolo e l’OMS ha dichiarato la resistenza agli antibiotici come una delle più importanti minacce alla salute globale.

Protesta a Roma: immagine da una stanza da 4 persone in un ospedale di Roma.  Uno dei pazienti aveva una grave infezione da batteri altamente resistenti.  A causa della mancanza di spazio e della scarsa capacità di isolamento, il paziente è ospitato in una stanza da 4 persone.  Foto: Christian Tonby

Protesta a Roma: immagine da una stanza da 4 persone in un ospedale di Roma. Uno dei pazienti aveva una grave infezione da batteri altamente resistenti. A causa della mancanza di spazio e della scarsa capacità di isolamento, il paziente è ospitato in una stanza da 4 persone. Foto: Christian Tonby

Sappiamo da tempo che la situazione è critica, con alcuni batteri nell’Europa meridionale e orientale che presentano una resistenza alle stelle. In Ucraina esiste una situazione pericolosa di guerre e conflitti, dove è quasi impossibile seguire questo tipo di epidemia. Accesso inadeguato alla diagnosi, al controllo delle infezioni e agli antibiotici efficaci. Negli ultimi anni sono stati segnalati da Gaza numeri di elevata resistenza negli ospedali. Ci aspettiamo che il recente scoppio della guerra a Gaza esacerba il problema.

READ  Ferrari SF90 Stradale: dai un'occhiata: è la risposta del mondo dell'auto a Erling Brod Holland

Oltre alle bombe e ai razzi, è probabile che il bilancio delle vittime aumenti anche a causa delle infezioni causate da batteri multiresistenti.

Piano d’azione nazionale. Recentemente siamo stati ricoverati in un ospedale di Roma. L’Italia ha un ottimo sistema sanitario, ma deve affrontare grandi sfide legate alla resistenza agli antibiotici. Un collega italiano si è espresso così: “Sappiamo di avere una crisi, ma cosa possiamo fare?”. La professionalità dei colleghi italiani è stata impressionante, ma il senso di impotenza di fronte al problema della protesta è stato spaventoso.

Fino al 2020 la Norvegia disponeva di un piano d’azione nazionale contro la resistenza agli antibiotici. Ha avuto successo in molti settori e ha contribuito a ridurre del 30% il consumo totale di antibiotici da parte dei norvegesi. Ciò crea condizioni sfavorevoli per l’insorgenza della resistenza agli antibiotici. Ma tutta l’esperienza ci dimostra che non possiamo riposare sugli allori. La settimana scorsa Dagens Medisin ha sottolineato che l’uso di antibiotici è in rapido aumento in Norvegia. La nostra inazione è pericolosa. Ciò che accade in Italia e nel resto d’Europa riguarda tutti noi.

Un nuovo piano d’azione dovrebbe essere sviluppato il prima possibile. Un nuovo piano d’azione dovrebbe fornire obiettivi e misure chiari per prevenire l’ulteriore sviluppo della resistenza in Norvegia. Il programma dovrebbe concentrarsi sulla diagnosi, sull’uso razionale degli antibiotici e sul controllo delle infezioni. Le autorità norvegesi e le comunità specializzate dovrebbero prendere l’iniziativa e contribuire a rafforzare la cooperazione europea e globale contro la resistenza agli antibiotici e a rafforzare l’accesso ad antibiotici efficaci.

Tuttavia, nelle zone di conflitto, l’azione più importante è: fermare immediatamente le guerre insensate!

READ  - Voglio essere molto meglio di loro

Nessun conflitto di interessi dichiarato

Resistenza: incidenza di batteri multiresistenti in diversi paesi della regione UE/SEE.  Il rosso e il viola mostrano un'incidenza maggiore.  Il verde e il giallo mostrano una bassa incidenza.  Un esempio è il batterio Klebsiella pneumoniae, che presenta resistenza all’ESBL.  Fonte: Centro europeo per il controllo delle malattie (ECDC)

Resistenza: incidenza di batteri multiresistenti in diversi paesi della regione UE/SEE. Il rosso e il viola mostrano un’incidenza maggiore. Il verde e il giallo mostrano una bassa incidenza. Un esempio è il batterio Klebsiella pneumoniae, che presenta resistenza all’ESBL. Fonte: Centro europeo per il controllo delle malattie (ECDC)